E3 2021 4 min

Riders Republic | Anteprima – Steep all’ennesima potenza

Uno dei primi Ubisoft Original si mostra (e svela la data d'uscita)

A ridosso di Ubisoft Forward, abbiamo assistito ad una presentazione con alcuni membri del team di sviluppo di Annecy per scoprire ulteriori dettagli su Riders Republic, il nuovo titolo sportivo online della scuderia transalpina.

Piattaforma:
PC, PS4, PS5, XONE, XSX
Sviluppatore:
Ubisoft Annecy
Distributore:
Ubisoft

In particolare, hanno preso parola Manfred Neber e Agnes Ruiz, a capo del progetto curato da una software house in costante crescita del gruppo guidato da Yves Guillemot, e che punta a scalare le gerarchie con un prodotto ambizioso e dall’appeal potenziale su fasce di mercato in cui l’editore non è tradizionalmente attivo.

Un dettaglio di non poco conto è stato riservato dal commento di Neber a proposito del rinvio cui è stato sottoposto il gioco, che avrebbe dovuto vedere la luce all’inizio dell’anno: lo slittamento non è stato deciso soltanto per dare più tempo agli sviluppatori, ma anche per «perfezionarne la visione» e arrivare con le idee chiare all’appuntamento con la release.

Red Bull ci lascia lo zampino.

Adesso che finalmente ci siamo, abbiamo potuto goderci un “deep dive”, come viene chiamato in gergo, in Riders Republic, approfondendone le caratteristiche sia per quanto riguarda la dimensione single-player che il reclamizzato multigiocatore.

A Ubisoft Original…

Riders Republic è uno dei primi Ubisoft Original, l’etichetta utilizzata per indicare le produzioni first-party del publisher (che, sembrerebbe chiaro da questa mossa, potrebbe stare per aprirsi alla pubblicazione di altre realtà videoludiche). Questo vuol dire che mantiene uno dei tratti distintivi dei giochi di Ubisoft, e cioè che è ambientato in un vasto open world.

Il titolo propone infatti una componente piuttosto profonda di esplorazione libera, che ricompenserà il giocatore con delle stelle – tramite le quali acquistare pezzi d’equipaggiamento – ogni qual volta raggiungerà una particolare località, magari pure di quelle cui è difficile giungere.

Le spettacolari 'mass race' mettono insieme più discipline.

Questo mondo includerà diversi landmark che saranno introdotti da brevi cutscene, molto simili a quelle che abbiamo visto nella serie Forza Horizon. L’ambientazione pescherà a piene mani dai parchi nazionali americani, che comprendono Zion, Bryce Canyon e Yosemite Valley, e dovrà essere percorsa poiché ci sarà, vero, un sistema preciso di viaggio rapido ma avremo comunque bisogno di metterci in moto per arrivare a ciascun evento sparso sulla mappa.

Parlando di esplorazione, ovviamente, non possiamo non introdurre il discorso sui mezzi – decine – che potranno essere usati per condurre lei, e le competizioni vere e proprie: avremo tute alari, parapendii, bici scrause, mountain bike, una sorta di velocissimo jetpack (un Rocket Wing, per la precisione) e moto hovercraft. Nonostante abbiamo visto maggiormente la componente off-road finora, del padre putativo Steep viene ereditata la pulsione per gli sport invernali: ci saranno infatti anche la neve, gli sci e gli snowboard tra le condizioni atmosferiche, le superfici e le discipline disponibili.

All’infuori del multiplayer, che pure ha avuto i riflettori tutti per sé sin qui, Riders Republic avrà pure una componente per i lupi solitari: ci è stato anticipato che ci saranno molteplici “carriere” basate ognuna su uno sport, e ciascuna navigabile attraverso competizioni reali come Burton, Salomon e Red Bull Rampage, di cui abbiamo avuto un rocambolesco assaggio con visuale in soggettiva o in terza persona selezionabile a piacimento.

 

Gli utenti potranno muoversi tra le diverse attività tramite un hub chiamato Riders Ridge, in cui potremo studiare i tutorial per apprendere le basi del sistema dei trick, fare acquisti in uno shop, consultare le ultime notizie dagli sviluppatori e scegliere per quali sponsor gareggiare. Da qui si potrà entrare anche nella gamma di modalità multiplayer accessibili dal day one.

… Multiplayer

Il multiplayer di Riders Republic si articola in più modalità, una delle quali ci è stata presentata per la prima volta ed è stata messa al centro della scena – probabilmente perché sarà quella che giocherete di più: la Trick Battle. Questa modalità è un 6v6, in cui i giocatori dovranno contendersi delle aree per far sì di potervi ottenere dei moltiplicatori di punti quando vi effettueranno dei trucchetti; vincerà però chi avrà fatto più punti, non chi avrà più aree dalla sua.

Non si tratterà della sola modalità, tuttavia: ci saranno sfide competitive, partite in team e tutti contro tutti, e con un browser in-game potremo scegliere la playlist con lo sport che più ci piacerà. Al lancio ne troveremo ad esempio per il gioco aereo, per quello basato sui trick, per le corse, e via discorrendo, ma saranno aggiornate di continuo in base ai gusti dell’utenza.

Personalizzazione estrema.

La modalità multiplayer principe sarà tuttavia la Gara di Massa, che prevederà 50+ giocatori connessi in simultanea su PC e console next-gen. Le particolarità in questo caso sono due: la prima è che potremo reperirla soltanto una volta all’ora in un punto specifico della mappa nel quale dovremo farci trovare pronti; la seconda, invece, è che si tratterà di corse multi-sport, per cui potremo vederci competere con una mountain bike contro una tuta alare, seppur con tracciati da seguire (nel caso della wingsuit, dei checkpoint in aria) leggermente diversi.

Come anticipato, Ubisoft punterà su una componente da service game attraverso sfide settimanali e valute interne che incentiveranno l’acquisto di oggetti per la personalizzazione, con un negozio che si presenterà da subito molto ricco e in grado di esprimere l’elemento “punk” ormai onnipresente nelle produzioni della casa francofona.

Passando alle cose formali, Riders Republic ha una tabella di marcia già piuttosto definita davanti a sé: sono in programma diverse beta in arrivo da qui alla data d’uscita finale, che andrà ad innestarsi su tutte le piattaforme il 2 settembre 2021. Le varie build saranno un’occasione per testare la stabilità dei server e tastare il terreno, così da comprendere la robustezza dei contenuti, dopo aver apprezzato tutte queste intriganti premesse.

Se siete alla ricerca di un acclamato open world Ubisoft, Assassin’s Creed Valhalla è disponibile ad un ottimo prezzo

Piattaforme: pc, ps4, ps5, xone, xsx
Riders Republic è un progetto che ha delle basi piuttosto solide, date dall’expertise di Ubisoft nel campo degli open world e dal lavoro svolto, sotto traccia ma non troppo, da quello Steep di cui si propone come erede spirituale ed evoluzione. Se Steep si limitava a neve e discipline invernali, mantenendo un tratto di “austerità” legato alla rigidezza dello sport, Ubisoft Annecy si è stavolta liberata di ogni freno inibitore e ha abbracciato una dimensione for fun che si adatta maggiormente alla direzione moderna dei multiplayer massivi. Vorremo capire se e quanto sarà divertente in solitaria, e se avrà una vita lunga davanti a sé come proposta multigiocatore, ma intanto aspettiamo settembre in uno speranzoso assetto sportivo.

Pro

  • Un ventaglio di mezzi e discipline ampissimo
  • Ambientazione e traversata affascinanti

Contro

  • Da testare la robustezza dei contenuti