News 3 min

Marvel’s Spider-Man, il boss finale è la prova che il crunch non serve: parla Insomniac

Insomniac Games spiega come l'ipotesi crunch abbia convinto il team a realizzare il bellissimo confronto finale in Marvel's Spider-Man.

La narrazione di Marvel’s Spider-Man è stata particolarmente coinvolgente per gli appassionati dell’Uomo Ragno, soprattutto per quanto ha riguardato l’arco narrativo del villain che il supereroe affronterà alla fine.

Il nemico di Spider-Man è stato infatti uno dei personaggi realizzati e scritti meglio, un dettaglio che è stato reso evidente anche nella battaglia finale: motivo per cui hanno sorpreso le dichiarazioni del CEO di Insomniac Games, che ha svelato come inizialmente i momenti finali erano molto più ambiziosi, ma che non avrebbero restituito le stesse sensazioni.

Il titolo si è rivelato un grande successo, al punto che l’attesa per il sequel è diventata quasi incontenibile da parte della community: il trailer di annuncio diventò il più visto tra quelli mostrati nel PlayStation Showcase.

La presentazione ha attirato maggiormente l’attenzione per via della propria grafica, soprattutto dopo la rivelazione che il trailer non era stato realizzato in CGI.

Attenzione: da questo momento seguiranno spoiler sul finale di Marvel’s Spider-Man.

Sconsigliamo di proseguire la lettura dell’articolo se non avete ancora portato a termine l’esclusiva PlayStation.

Il Dottor Octavious, conosciuto dai fan anche come il Doctor Octopus o Doc Ock, nell’avventura realizzata da Insomniac Games inizia come il mentore di Peter Parker, motivo per cui la sua lenta trasformazione nell’iconico villain ha conquistato particolarmente l’attenzione degli appassionati.

La rottura tra i due personaggi Marvel ed il conseguente scontro finale è stato reso molto toccante e personale, ma sembra che nei piani iniziali degli sviluppatori ci fosse l’intenzione di rendere maggiormente la gravità del loro scontro con scene più spettacolari.

A rivelarlo è stato il CEO dello studio di sviluppo, Ted Price, durante una chiacchierata condotta all’interno della conferenza Develop:Brighton, trascritta da GamesIndustry.biz (via Wccftech).

Price ha spiegato che i loro piani iniziali avrebbero costretto gli sviluppatori a delle intense sessioni di crunch: per poterle evitare, la battaglia finale è stata completamente ripensata, ottenendo il risultato oggi apprezzato da milioni di fan:

«Originariamente, volevamo realizzare una boss battle che vi portava lungo tutta New York City, ma era completamente fuori portata. C’era la tentazione di inserirla a forza, andando a correre contro un muro tenendo la testa bassa.

Ma il team ha fatto un passo indietro e ha pensato a cosa fosse importante per i giocatori, e quello è stato la rottura della relazione tra Peter ed il suo vecchio mentore, il Dottor Octavious.

Hanno ripensato alla battaglia ed hanno compreso che non era necessario distruggere la metà di New York per far funzionare il loro rapporto. In effetti, sarebbe andato completamente contro quello su cui stavamo lavorando.

Come risultato, la battaglia finale è molto più intima e personale, ha un impatto emotivo molto più grande rispetto a quanto avevamo pianificato, e si è incastrato con il tempo che avevamo a disposizione».

Le parole di Insomniac appaiono dunque molto chiare e suonano come un forte messaggio lanciato a tutta l’industria dei videogiochi: non è necessario affidarsi al fastidioso crunch per restituire esperienze dal forte impatto.

Usando il tempo a propria disposizione, si possono osservare gli sviluppi sotto un nuovo punto di vista, offrendo inquadrature che possono funzionare ancora più efficacemente e che sia possibile realizzare in tempi decisamente più «umani»: di sicuro, con Marvel’s Spider-Man questo approccio ha funzionato alla grande.

Sembra dunque molto probabile pensare che possa venire utilizzata una procedura simile anche per il sequel delle avventure di Peter Parker: un indizio potrebbe aver svelato uno dei nuovi personaggi in arrivo.

Naturalmente non sono ancora disponibili molti dettagli a livello di gameplay, ma i fan si augurano che possa venire reintrodotta una feature «di lancio», seppur in modalità diverse.

La community si augura inoltre che possa venire ripresa una feature dai rivali di Batman Arkham: una caratteristica che potrebbe, in un certo senso, collegare i due universi dedicati ai supereroi.

In attesa di poter scoprire maggiori notizie sul secondo capitolo, su Amazon potete recuperare Marvel’s Spider-Man Miles Morales al miglior prezzo.