Rubriche 3 min

Dai sindacati che fanno la guerra a iliad alla risposta di Vodafone – Spazio Tech

Settimana calda per SpazioTech, dove gli argomenti di cui parlare non mancano: dall’immancabile guerra intestina tra gli operatori in Italia ai leak sul futuro di iPhone e Samsung Galaxy, passiamo in rassegna tutte le novità.

I leak sul futuro di iPhone e iPad

Mentre attendiamo di scoprirli da vicino, anche nelle specifiche, sono arrivate le prime foto per i futuri prossimi iPhone. La nuova generazione includerà un nuovo modello erede di iPhone X, a cui si affiancherà anche un iPhone X Plus da 6,5″. Tra i due, come confermato dalle indiscrezioni e in seguito dall’immagine leak, anche un nuovo iPhone economico che raccoglierà l’eredità di iPhone SE e iPhone 5C. Al momento sappiamo che avrà un display LED da 6,1″, in attesa di apprendere le ulteriori specifiche che lo caratterizzeranno.
Potete vedere la foto leak nella nostra notizia dedicata.
A confermare la presenza di un nuovo iPhone X Plus di dimensioni più generose è arrivata anche l’icona  presente nella nuova beta di iOS 12, che mostra uno smartphone più grande di quelli abituali. In modo simile, abbiamo appreso anche che il prossimo iPad Pro imiterà, in un certo modo, il design di iPhone, ma senza notch sulla parte frontale. L’icona conferma invece cornici molto più sottili che in passato, quindi aspettiamoci un display più grande in un corpo di dimensioni probabilmente invariate. Confermata dall’icona anche la mancanza di un tasto Home fisico, in attesa di ulteriori specifiche ufficiali.

La dipendenza da social è una cosa seria

Facebook Inc. ha deciso di fare tutto il possibile per lottare contro la dipendenza da social network, che alcune persone stanno sviluppando. Per questo, presto le sue app dedicate a Facebook e Instagram introdurranno delle nuove schermate (con un’apposita icona la prima, nel menù impostazioni la seconda) per darvi un’idea di quante ore trascorrete sulle loro pagine. Potrete così monitorare il tempo dedicato ai social nell’ultima settimana, e anche impostare un tetto massimo di ore, raggiunto il quale vi arriverà una notifica per invitarvi a dedicarvi a qualcos’altro.
Si tratta solo delle prime misure per aiutare chi soffre di queste dipendenze. In passato, anche Google e Apple avevano integrato tecnologie simili sui loro sistemi operativi, per consentire alle persone di avere chiaro in mente quante ore dedicano al telefonino. E, soprattutto, per consentire loro di capire quando si comincia a esagerare.

Anche Samsung Galaxy Note 9 protagonista di un leak

Non solo Apple si è lasciata sfuggire le novità a tema iPhone e iPad: con la presentazione fissata per il 9 agosto, Samsung ha pubblicato per sbaglio l’homepage del sito tematico dedicato al suo Samsung Galaxy Note 9. Il phablet è stato così mostrato in una prima immagine ufficiale (potete vederla sotto), che oltre a confermare la colorazione ha confermato alcune specifiche tecniche: notiamo infatti la presenza di una doppia fotocamera orizzontale e una porta USB-C per il collegamento e la ricarica. Si nota anche la presenza del jack per le cuffie (che Apple ha invece abbandonato da qualche generazione), oltre al sensore per il riconoscimento delle impronte.
Mettiamoci comodi in attesa dell’evento dedicato per tutte le ulteriori specifiche che saranno svelate alla presentazione ufficiale di Note 9.

La guerra tra iliad e… tutti gli altri

Vodafone ha deciso di rispondere non solo a colpi di botte legali alle proposte di iliad in Italia: l’operatore low-cost Ho. Mobile ha infatti lanciato un’offerta che vuole vedersela faccia a faccia con l’operatore francese. La tariffa vi consente di portare a casa minuti illimitati, SMS illimitati a 40 GB di traffico mensile a 7,99€ al mese e con la certezza della copertura offerta da Vodafone. Viene anche precisato che i 40 GB hanno però una limitazione alla velocità massima del download, che non può superare i 30 Mbps. Vedremo ora quale sarà la risposta del grande pubblico e se questo dividerà il pubblico in cerca di un nuovo operatore low cost.
Nel frattempo, iliad continua a dividere e ora viene attaccato anche dai sindacati: secondo Slc Cigil, Fistel Cisl e Uilcom Uil, infatti, iliad starebbe causando una emorragia di utenti agli altri operatori, che metterebbe a rischio i loro posti di lavoro avvantaggiandosi delle infrastrutture da loro costruite. Per i sindacati che hanno lanciato l’accusa, chiedendo l’intervento di Matteo Salvini e Luigi Di Maio, il fatto che iliad sia un operatore virtuale lo porrebbe in una posizione di vantaggio rispetto ai costi delle tariffe che può offrire, mentre darebbe lavoro a poche persone rispetto agli altri operatori. Opinione assolutamente non condivisa da iliad, che sottolinea di aver creato 1.500 posti di lavoro indiretti e diretti e di aver affidato i suoi centri di assistenza all’Italia e ai lavoratori italiani, piuttosto che all’est europeo come accade con altri operatori. Vedremo ora se effettivamente i Ministri decideranno di intervenire e se considereranno la concorrenza di iliad pericolosa per i dipendenti degli altri operatori.




Mentre le infrastrutture telefoniche italiane fanno spesso piangere lacrime di sangue ai consumatori, sembra che gli operatori siano interessati più a farsi una guerra politica che ad altro – soprattutto se c’è il rischio di dover vedere crollare le tariffe dopo il maldestro tentativo delle tredici mensilità, poi finite con l’essere spalmate in modo diverso tra i vostri piani telefonici.
In mezzo a questa situazione made in Italy, i leak impazzano sia per quanto riguarda Samsung che per quanto concerne iPhone, in attesa delle presentazioni ufficiali.