News 1 min

Xbox Series X: lancio “non dipendente” da Halo Infinite e altre esclusive

Carenza di esclusive al day one? Per Microsoft non è un problema

Il rinvio di Halo Infinite è stato un brutto colpo per gli appassionati e, almeno all’apparenza, per la stessa Microsoft.

Il gioco è stato presentato fin dal primo istante come l’esclusiva che avrebbe accompagnato il lancio di Xbox Series X, salvo venire poi rinviato, dopo la presentazione del gameplay, al 2021.

Secondo un portavoce della casa di Redmond, però, l’uscita della console next-gen non sarebbe mai stato «dipendente» dal prossimo capitolo della saga di Master Chief, né da altre esclusive.

La campagna single-player di Halo Infinite costituirà un cambio di rotta per il franchise, come vi abbiamo raccontato nella nostra anteprima, ma evidentemente servirà più tempo per concretizzarlo al livello di qualità previsto.

Questa dichiarazione conferma le precedenti affermazioni di Phil Spencer, responsabile di Xbox, secondo cui uno slittamento del gioco non avrebbe mai portato al rinvio della piattaforma.

«Avere Halo al nostro lancio sarebbe stato fantastico», ha spiegato Cindy Walker, un dirigente della divisione marketing, al New York Times.

Tuttavia, «non siamo dipendenti da enormi titoli esclusivi per spingere all’adozione della console. I nostri giocatori avranno migliaia di giochi da quattro generazioni di Xbox disponibili nel giorno di lancio».

La stessa posizione espressa nel giorno del rinvio di Halo Infinite, quando Microsoft rincuorò da subito i suoi fan spiegando che la libreria di Xbox Series X sarebbe stata comunque abbastanza piena da soddisfare i loro appetiti.

Posizione diametralmente opposta a quella di Sony, come verrà rimarcato nell’evento PlayStation di stasera a pochi mesi dal day one di PS5.

Se volete tenervi pronti a prenotare PS5 non appena sarà resa disponibile, tenete d’occhio la pagina dedicata su Amazon.