News 1 min

Dopo le molestie, il licenziamento: ma per Microsoft sono scollegati

Xbox Brasile replica così al caso di Isadora Basile

Ha fatto parecchio rumore il caso della presentatrice di Xbox Brasile licenziata da Microsoft dopo aver ricevuto per mesi molestie e minacce.

Isadora Basile, appena 18enne, aveva fatto sapere di essere stata sollevata dall’incarico in seguito ai comportamenti tossici della community Xbox nel paese sudamericano.

Decisione, spiegò, dovuta presumibilmente alla volontà di Microsoft di «non essere più esposta a situazioni come quelle che si sono verificate».

In una nota inviata a IGN US, tuttavia, la casa di Redmond ha negato una correlazione tra le molestie e il licenziamento di Basile.

«Non tolleriamo molestie o comportamenti irrispettosi di alcun tipo, e abbiamo intrapreso azioni per supportare Isadora quando gli attacchi personali contro di lei sono stati portati alla nostra attenzione», si legge nella comunicazione di Microsoft, fino a questo punto corroborata dalle dichiarazioni precedenti della presentatrice.

«I cambi di programmazione della scorsa settimana sono scollegati», continuano però da Xbox, negando che sia stata l’avversione della community nei confronti di Basile a determinare questa scelta.

«Questi sono una conseguenza diretta del nostro sforzo continuo di raggiungere più giocatori in più lingue con notizie in tempo reale e informazioni complete disponibili sul nostro sito di news globale, Xbox Wire».

Non è il primo caso simile proveniente dal Brasile, però: Mariana Ayres, un’altra conduttrice Xbox, aveva ricevuto minacce durante la propria permanenza in Microsoft.

Xbox Brasile aveva anche intrattenuto a lungo rapporti con Mil Grau, streamer brasiliano noto per la sua retorica sessista e razzista supportato con prodotti in anteprima e inviti ad eventi come l’E3 2018.

I rapporti furono troncati soltanto quando la pressione della community globale iniziò a farsi troppo forte.

Potete preordinare subito la vostra Xbox Series X al miglior prezzo su Amazon