Dragon Age 4: componente online, co-op drop-in/drop-out e quest globali?

Tra le idee sentite da Kotaku ci sarebbero companion controllati da altri giocatori con una co-op drop-in/drop-out, come in Baldur's Gate

By |09/04/2019|Categories: News|Tags: , |

Il futuro di BioWare, dal quale scaturirà Dragon Age 4, rimane abbastanza nebuloso dopo il lancio sicuramente non di successo di Anthem e i problemi legati al rapporto complicato con molti dei membri del suo team.

Il portale Kotaku ha provato a capire come sarà Dragon Age 4, visto il clima che si respira all’interno della software house, dopo il teaser di The Game Awards 2018.

Stando a quanto leggiamo, il lavoro sarebbe in una fase estremamente embrionale, con un pilastro: una componente online, come da richiesta del publisher Electronic Arts.

Al suo ritorno in BioWare, Casey Hudson, creatore di Mass Effect e ora general manager dello studio, ha stabilito la cancellazione di una prima versione di DA4, chiamata Joplin, che era stata in cantiere per due anni senza multiplayer e portato tutto il team su Anthem.

Man mano che ci si approcciava al lancio di quest’ultimo, una parte del team è tornata su Dragon Age ma stavolta con numerosi cambiamenti, tra cui appunto una componente online al centro della scena, e un nuovo nome in codice: Morrison.

Non è chiaro quanto di Joplin ci sia in Morrison, ma a quanto pare non quest’ultimo non sarebbe, come invece alcune fonti vorrebbero far credere, di un “Anthem con i draghi”.

dragon age origins

“L’idea è che Anthem sarebbe il gioco online; Dragon Age e Mass Effect, pur sperimentando con parti online, non è quello che li definirà come franchise”, ha spiegato una fonte al portale americano.

La main story, infatti, sarebbe giocabile totalmente in single-player, mentre i contenuti multiplayer avrebbero il compito di tenere gli utenti nel gioco anche alla fine della storia principale.

Tra le idee sentite da Kotaku ci sarebbero companion controllati da altri giocatori con una co-op drop-in/drop-out, come in Baldur’s Gate, e quest che cambierebbero in base non solo alle decisioni del gamer ma a quelle dell’intera community intorno al mondo.

In ogni caso, “hanno tante domande senza risposta”, come osservato da un’altra fonte interna. “In più, so che cambierà tutto cinque volte nei prossimi due anni”.

Il che la direbbe lunga sull’aria che tira in BioWare.

dragon age 4

Fonte: Kotaku