FIFA 2020, una partitella alla VOLTA

Tante novità, tra cui VOLTA Football, la nuova veste di FIFA Street. Ma avremmo voluto vederle.

Provato E3 2019
A cura di Matteo Bussani - 9 Giugno 2019 - 1:31

Assieme a un EA Play piuttosto fiacco, a causa di una comunicazione “a stream” di poco impatto, sono arrivati i primi gameplay di due titoli di primissimo piano: Star Wars Jedi: Fallen Order e FIFA 20.

Il calcistico di Electronic Arts è senza ombra di dubbio uno dei compagni più fedeli del videogiocatore medio, sopratutto nel nostro Bel Paese. Data la serialità della produzione è sempre difficile immaginarsi grosse evoluzioni anno dopo anno, ma possiamo dire che per fine 2019 ci sono le premesse per essere smentiti. Sul fronte del gameplay classico le novità sembrano molteplici, in innumerevoli campi, ma la vera sorpresa è senza dubbio VOLTA Football. In FIFA 20 Si torna a calcare i campetti di strada in giro per il mondo in quella che sembra a tutti gli effetti la modalità che eredità la deriva arcade del calcio della serie Street.

C’era una VOLTA Fifa Street

VOLTA Football, difatti, non sarà un videogioco separato dal capitolo principale, ma una sua modalità, che si aggiunge a quelle già presenti nel pacchetto dello sportivo. Non sappiamo ancora nel dettaglio le sue caratteristiche, anche perché non abbiamo avuto modo di provarle durante l’evento.  Sicuramente la troveremo all’uscita del gioco fissata per il 27 settembre su tutte le piattaforme e il 19 per tutti gli utenti EA Access, che per quella data ospiteranno anche la base di giocatori Playstation.Non esiste ancora una versione demo di questa modalità, ma da quanto detto dagli sviluppatori, arriverà a breve.

Di VOLTA in FIFA 20 conosciamo gli intenti, ovvero trasformare in godimento ludico la sempre più popolare e codificata cultura del calcio di strada, fatta di trick mirabolanti, esaltanti giocate e imprevedibili rimbalzi a muro. Non solo, perché la strada ha anche un suo stile, che dev’essere importato in tutto e per tutto nell’atmosfera di gioco con un editor che si preannuncia adeguato all’obiettivo. Troveremo anche le squadre dei club ufficiale, presumibilmente, che compariranno con i loro top player.

I campi, come insegna la tradizione di FIFA Street, sono collocati per tutto il mondo, dai tetti dei grattacieli di Tokyo fino ad arrivare ai bassifondi di Amsterdam. Dalle prime immagini, mutuate tramite trailer poco indicativi del giocato vero e proprio, sembra andato un po’ a perdersi quel senso arcade fuori di testa che aveva convertito il pubblico al suo credo su PS2, con EA che ha preferito puntare su una replica più accurata di quello che oramai può essere considerato uno sport collaterale al calcio a tutti gli effetti.

Poco per VOLTA in FIFA 20

FIFA 20 non è però solo VOLTA Football. Electronic Arts ha lavorato moltissimo per trasformare i feedback della community in un modus operandi concreto e funzionale per migliorare il proprio titolo. Ne ha addirittura codificato i passaggi in un documento pubblicato qualche giorno fa sul loro sito. Arriva così la FIFA intelligence, che ha definito i tre ambiti di miglioramento su cui lavorare. Sul controllo palla, sul non possesso e sulla palla stessa.

La prima necessità nell’esaltazione del controllo palla è il miglioramento della resa dell’1VS1. L’attacco ha ora più mezzi a sua disposizione per ingaggiare il dribbling con l’avversario, attirarlo nella propria trappola e ingannarlo all’ultimo con uno scarto improvviso o un colpo inaspettato. Il dribbling ha dinamiche più posizionali che in passato: offre al giocatore la libertà di interpretare l’azione a modo suo. D’altro canto anche la difesa può intervenire con mezzi più efficaci. Nel momento in cui viene indovinata la direzione del movimento avversario è più facile di prima rubare la palla.

Nelle azioni si è anche deciso di rendere meno invadente l’intelligenza artificiale nel controllo dei giocatori senza palla in fase di difesa. Il giocatore ha quindi più potere sulla propria metà campo e nonostante il maggiorato ventaglio di possibilità offensive, può orchestrare al meglio la strategia per arginarlo.

Sempre sul controllo palla, il Composed finishing in FIFA 20 aumenta la precisione della finalizzazione sotto porta nell’1vs1 con il portiere. Si chiude il cerchio con il nuovo metodo di tiro di punizioni e rigori. Si può mirare nella direzione voluta, segnalata da un indicatore a forma di cerchio, ma si può intervenire sull’effetto della palla e cambiare così anche di molto il punto di arrivo della sfera.

Quest’ultimo aspetto si basa sul lavoro sulla fisica della palla, più realistica nei rimbalzi e negli effetti.

Dalla teoria ai fatti non sempre però le parole si concretizzano in un feeling altrettanto evoluto delle meccaniche di gioco. Il nostro Luca Bianchi infatti che si è dato alla demo disponibile in fiera che consisteva in un’unica partita, peraltro la finale di Champions, si è trovato concorde con la questione della gestione difensiva dell’IA e dalla maggiore efficacia del tackle. Per il resto rimanda il giudizio a una prova più efficace con cui verificare effettivamente l’importanza dei suddetti cambiamenti apportati al gioco; visto che in alcuni ambiti, tra cui quello grafico, l’evoluzione di FIFA 20 è praticamente impercettibile a fronte della breve prova.

+ IA difensiva meno invadente
+ Il ritorno di FIFA STREET
- molti miglioramenti hanno bisogno di una prova ben più lunga per essere toccati con mano

FIFA 20 è VOLTA Football, ma non solo. FIFA Street, con la nuova nomenclatura, sembra prendere una strada meno arcade che esalta la cultura del calcio da strada, fatta di tricks e fisicità, ma anche di stile ed estetica. Purtroppo a EA Play non abbiamo avuto modo di provarla ed è un vero peccato considerato che si è imposta come la novità più interessante di questa versione 2020. Per il resto troviamo tanti miglioramenti volti ad evolvere il gameplay verso divertimento e realismo: le due anime del videogioco calcistico di EA, ma nessuno così impattante da farcene percepire immediatamente la differenza nella nostra prova. Staremo a vedere come il giudizio evolverà nel breve futuro in vista di prove sempre più approfondite del gioco.




E3 2019 con Spaziogames.it

TAG: #e3 2019 top, e3 2019