Resident Evil 3, i creatori parlano del suo sviluppo

La realizzazione non è stata frettolosa

NEWS
A cura di Antonello Buzzi - 4 Giugno 2020 - 9:22

I remake relativi alla trilogia di Resident Evil ambientata a Raccoon City si sono conclusi quest’anno con l’uscita di Resident Evil 3.

Nonostante l’accoglienza ricevuta del prodotto sia stata in gran parte positiva, così come l’originale del 1999, alcuni non sono stati molto convinti da alcuni aspetti rispetto al suo predecessore, Resident Evil 2. Ironia della sorte, gran parte di quella insoddisfazione derivava dal fatto che Resident Evil 3 è stato un remake piuttosto liberale e che introduce diversi cambiamenti, da piccoli dettagli sulle origini di Nemesis stesso sino al taglio di alcune aree molto apprezzate nella sua versione originale.

Nonostante si pensi che il suo sviluppo sia stato piuttosto frettoloso per questi motivi, in realtà il progetto è stato in lavorazione per parecchio tempo.

resident evil 3

In un’intervista rilasciata a Siliconera, infatti, il produttore Peter Fabriano ha affermato che lo sviluppo è durato circa tre anni, aggiungendo che i team che hanno lavorato a Resident Evil 2 3 erano in gran parte scollegati uno dall’altro e si sentivano principalmente per discutere delle conoscenze necessarie per sfruttare appieno il relativamente nuovo RE Engine.

Questo particolare è particolarmente interessante in quanto diverse persone credono che l’eliminazione di alcune parti e la brevità dell’esperienza siano imputabili allo scarso tempo di realizzazione, dato che è trascorso poco più di un anno tra l’uscita degli ultimi due capitoli.

Lo scorso mese, M-Two ha inoltre rivelato che alcuni cambiamenti apportato al gioco sono stati pensati per collegarlo meglio a Resident Evil 4.

Fonte: Gaming Bolt




TAG: Capcom, m-two, Resident Evil 3, survival horror