Theros Oltre la Morte: le novità della nuova espansione di Magic the Gathering – Speciale

Passiamo in rassegna le novità più rilevanti

Speciale
A cura di Valentino Cinefra - 29 Gennaio 2020 - 9:50

Il 24 gennaio 2020 è uscita ufficialmente Theros Oltre la Morte nei negozi di tutto il mondo, dopo essere approdata dal 16 gennaio su Magic the Gathering Arena. L’ultima espansione di Magic riporta i giocatori a Theros, un setting già noto che ritorna alle soglie del 2020. Dopo Il Trono di Eldraine, un’espansione che si è rivelata oltremodo potente, con un power level così alto da generare ben tre ban (di cui uno su Oko, che è diventata una carta ingiocabile praticamente ovunque), nonché numerosi formati ed archetipi come il Food ed i mazzi Fires con Fuochi dell’Invenzione.

Theros Oltre la Morte non ha un power level palesemente alto, nel senso di carte che già da sole sono chiaramente performanti anche all’occhio di un inesperto. Tuttavia, le dinamiche che vedremo, così come alcune carte (tra cui quelle più attese che, tutto sommato, lo sono ancora quasi completamente) specifiche, fanno presagire un’espansione in grado comunque di dare uno scossone al meta.

Faremo un’analisi, avvalendoci del metagioco attuale e in divenire, anche con l’ausilio dei primi archetipi di mazzi che stanno nascendo al momento. Quasi esclusivamente in ottica MTG Arena, non considerando quindi l’eventuale influenza del set nei formati che non sono presenti nella versione videoludica di Magic the Gathering.

theros oltre la morte

Incantesimi, divinità ed oltretomba

Theros Oltre la Morte è un’espansione che si ispira chiaramente alla mitologia greca e, come spesso accade per i set di Magic, anche le dinamiche di gioco cercano di rispecchiare il tema delle nuove carte. Divinità ed incantesimi sono le tematiche fondamentali, ma anche l’oltretomba che, simboleggiato dalla rediviva Elspeth, diventa sempre più una parte integrante del gioco.

Ma andiamo al sodo, parlando delle nuove meccaniche e keyword.

Come accennato ritornano le creature che hanno il tipo Incantesimo aggiuntivo, e come ogni incantesimo vengono trattate in termini di regolamento. Di ritorno anche gli incantesimi Saga che avevamo già visto in Dominaria, così come le meccaniche tribali che stavolta si arricchiscono andando a potenziare Ragni, Zombi, Lupi, Pegasi e… Satiri. Curiose carte come Galya della Danza Interminabile, che potenziano tutti i satiri, pur non essendocene granché nell’espansione, ce ne aspettiamo magari in futuro. Inoltre, anche Devozione e Costellazione tornano nell’epoca moderna di Magic.

theros oltre la morte

La prima abilità è relativa al numero di simboli di mana di un dato colore presenti nel campo di battaglia, che sopra o sotto ad una certa soglia possono attivare delle abilità di altre carte, in questo caso principalmente le creature divinità che diventano tali al superamento di una certa quantità di devozione. Ma non solo, perché ci sono anche stregonerie, istantanei, ma anche altri tipi di carte che interagiscono con questo valore. Costellazione invece è relativa all’ingresso di incantesimi in gioco, ed ogni volta che ognuna di queste carte viene giocata attiva l’effetto della costellazione relativa.

La nuova abilità è invece Fuga, che ai giocatori più attempati di Magic ricorderà inevitabilmente Flashback, ma in questo caso è relativa ai permanenti. Le carte con Fuga possono essere giocate una seconda volta dal cimitero, pagando un costo di mana ed esiliando un determinato numero di carte sempre dal cimitero. Una meccanica interessante che contribuirà a creare interi archetipi che girano intorno a questa dinamica. Ci aspettiamo qualche reminiscenza dei vecchissimi archetipi Reanimator, magari.

theros oltre la morte

Le carte più interessanti e le sinergie

Considerato che il metagioco si sta praticamente plasmando ora dopo ora, è difficile dire al momento quanto Theros Oltre la Morte impatterà sulle decklist più giocate. Di certo ci sono carte molto interessanti, e già una parte della cardlist di Theros è entrata negli archetipi che conoscevamo, nonché ne ha creati di nuovi.

Ad esempio, già nelle prime ore è iniziato a circolare un mazzo mono nero decisamente performante basato interamente sulla devozione, in cui uno dei pilastri è una carta che in realtà è una ristampa: Mercante Grigio di Asfodelo. Lo stile di gioco è molto semplice alla base, ovvero riuscire a giocare il Mercante il più in fretta possibile, con il punteggio più alto di devozione possibile. Il resto della lista contribuisce a fare danni direttamente all’avversario, con carte come Famiglio del Calderone ed Ayara, ed una serie di altre soluzioni per sacrificare o rimettere in gioco creature. Tra queste anche una carta inedita di Theros Oltre la Morte, ovvero il Pastore degli Incubi.

Le divinità sono chiaramente altre carte molto interessanti. Grazie al loro essere indistruttibili e al giocare fuori e dentro la tipologia di creatura (sotto ad un certo quantitativo di devozione rimangono infatti degli incantesimi) sono carte che somigliano quasi a dei planeswalker in termini di efficacia sul campo.

Theros Oltre la Morte_Kroxa

Per ora tra le carte interessanti di questo tipo c’è Thassa, Abitante degli Abissi, che con la capacità di far tornare in campo una creatura ad ogni tipo sta comparendo in parecchi mazzi, quelli dove ci sono tante creature che attivano degli effetti una volta entrati nel campo di battaglia, ovviamente. Kroxa, Titano della Fame Mortale è invece entrato a sorpresa tra le divinità più presenti al momento. Costa veramente troppo poco per gli effetti che produce e, grazie all’abilità Fuga, è uno spauracchio che ritorna molto presto, orientativamente dal quarto al sesto turno. Il mono bianco con Eliod è un’alternativa molto interessante allo stesso modo, ed Uyro, Titano dell’Ira della Natura è effettivamente una carta forte come avevamo pronosticato, e nell’archetipo Ramp è diventata praticamente un punto fisso.

Concludiamo questa analisi preliminare con gli incantesimi, uno dei temi fondamentali di Theros Oltre la Morte. Al momento in molti stanno sperimentando una lista interamente basata su questo tipo di carte, ma non è ancora uscito un archetipo abbastanza solido. Singolarmente, però, ce ne sono di parecchio interessanti, come le Saghe che stanno entrando di prepotenza nelle liste, ma ovviamente anche le creature incantesimo, tra cui le carte creatura di tipo Dio. Le divinità introdotte in Theros sono quasi tutte intriganti, si prestano a varie interpretazioni strategiche e, a parte qualche eccezione, non ce ne sono di chiaramente inefficaci.

Tra gli incantesimi “classici”, invece, ci intriga molto Incarnazione Enigmatica. Con il suo particolare effetto potrebbe da sola rappresentare il nucleo di un nuovo archetipo, così come Fuochi dell’Invenzione ha fatto da Il Trono di Eldraine. La metteremo sicuramente alla prova in tempi brevi.

La nostra analisi preliminare di Theros Oltre la Morte ci offre la possibilità di farci un’idea su quello che potrebbe essere il futuro prossimo del metagioco di Magic the Gathering. Chiaramente è presto per una recensione vera e propria – che arriverà tra qualche settimana quando avremo capito il pieno potenziale del set (l’uscita cartacea è stata solo il 24 gennaio scorso). Tuttavia, nel frattempo, continueremo a studiare l’espansione, proponendovi alcuni approfondimenti ed i primi mazzi studiati intorno alle nuove dinamiche di gioco di Theros.




TAG: magic the gathering, theros oltre la morte