News 2 min

Phil Spencer al TGS parla giapponese e cita le migliori serie nipponiche

Il boss di Xbox ruba la scena per sottolineare l'impegno di Microsoft sul territorio asiatico

Al Tokyo Game Show Online, Microsoft ha tenuto ieri una breve conferenza per sottolineare l’imminente apertura dei pre-order di Xbox Series X|S in Giappone.

I pre-order sono andati particolarmente bene in Asia, con sold-out registrati praticamente ovunque, sebbene non sappiamo quante unità siano state davvero riservate al territorio asiatico.

L’evento è stato l’occasione per mostrare alcune delle creazioni migliori di Minecraft da parte dell’utenza giapponese, presso cui è popolarissimo, e il primo World Update di Microsoft Flight Simulator che sarà incentrato proprio sul Giappone e uscirà la prossima settimana, precedendo di poco il focus su Xbox Series X.

La conferenza si è aperta con un lungo discorso di Phil Spencer, che ha salutato e si è presentato in Giapponese (con «こんにちは», «konnichiwa», e aggiungendo semplicemente «Xbox の Phil です», «Sono Phil di Xbox»).

Nel suo discorso, Spencer, vice presidente esecutivo al gaming di Microsoft, ha riconosciuto che «il Giappone è una superpotenza creativa» e che la sua compagnia sta facendo di tutto per riparare agli errori del passato e avere successo nel paese.

«Il Giappone è una superpotenza creativa in questa industria con personaggi e giochi iconici che sono gli highlight nelle storie di gaming di centinaia di milioni di giocatori in tutto il mondo», ha spiegato (in Inglese).

Il dirigente ha citato apertamente serie come «Yakuza, Metal Gear, Biohazard, Persona, Dragon Quest, Final Fantasy e persino più recentemente il fenomeno di Animal Crossing», menzionando senza problemi anche titoli che non sono disponibili su Xbox.

«Il Giappone e i suoi creatori hanno plasmato così tanto della magia che ci aspettiamo quando è il momento di giocare un videogioco. La cultura e la community hanno avuto una profonda influenza sul gaming in tutto il mondo, su tutti gli schermi, sui fan Xbox e sul nostro team».

Dalle parole ai fatti, Microsoft ha incassato il supporto di decine di publisher e sviluppatori del posto, che si sono impegnati a tenere in considerazione Xbox Series X|S per i loro titoli multipiattaforma – cosa che non è accaduta nella generazione di Xbox One.

Tra gli editori e gli studi coinvolti troviamo Sega, Capcom, Square Enix, Koei Tecmo, SNK, Bandai Namco, White Owls, ArtPlay e CyberConnect2.

Tra questi studi, magari, potrebbe saltare fuori la prossima grande acquisizione di Microsoft, visto che Phil Spencer ha suggerito che il gigante americano sta cercando talenti proprio in quella zona.

In chiusura, Spencer ha salutato e ringraziato con un educato «ありがとうございます», «grazie mille», e chissà se i suoi sforzi – anche con la lingua – ripagheranno un giorno in Giappone.

Potete pre-ordinare subito la vostra Xbox Series X al miglior prezzo su Amazon!