News 2 min

Il primo Call of Duty Warzone è ufficialmente tornato, ma c’è una brutta notizia

Il primo Warzone da adesso si chiamerà «Call of Duty Warzone Caldera», ma il battle royale torna con meno feature.

Quando venne annunciato il debutto di Call of Duty Warzone 2.0, Activision si era lasciata scappare una promessa molto importante: il nuovo battle royale non avrebbe “rimpiazzato” quello già amato da milioni di giocatori, promettendo una loro possibile co-esistenza.

Una promessa molto importante, soprattutto considerate le ambizioni di un battle royale forte del successo appena ottenuto da Modern Warfare 2 (che trovate in sconto su Amazon), ma che proprio poche ore fa sembra essere stata ufficialmente mantenuta.

Il battle royale originale è infatti ufficialmente tornato disponibile sui principali store videoludici, anche se adesso avrà un nuovo nome: come era già stato anticipato da un noto insider, adesso gli utenti potranno dunque affrontare battaglie nostalgiche su «Call of Duty Warzone Caldera».

Tuttavia, come segnalato da Destructoid, i fan che speravano di poter rivivere le stesse esperienze hanno ricevuto una brutta notizia: “Warzone 1.0″ è stato rilasciato in una versione molto più monca rispetto alla controparte originale.

Warzone Caldera include infatti al suo interno soltanto le modalità Quads e Solos, insieme all’omonima Caldera come unica mappa giocabile del battle royale. Inutile sottolineare come la rimozione delle feature precedenti non possa che aver causato malumori all’interno della community, anche se probabilmente si trattava di una prospettiva inevitabile.

Activision vorrà infatti concentrare tutti i propri sforzi su Warzone 2.0, che dovrà necessariamente accogliere la maggior parte degli utenti interessanti a questa tipologia di gameplay. Riportare online l’originale Warzone con Caldera si tratta dunque di un bonus, ma è evidente che gli sviluppatori hanno preferito mantenere soltanto le categorie di gioco più popolari.

Chi vorrà tornare su Caldera dovrà in ogni caso scaricare ulteriori pacchetti dati aggiuntivi sulla propria console o PC, aumentando dunque notevolmente il peso di un gioco che, spesso, è stato oggetto di critiche proprio per le sue imponenti dimensioni.

Del resto, considerando che Warzone 2.0 è già riuscito a ottenere importanti record, registrando 25 milioni di giocatori in soli 5 giorni, sembra molto difficile che Activision possa tornare sul battle royale precedente con tanti nuovi contenuti.

Se non altro, “Warzone 1.0” è tornato ufficialmente a essere giocabile, seppur in forma ridotta, a differenza di quanto accaduto a un’altra celebre proprietà Blizzard: ricordiamo infatti che i server del primo Overwatch sono stati spenti per sempre a causa del lancio del sequel come aggiornamento.