Project xCloud disponibile da oggi in Italia

L'arrivo del servizio di streaming firmato Xbox era in programma nel nostro paese per questa settimana

News
A cura di Paolo Sirio - 5 Maggio 2020 - 16:48

Microsoft ha annunciato la partenza degli inviti per la public preview di Project xCloud in Italia.

L’arrivo del servizio di streaming firmato Xbox era in programma nel nostro paese per questa settimana, e puntualmente sta cominciando il roll out dei codici che consentiranno l’ingresso alla piattaforma.

Project xCloud si integrerà, come confermato ai nostri microfoni, con Xbox Game Pass nel momento in cui verrà lanciato nella sua versione definitiva.

Insieme all’Italia, accedono a partire da oggi anche  Belgio, Danimarca, Finlandia, Irlanda, Norvegia, Spagna e Svezia, nazioni dell’Europa Occidentale il cui ingresso era in programma per il 2020.

Project xCloud disponibile da oggi in Italia

L’estensione dell’anteprima, ci spiegano da Redmond, «conferma l’impegno di Xbox per consentire a un numero sempre maggiore di giocatori in tutto il mondo di accedere alla tecnologia di Microsoft e contribuire a dar vita al futuro del game streaming».

Questi i requisiti fondamentali per poter partecipare alla public preview di Project xCloud: 

  • Un Account Microsoft e un Xbox gamertag. Se al momento non disponi di un Account Microsoft o di un Xbox gamertag, puoi crearne uno al seguente link.
  • Uno smartphone o tablet Android con sistema operativo Android 6.0 o versioni successive con Bluetooth versione 4.0.
  • Un controller wireless per Xbox One abilitato per il Bluetooth. Se non si è sicuri che il proprio controller Xbox One supporti il Bluetooth, è possibile fare riferimento a questo articolo di supporto.
  • Accesso a Wi-Fi o connessione dati mobile che supporti una velocità di download di 10Mbps, simile al video streaming. Se si utilizza una connessione Wi-Fi, si consiglia una connessione a 5Ghz.

Se non lo avete ancora fatto, potete iscrivervi a questa fase preliminare del servizio tramite questo indirizzo.




TAG: microsoft, Project xCloud