Crash Team Racing: Nitro-Fueled – Spooky Grand Prix

Nina Cortex ci porta nel suo mondo

Speciale
A cura di Nicolò Bicego - 15 Ottobre 2019 - 14:46

Sembra non essere destinata a fermarsi presto la corsa di Crash Team Racing: Nitro-Fueled; Activision ha recentemente mostrato la roadmap dei prossimi tre aggiornamenti, e non è da escludere che il publisher abbia in mente di continuare il supporto per il titolo anche nel corso del 2020. Oggi siamo qui per parlarvi del quarto grand prix, iniziato il 4 Ottobre su Playstation 4, Xbox One e Nintendo Switch; prende il nome di Spooky Grand Prix e vede per vera protagonista Nina Cortex, la nipote del celeberrimo Neo Cortex, con una traccia a lei dedicata. Coglieremo l’occasione anche per analizzare i cambiamenti apportati da Beenox attraverso l’ultimo aggiornamento, che ridisegna completamente un importante meccanismo di gioco. Pronti? 3, 2, 1, VIA!
Crash Team Racing: Nitro-Fueled – Spooky Grand Prix

Vecchi amici si rivedono

Come si può intuire dal suo stesso nome, lo Spooky Grand Prix è stato concepito intorno alla festività di Halloween; non è un caso che la protagonista sia Nina Cortex, il cui stile gotico ricorda da vicino la Mercoledì Addams della celebre serie tv. Questo personaggio era uno tra i più richiesti dai fan, nonostante sia comparsa in pochi episodi della serie; il suo design era stato creato ai tempi di Crash Nitro Kart, uscito nel 2003, ma non fu utilizzata fino a Crash Twinsanity, dove fece il suo vero debutto con tanto di zona di gioco a lei dedicata. Nonostante non appartenga dunque alla golden age del peramele creato da Naughty Dog, Nina è riuscita comunque a conquistare il cuore degli appassionati, e adesso anche i nuovi fan di Crash, arrivati con la N. Sane Trilogy, potranno conoscere ed apprezzare la gotica nipotina del dottor Cortex.

Crash Team Racing: Nitro-Fueled – Spooky Grand Prix

Ad accompagnarla, ci sono due volti noti della trilogia originale, la cui assenza nel primo Crash Team Racing è stata sempre un elemento di mistero. Komodo Moe, era stato probabilmente tagliato proprio per via della somiglianza con il già presente fratello Komodo Joe, con Naughty Dog che avrebbe preferito lasciare spazio a personaggi più diversificati tra loro. Praticamente assenti da ogni titolo successivo al primo CTR, finalmente i Komodo Brothers si riuniscono; parlando da fan, sarebbe stata una chicca se Beenox avesse rivisto la boss fight di Komodo Joe nella modalità avventura includendo anche il fratello, ma sappiamo che sarebbe stato chiedere troppo, oltre che un cambiamento rispetto all’originale che non tutti avrebbero apprezzato.

Crash Team Racing: Nitro-Fueled – Spooky Grand Prix

L’ultima aggiunta è l’assenza che più pesava sul primo CTR: l’assenza del dottor N. Brio, infatti, appariva decisamente poco sensata, alla luce del fatto che il dottore aveva ricoperto un ruolo molto importante nei primi due capitoli di Crash. Finalmente, N. Brio può avere il posto che gli era sempre spettato all’interno del roster di Crash Team Racing: Nitro-Fueled, godendo peraltro di una skin da hulk che ricorda da vicino la sua trasformazione vista nella boss fight del primo Crash Bandicoot.
Crash Team Racing: Nitro-Fueled – Spooky Grand Prix

This is Halloween

Come dicevamo, lo Spooky Grand Prix è stato concepito intorno alla festività di Halloween; questo vale anche per la nuova pista del mese, “L’Incubo di Nina”. Il tracciato racchiude tutto quello che ci aspetteremmo dalla festa di Halloween: foreste inquietanti, zucche che prendono vita, fantasmi che fluttuano nell’aria e chi più ne ha, più ne metta. Beenox sembra avere molte idee per il design di nuove piste, ed anche questo mese non ci delude; il comparto estetico è uno dei punti forti del nuovo circuito, grazie anche al fatto che tanto nell’originale Crash Team Racing quanto nel successivo Crash Nitro Kart mancavano piste con queste tonalità gotiche.

Crash Team Racing: Nitro-Fueled – Spooky Grand Prix

Se vi ricordate, lo scorso mese avevamo plaudito l’estetica della Pista di Spyro, ma avevamo anche notato come il tracciato fosse un passo indietro a livello di design rispetto al precedente Parco Preistorico, a causa di un’eccessiva linearità e semplicità; bene, questo mese Beenox torna in grande forma: L’Incubo di Nina non è solo una bella pista da vedere, ma anche da giocare, grazie a bivi, ultimate sacred fire da ottenere ed elementi di gioco che cambiano a seconda del giro che stiamo percorrendo (state attendi allo zuccone che troverete a circa metà della pista). Se ancora fossero servite prove delle capacità di Beenox nel muoversi in autonomia, eccone un’altra che ci fa venire ancora più voglia di vederli all’opera con un Crash Team Racing 2 costituito unicamente da nuove piste sviluppate dal team canadese.

Crash Team Racing: Nitro-Fueled – Spooky Grand Prix

Decido io i miei limiti

Passiamo adesso alle novità che riguardano la struttura portante di Crash Team Racing: Nitro-Fueled, partendo da quella che sicuramente era la più attesa dai fan del titolo. Come saprete, il roster di personaggi veniva diviso in diverse classi: principiante, intermedio, avanzato, ciascuno avvantaggiato in uno dei tre parametri di gioco (sterzata, accelerazione, velocità). Bene, da oggi è possibile scegliere in autonomia a quale classe assegnare ciascun personaggio. Per capirci, potremo scegliere Crash, precedentemente un pilota intermedio, e selezionare il motore avanzato che lo avvantaggia in velocità. In questo modo viene data una completa libertà di scelta ai giocatori; se vi piaceva un particolare personaggio ma evitavate di utilizzarlo perché appartenente ad una classe non adatta al vostro stile di gioco, adesso non avrete più alcun tipo di problema.

Crash Team Racing: Nitro-Fueled – Spooky Grand Prix

Beenox con Crash Team Racing Nitro Fueled si sta dimostrando attenta alle richieste dei fan, e lo testimonia anche il fatto che i moltiplicatori di Monete Wumpa, fino ad ora disponibili soltanto durante i match online, saranno finalmente applicati anche alle partite in locale. Altri aggiustamenti riguardano invece il comportamento dell’Intelligenza Artificiale; d’ora in avanti, la distribuzione ad inizio gara di oggetti come la sfera e l’orologio sarà pressoché nulla, evitando uno dei maggiori elementi di frustrazione che i giocatori avevano notato. Chiudiamo con un’altra piccola, grande novità: finalmente, tutti gli oggetti bonus del primo Grand Prix (dai personaggi alle skin, passando per tutto il resto) saranno resi nuovamente acquistabili nel pit-stop. Non è certamente inaspettato, in quanto Beenox aveva annunciato fin dall’inizio che questi oggetti sarebbero tornati disponibili, prima o poi; fino ad oggi, però, era rimasto il mistero su quando ciò sarebbe avvenuto. Adesso chi, per qualsiasi motivo, si è perso il primo grand prix ha l’occasione di recuperare; staremo a vedere se già il prossimo mese saranno resi nuovamente disponibili gli oggetti del secondo GP.

Con il quarto Grand Prix, Beenox porta grandi novità al suo Crash Team Racing: Nitro-Fueled. Finalmente, Komodo Moe e N. Brio hanno il loro meritato posto nel roster del gioco, dopo essere stati clamorosamente assenti dall’originale Crash Team Racing. Nina Cortex, uno dei personaggi più richiesti dai fan, arriva insieme ad un’eccezionale pista a lei dedicata, che si posiziona tra le migliori sinora create da Beenox. Come se non bastasse, il team canadese ha rivisto alcuni dei meccanismi base del gioco, introducendo una feature davvero richiestissima come il cambio motore. Se stavate aspettando un motivo per tornare a sfrecciare insieme al vostro peramele preferito, adesso non avete davvero scuse.




TAG: Crash Team Racing Nitro + Fueled