Mr. Meat – Recensione Mobile

Non solo in Resident Evil ci sono magioni pericolose

Recensione
A cura di Nicolò Bicego - 23 Ottobre 2019 - 11:00

Ben ritrovati ad un nuovo appuntamento con le nostre recensioni mobile, la rubrica dove vi proponiamo i nostri pareri lampo sui migliori (e peggiori) titoli disponibili sugli store dei vostri smartphone. Dopo qualche puntata dedicata a franchise provenienti dal mondo console, torniamo ad occuparci di qualche titolo più sconosciuto, incontrato quasi per caso navigando sul nostro fidato Play Store. Oggi vi parleremo di Mr. Meat, titolo dalle tinte survival horror che ci ha incuriositi per la forte somiglianza con alcune sezioni di Resident Evil 7 (titolo di tutt’altra caratura, diciamolo subito). Siete pronti ad avventurarvi in questa oscura magione?

Gameplay

Come dicevamo, Mr. Meat ci ha attirati in virtù di alcune similitudini con Resident Evil 7, il fortunato ritorno di Capcom all’horror ambientato nella magione della famiglia Baker, dove ciascun familiare, a modo suo, segue i passi del protagonista nascondendosi nell’oscurità. Ecco, anche in Mr. Meat il nostro obiettivo è quello di infiltrarci in un’abitazione, al cui interno si cela un inquilino tutt’altro che ben disposto verso gli sconosciuti, il Mr. Meat che dà il titolo al gioco.

Mr. Meat – Recensione Mobile

A portare lì il nostro protagonista senza nome è il caso di una persona scomparsa, che potrebbe essere nascosta proprio tra quelle quattro mura. Il nostro obiettivo sarà dunque quello di infiltrarci nell’abitazione, recuperare la vittima del rapimento e fuggire prima che Mr. Meat possa mettere le mani su di noi. Il titolo si gioca in prima persona, e passeremo la maggior parte del tempo ad utilizzare i nascondigli offerti dalla casa per sfuggire allo sguardo di Mr. Meat, che sarà sempre attento a qualsiasi rumore o movimento. Incrociare la strada del corpulento avversario significa praticamente morte certa, anche se il gioco ci fornisce alcune armi per rallentare il suo percorso di distruzione, dandoci un margine di tempo per trovare riparo. Per salvare la donna rapita dovremo cercare alcuni oggetti sparsi nella casa, che aggiungono un leggero sapore da puzzle game al gioco. Nella schermata iniziale, peraltro, è possibile selezionare diversi livelli di difficoltà, che cambiano tanto le abilità percettive di Mr. Meat quanto gli ostacoli presenti nell’abitazione.

Il gioco, pur nella semplicità delle sue meccaniche, non è sicuramente facile, e potrebbe esservi richiesto qualche tentativo prima che riusciate a portare a termine l’avventura. Inoltre, gli sviluppatori hanno rilasciato numerosi aggiornamenti nel corso del tempo, ciascuno dei quali ha introdotte nuove sezioni, garantendo quindi una certa rigiocabilità all’avventura. La durata, comunque, non è alta: Mr. Meat è un gioco da completare in una sola sessione, considerando anche che non è possibile salvare. In questo, il gioco adotta uno spirito arcade, che punta sul farvi tornare spesso per migliorare le vostre prestazioni. Purtroppo per il resto non ci sono grandi motivi per tornare in questa casa degli orrori; tolta la scelta del livello di difficoltà, mancano altri elementi di personalizzazione, dunque avrete già visto tutto quanto c’è da vedere dopo qualche escursione.

Grafica

Tecnicamente parlando, Mr. Meat si presenta come un titolo senza troppe pretese, che riesce a presentare una resa grafica vicina a quanto offerto dai primi tempi della scorsa generazione di console. Certo, niente da far gridare al miracolo, soprattutto nel 2019; tuttavia, rimane comunque uno sforzo apprezzabile vista l’entità del team di sviluppo che riuscirà a farvi fare qualche occasionale salto sulla sedia quanto colti alla sprovvista dal vostro avversario. Ciò che manca davvero a Mr. Meat è una direzione artistica ispirata: il gioco rimane piuttosto anonimo a livello di level design, niente a che vedere con la lugubre abitazione della famiglia Baker in Resident Evil 7, in grado di trasudare decadimento e disagio da tutti i pori. Qui abbiamo un’ambientazione piuttosto generica ed anche un nemico altrettanto generico, che non rimane affatto impresso se non per la sua stazza. Per quanto riguarda il comparto audio, gli effetti sonori che accompagneranno la vostra escursione nella casa di Mr. Meat vi terranno costantemente in tensione e, seppur spartani, riescono comunque nel loro intento atmosferico.

Mr. Meat – Recensione Mobile

Microtransazioni e portabilità

Fortunatamente, Mr. Meat non presenta alcun tipo di microtransazione al suo interno; dovrete semplicemente sopportare qualche saltuaria pubblicità durante alcune fasi di caricamento, ma per il resto sarete completamente liberi di godervi il gioco senza pensare di dover spendere qualcosa. Per quanto riguarda la portabilità, invece, molto dipende dalle vostre abilità e dal livello di difficoltà prescelto: il game over, specialmente all’inizio, può arrivare davvero nel giro di una manciata di minuti, mentre invece quando sarete più esperti (e magari starete giocando a difficoltà più avanzate) il completamento di una partita richiederà tempi più lunghi, poco compatibili, ad esempio, con un viaggio sull’autobus o sulla metro. Considerando anche che non c’è possibilità di salvare la propria posizione per riprendere la partita successivamente, vi consigliamo di giocare Mr. Meat soltanto quando avete un ritaglio di almeno mezz’ora di tempo, per evitare di dover interrompere una partita iniziata bene.

- Meccaniche semplici ma gioco tutt'altro che facile
- Buona atmosfera
- Manca di personalità
- Non porta niente che non sia stato fatto (meglio) da altri

6.5

Mr. Meat è un titolo simpatico, che ricorda da vicino alcune sezioni di Resident Evil 7, pur non potendo certamente contare sul carisma e sulla qualità del titolo Capcom. Lo consigliamo a tutti quelli che amano i survival horror con una spruzzata di puzzle game: il gioco saprà intrattenervi almeno per la durata di qualche partita, regalandovi persino qualche occasionale jumpscare quando il corpulento Mr. Meat vi coglierà alla sprovvista. Certo, non abbiate grandi aspettative, non siamo di fronte ad un titolo che stravolge in qualche modo le meccaniche del genere, né tra uno dei suoi migliori esponenti; ciò nonostante, Mr. Meat può risultare un ottimo passatempo, peraltro completamente gratuito e senza microtransazioni.




Nessun articolo trovato.

TAG: Mr Meat