News 2 min

Nioh gratis su Xbox Game Pass? Team Ninja fa chiarezza

Sono molti i titoli, anche importanti, che arrivano periodicamente su Xbox Game Pass, ma Nioh potrebbe non essere tra questi in realtà.

Xbox Game Pass ci ha abituato all’arrivo di tantissimi titoli, anche nomi molto blasonati, e di recente è emerso il nome di Nioh.

L’action di Team Ninja, che potete recuperare anche su Amazon, è stata una piccola sorpresa anni fa, quando è uscito, andando a creare un’alternativa ai soliti soulslike.

Un franchise che andò molto bene anche con il sequel, che riuscì a totalizzare un numero di vendite molto sorprendente.

E per il futuro il prossimo titolo di Team Ninja prenderà esempio proprio dai soulslike, perché non sarà affatto un gioco facile, in attesa che Nioh arrivi su Xbox Game Pass.

Un’attesa che potrebbe essere molto più lunga del previsto perché, come ha raccontato Team Ninja ai microfoni di VGC, non è detto che Nioh arrivi su Xbox Game Pass.

Il dubbio è emerso perché Wo Long: Fallen Dinasty, il prossimo progetto di cui vi abbiamo parlato recentemente, sarà invece lanciato proprio all’interno del catalogo del servizio in abbonamento di Microsoft.

Ma director di Nioh, Fumihiko Yasuda, ha spiegato che nonostante ciò non c’è un collegamento con il fatto che Nioh possa accompagnare il nuovo progetto:

«Attualmente, non c’è davvero molta possibilità di avere Nioh su piattaforme Xbox, ma speriamo che i fan di Xbox apprezzino Wo Long e non vediamo l’ora che il gioco esca. Questo è probabilmente tutto ciò che possiamo dire al momento.»

Yasuda ha successivamente spiegato che, invece, il supporto di Xbox nello sviluppo di Wo Long: Fallen Dinasty è stato cercato perché la console Microsoft è sempre più presente in Giappone.

Pertanto, insieme al supporto di Xbox Game Pass, potrebbe essere un buon modo per lanciare con forza il titolo.

Xbox Game Pass si deve quindi accontentare, per modo di dire, del prossimo progetto di Team Ninja, insieme ai tanti giochi che periodicamente arrivano sulla piattaforma.

Solo alla fine di settembre, infatti, sono arrivate delle nuove ondate di titoli che comprendono anche dei big.