News 2 min

The Witcher 3 sorprende ancora: scoperto un segreto nascosto per 7 anni

L'espansione Blood and Wine di The Witcher 3 include un segreto nascosto per ben 7 anni.

Proprio quando i fan pensavano di aver ormai scoperto ogni segreto nascosto in The Witcher 3, il capolavoro di CD Projekt ha sorpreso ancora una volta la community con un segreto rimasto nascosto per ben 7 anni.

Si tratta di un easter egg nascosto nell’espansione Blood and Wine, incluso nell’edizione GOTY di The Witcher 3, molto difficile da individuare in quanto non solo richiede una grande pazienza, ma anche una specifica risoluzione per una missione secondaria.

Sarà dunque necessario che i giocatori viaggino a Toussaint, la regione inclusa con l’ultimo DLC che ha anche ispirato un dipinto semplicemente meraviglioso, prima di poter scoprire questo segreto.

Dato che l’easter egg riguarderà il destino di uno dei nuovi personaggi del gioco, vi suggeriamo fortemente di non proseguire se non avete portato a termine l’ultima avventura di Geralt: da questo momento seguiranno infatti spoiler su Blood and Wine.

Il quest designer Philipp Webber aveva infatti svelato che Vivienne de Tabris, uno dei nuovi personaggi introdotti con Blood and Wine, nascondeva ancora un segreto tutto da scoprire: non è entrato nei dettagli, ma ha svelato che «si trova a Skellige».

Come riportato da PC Gamer, lo youtuber xLetalis, molto attivo nella ricerca e scoperta di tutti i segreti nascosti in The Witcher 3, ha dunque deciso di indagare ancora più a fondo e ha così scoperto un interessante easter egg che conferma il suo destino.

Durante la sua missione dedicata, Geralt scoprirà infatti che Vivienne è stata colpita da una maledizione, che la rende sempre più simile a un uccello: uno dei metodi per porre fine alla maledizione è quello di trasferirla a un uovo.

Il Witcher prima di iniziare svela subito che questo comporterebbe a Vivienne la possibilità di vivere per soli 7 anni: una decisione che lei accetta, decidendo poi di viaggiare prima a Novigrad e poi a Skellige.

Ed è proprio in questa ultima location che si nasconde l’ultimo easter egg: se i giocatori spenderanno 7 anni in-game, Vivienne effettivamente morirà proprio alla fine del settimo anno, confermando così l’avvertimento e i sospetti di Geralt.

 

Chissà che la scoperta di questo sospetto non spinga molti fan a rigiocare la quest per garantire l’altro risultato, sicuramente più positivo a lungo termine: in ogni caso è sicuramente interessare scoprire come The Witcher 3 possa ancora nascondere segreti dopo così tanto tempo.

Un ulteriore incentivo per la rigiocabilità, almeno su PC, è offerto dalle tantissime mod disponibili, come quella che rende il gioco ancora più immersivo grazie alla modalità in prima persona.

Il mondo di The Witcher è indubbiamente incredibilmente vasto, soprattutto grazie all’espansione Blood and Wine: se vi serve una mano a navigarlo, potrebbe interessarvi questa bellissima mappa interattiva super dettagliata.

Se volete recuperare un’altra grande avventura di CD Projekt, su Amazon potete acquistare Cyberpunk 2077 a un prezzo speciale.