Crash Team Racing Nitro-Fueled | Come battere i tempi di N. Tropy, parte 1

Consigli per i tracciati di Crash Team Racing

Rubrica
A cura di Nicolò Bicego - 30 Luglio 2019 - 11:06

Crash Team Racing: Nitro-Fueled è disponibile da circa un mese. Siamo sicuri che ormai avrete già preso confidenza con i circuiti e con le meccaniche di gioco, sia qualora voi foste veterani che devono semplicemente adattarsi alla nuova veste del titolo, sia qualora voi foste novizi alla prima esperienza con i marsupiali su go-kart. Terminata la modalità avventura, però, c’è un’altra grande sfida che vi aspetta: si tratta delle prove a tempo, necessarie per sbloccare il diabolico N. Tropy. Se nel gioco originale questo incubo poteva essere evitato grazie a dei trucchi, che permettevano di sbloccare N. Tropy senza troppi sforzi, in Nitro-Fueled dovrete necessariamente battere i suoi tempi su ogni tracciato per poter gareggiare nei suoi panni. Un’impresa non da poco, considerando che i suoi tempi sono quasi perfetti. Per vostra fortuna, siamo qui per aiutarvi nell’ardua impresa. Pronti a prendere appunti?

crash team racing nitro fueled

Consigli generali

Innanzitutto, vogliamo darvi qualche consiglio generale che si applicherà a tutti (o quasi) i tracciati presenti nel gioco. Per sbloccare il fantasma di N. Tropy dovrete inizialmente fare un buon tempo sul tracciato su cui volete sfidarlo: questo spesso si traduce nel battere i tempi della CPU, ma non sempre questo basterà. Bisogna finire il circuito entro un certo tempo specifico (che non è possibile visualizzare) per poter sbloccare il fantasma di N. Tropy. Una volta fatto questo, potremo sfidarlo davvero: dovrete attivare il suo fantasma cliccando su di esso prima di entrare nella gara; senza questo passaggio, anche facendo un tempo migliore del suo non lo avremo battuto.
Una fase importante è la scelta del personaggio. Non è impossibile battere i fantasmi di N. Tropy con personaggi base e intermedi, ma il nostro consiglio è quello di utilizzare sempre i personaggi avanzati, che puntano tutto sulla velocità (proprio come N. Tropy). In alcune piste particolarmente ardue a causa dei continui tornanti, potrete pensare di scendere ad un personaggio intermedio, compensando la minore velocità con la maggiore affidabilità in curva; tuttavia, possiamo assicurarvi che basta un po’ di pratica per eseguire alla perfezione anche queste piste con un personaggio avanzato. Noi, nel particolare, abbiamo sempre utilizzato il pinguino Penta, ma un qualsiasi personaggio di questa classe andrà bene.
Detto questo, è importante avere confidenza con le meccaniche avanzate di gioco. Per battere i fantasmi di N. Tropy dovremo passare la maggior parte del tempo utilizzando lo “slide boost”, che ci permette non solo di avere una dose extra di velocità, ma anche di riempire le invisibili barre di riserva. A cosa servono queste barre? Avrete notato che, quando passate su un turbo, il vostro kart subisce un’accelerazione improvvisa, con la fiamma prodotta da esso che diventa più grande ed accesa. Questo viene definito “sacred fire”, e la sua durata dipende da quante barre di riserva abbiamo; più ne abbiamo accumulate, concatenando diversi “slide boost”, più lunga sarà la durata del sacred fire. A questo si collega un’ultima tecnica, il cosiddetto “ultimate sacred fire”. Questo particolare boost si attiva soltanto su alcuni turbo presenti nel gioco; la fiamma diventa di colore blu, e la nostra velocità diventerà semplicemente incredibile. Mantenere l’ ultimate sacred fire non è semplice, vista la sua pazzesca accelerazione; tuttavia, evitando di sbattere contro le pareti e cercando di concatenare altri slide boost, potremo tenere la fiamma attiva per buona parte del tracciato in questione.
Un’ultima premessa riguarda i tempi di N. Tropy. I suoi tempi sono molto buoni, ma non perfetti (per quello, ci saranno i fantasmi di N. Oxide, che fortunatamente servono solo a sbloccare un trofeo). Questo vi concede un certo margine di errore; non spaventatevi dunque se in alcuni momenti vedrete il suo fantasma davanti a voi, perché recuperarlo, per quanto non semplice, è possibile.

crash team racing

Baia Crash
Pur trattandosi del primo circuito, la sfida è tutt’altro che semplice. Cercate di concatenare quanti più slide boost potete, cercando di eseguire curve strette. La scorciatoia che vi permette di saltare sul pontile può essere utile, ma non necessaria. Evitate invece di salire sulla nave; il turbo presente lì sopra non compensa affatto il tempo perso per arrivarci. Nella parte finale del circuito, cercato di prendere tutti i turbo, e potreste riuscire ad attivare il sacred fire.

Grotte Mistero
Anche in questo caso, continuare ad eseguire slide boost è fondamentale per battere il fantasma di N. Tropy. Saltare sulle tartarughe può essere utile, soprattutto se riuscirete a calibrare bene le tempistiche per ottenere il massimo turbo dal vostro salto. La scorciatoia ad inizio pista, invece, è utile se imboccata perfettamente, ma può essere tranquillamente evitata visto che, se presa male, può consumare molto tempo.

Pista Cloaca
In questa pista, oltre ai classici slide boost, può essere un aiuto fondamentale la scorciatoia presente nella prima parte del tracciato. Raggiungerla non è semplice, ma vi garantirà un buon vantaggio su N. Tropy. Fortunatamente, non è necessario imboccarla ad ogni giro per battere il suo tempo.

Fiale di Roo
Tempo piuttosto semplice da battere; sfruttate i dislivelli per eseguire un salto ed ottenere così un turbo extra, continuando poi ad eseguire quanti più slide boost potete. La scorciatoia alla fine del tracciato vi farà risparmiare qualche prezioso secondo: prendetela utilizzando gli slide boost in modo da minimizzare il rallentamento dovuto al fango.

 

Colosso Mobile
In questa pista è fondamentale approfittare delle diverse scorciatoie presenti. Ci sono diversi punti in cui è possibile, calcolando bene le tempistiche e l’utilizzo dei turbo, saltare oltre le gomme impilate per tagliare sulle curve. Fatelo ogni volta che potete e non dovreste avere problemi a sconfiggere N. Tropy.

Pista turbo
Tempo piuttosto semplice: cercate di utilizzare gli svariati turbo disposti lungo il tracciato, e una volta raggiunto l’ultimate sacred fire cercate di mantenerlo anche attraverso l’utilizzo di slide boost. Non dovreste avere problemi qui.

Parco Coco
Viste le molte curve presenti nel tracciato, è facile eseguire molteplici slide boost; di fondamentale importanza, però, è imboccare la scorciatoia presente nella pista, cercando di farsi rallentare il meno possibile dall’erba.

Tempio Tigre
La scorciatoia del tracciato, normalmente accessibile soltanto sfondando la porta, è adesso sempre aperta; imboccatela ad ogni giro per risparmiare tempo prezioso, cercate di tenervi sempre stretti sulle curve e non avrete problemi con questo fantasma.

Piramide Papu
Viste le curve strette, potreste voler utilizzare un personaggio intermedio; noi abbiamo comunque utilizzato il nostro fido Penta e siamo riusciti a battere N. Tropy senza problemi. L’importante è usare bene le due scorciatoie presenti; la seconda, quella nella parte finale del circuito, potete prenderla solo con un adeguato turbo, quindi cercate di arrivare con uno slide boost alla salita che vi permetterà di saltare oltre.

Dingo Canyon
Una traccia piuttosto semplice. Come al solito, accumulate quanti più slide boost potete, utilizzate la scorciatoia iniziale e non avrete problemi.

Valico Polare
Anche in questa pista è importante utilizzare le due scorciatoie presenti; non sono difficili da imboccare, ed in generale il tempo di N. Tropy è ben lontano dalla perfezione.

Arena Tiny
Vista l’assenza di scorciatoie, in questa pista si tratta semplicemente di allenarsi abbastanza da battere il fantasma di N. Tropy. Piuttosto semplice, in realtà.

Miniere Drago
Una delle tracce più difficili su cui battere N. Tropy. Questo è dovuto alla presenza di curve a gomito nella sezione intermedia della pista, oltre al fatto che la scorciatoia è più dannosa che benefica a causa dei carrelli che la attraversano in continuazione e che minacciano di schiacciarci. Evitate di prenderla, cercate di eseguire slide boost per tutto il tracciato, ma non nella breve sezione a spirale, dove il rischio di sbattere è troppo grande. Continuate ad allenarvi e prima o poi riuscirete a sconfiggere N. Tropy.

Colle Tempesta
Fondamentale utilizzare la scorciatoia che vi permette di saltare oltre il fiume. Dovrete prenderla con la giusta accelerazione o rischierete di cadere nel burrone, cosa che vi costringerebbe a riavviare la prova. Per il resto, cercate di accumulare slide boost e di prendere ogni turbo disponibile, tenendovi stretti sulle curve.

Via Aria Calda
In questa traccia è possibile ottenere l’ultimate sacred fire; mantenerlo è importante per avere una vittoria assicurata contro N. Tropy. Per il resto, servirà un po’ di allenamento per gestire bene le molteplici curve presenti sul tracciato.

Castello Cortex
Anche in questo caso, serve allenamento per imparare a gestire bene tutte le curve; è fondamentale utilizzare la scorciatoia presente verso la fine della pista, così come anche mantenere l’ultimate sacred fire che otterremo attraverso il grande turbo nel finale. Gestendo bene l’atterraggio e l’ultima curva prima del traguardo, potremo riuscire a mantenere l’ultimate sacred fire abbastanza a lungo.

Laboratorio N. Gin
Cercato di passare su quanti più turbo possibile; anche qui è possibile ottenere l’ultimate sacred fire, ed è una buona idea cercare di mantenerlo quanto più a lungo possiamo. Non è semplicissima, ma non è neanche una gara complessa.

Stazione Oxide
Insieme a Miniere Drago e Castello Cortex è sicuramente tra le tracce più complesse del titolo originale. Ci sono molte curve strette, difficili da padroneggiare, soprattutto con un personaggio avanzato; inoltre, N. Tropy utilizzerà al massimo l’ultimate sacred fire presente sulla pista, per cui dovrete riuscire anche voi a mantenerlo, cosa non semplice viste le curve. Il nostro consiglio, dopo aver preso l’ultimate sacred fire, è quello di saltellare fino ai turbo successivi, senza cercare di eseguire altri slide boost fino a che non li avremo superati.

In questa prima parte della nostra guida, abbiamo voluto darvi i nostri personali consigli su come battere i tempi di N. Tropy sulle piste dell’originale Crash Team Racing. In Nitro-Fueled, però, sarà necessario battere i suoi tempi anche sulle piste di Crash Nitro Kart; non dovrete fare altro che attendere la seconda parte della nostra guida per riuscire ad avere la meglio sul misterioso dottore anche su quei tracciati.




TAG: Crash Team Racing Nitro + Fueled