News 2 min

Resident Evil Village si prepara ad accogliere un aggiornamento importante

Capcom ha confermato l'arrivo di nuove opzioni per l'accessibilità in Resident Evil Village: vediamo i dettagli.

I videogiochi odierni si stanno finalmente prendendo cura di un aspetto fondamentale dell’esperienza ludica: l’accessibilità. Anche Capcom, dato che è sempre meglio tardi che mai, ha infatti confermato l’arrivo di un aggiornamento per Resident Evil Village che si occuperà di rendere il gioco più accessibile a coloro che per cause di forza maggiore non avessero potuto giocarlo dal lancio a ora.

Sappiamo che a ottobre vedremo il lancio della Gold Edition dell’horror (e dell’espansione, di cui vi abbiamo dato conto in questa notizia), ma è da appuntare anche che in quel momento arriverà un update che introdurrà nuove opzioni per l’accessibilità, che sarà gratis per tutti i possessori del gioco.

A confermarlo è stato l’account ufficiale della saga su Twitter, che anticipa anche alcune delle feature che potremo aspettarci, come le dimensioni dei sottotitoli e la gestione del loro sfondo per renderlo ad alto contrasto con la schermata di gioco, il nome del personaggio davanti alla battuta, il reticolo permanente e sottotitoli pensati specificamente per i giocatori non udenti (“closed captions”).

Ricordiamo che la Gold Edition e la prima espansione di Village arriveranno il 28 ottobre (potete prenotare la prima su Amazon), quindi è lecito attendersi che l’aggiornamento possa avere la stessa data di lancio.

Alcuni fan, nei commenti alla notizia, hanno fatto notare a Capcom che c’è voluto un po’ per introdurre queste funzionalità rispetto al lancio di Village (avvenuto a maggio dello scorso anno) e speriamo che questo spinga la compagnia giapponese a poter lavorare anche più tempestivamente a feature di accessibilità, magari per includerle fin dal lancio di nuovi prodotti.

Abbiamo visto molti sviluppatori lavorare con perizia a queste possibilità: Naughty Dog, ad esempio, sta rendendo più accessibile The Last of Us – Part I integrando le premiate feature di Part II e anche l’audio descrizione. Oltretutto, sappiamo anche che Microsoft è molto attiva in questo campo, con il suo Adaptive Controller che ha reso possibile vivere i videogiochi a molti appassionati con disabilità per cui era complicato interagire con un controller tradizionale.

È importante, insomma, vedere sempre più giochi pronti ad accogliere nel loro abbraccio più giocatori possibili, perché sappiamo che il videogioco è una forte forma di unione e socializzazione ed è fondamentale che non escluda nessuno.