PROVATO 5 min

Apex Legends: Stagione 9 | Provato – Il richiamo di Titanfall non è mai stato così forte

Le nostre prime impressioni sui contenuti della Stagione 9 di Apex Legends, tra certezze e interessanti scommesse.

Apex Legends continua ad espandersi aggiornamento dopo aggiornamento e in prossimità dell’uscita della Stagione 9, prevista per il 4 maggio, abbiamo avuto l’occasione di partecipare a un evento digitale a porte chiuse con il team di Respawn Entertainment incentrato sulle novità che verranno introdotte proprio con questo update.

Piattaforma:
MOBILE, PC, PS4, PS5, SWITCH, XONE, XSX
Genere:
sparatutto, survival
Data di uscita:
4 Maggio 2021
Sviluppatore:
Respawn Entertainment
Distributore:
EA

Occasione perfetta per cimentarci per una manciata di ore in una prova effettiva dei diversi contenuti che rimpingueranno la prossima stagione, tra rumor a un passo dall’effettiva conferma e succose feature che non ci aspettavamo minimamente di vedere perché considerabili delle vere e proprie scommesse. Tanta la carne al fuoco, insomma, per un aggiornamento che il team ha dichiarato essere il più corposo e impegnativo al quale abbiano mai messo mano.

L’apertura dell’evento non poteva che toccare al game director Chad Grenier, entusiasta del lancio di un nuovo e corposo aggiornamento dopo un periodo impegnativo e difficile, con l’emergenza sanitaria ancora lontana dal permetterci di tornare a lavorare e vivere in tutta tranquillità. Tantissimi gli sforzi profusi e, considerando che proprio nell’ultimo anno sono già stati pubblicati numerosi update tra mappe, nuove leggende giocabili, una versione Nintendo Switch e diversi eventi a tempo, si ritengono soddisfatti di essere riusciti ad avere la giusta concentrazione per la realizzazione della Stagione 9, in parallelo ai corposi bilanciamenti necessari quasi ogni mese per qualche fix più o meno invasivo sul titolo.

Piloti di Titan si nasce

Finalmente Respawn con la Stagione 9 è tornata a percorrere la strada del maggior coinvolgimento narrativo, un sentiero che aveva raggiunto elevati indici di gradimento da parte dell’utenza con le Stagioni 4 – 5 e la spirale di vendetta che coinvolgeva le rispettive leggende Revenant e Loba. Parliamo di una scelta che ai tempi aveva permesso di approfondire alcune curiosità sulla Hammond Robotics e scrutare quel binario di lore parallelo chiamato Titanfall, successivamente accantonato per dare priorità a una maggior cura del gameplay effettivo; un aspetto sempre alla base di un battle royale che possa definirsi tale.

Non che questa sia stata una scelta sbagliata, ma la narrativa silenziosa di Apex Legends è sempre stata importante per la community di riferimento e si è sempre cercato di scoprire nuovi punti di contatto con le (dis)avventure di Piloti e Titani che ancora attendono una terza e ancor più meritevole trasposizione videoludica.

Con la nuova Stagione fuggire davanti al pericolo potrebbe non essere la giusta strategia.

Ecco allora che l’introduzione della nuova leggenda Valkyrie con la Stagione 9 può rappresenta un nuovo punto di contatto concreto tra i due brand in mano al team californiano. La nuova eroina è figlia di un famoso pilota di Titan di nome Viper – uno dei principali boss di Titanfall 2 – e decide di ripercorrere le sue stesse pericolose orme. Proprio dal genitore eredita il titano utilizzato in battaglia, o ciò che ne resta, e lo trasforma in un’armatura da combattimento da sfruttare durante gli Apex Games per far luce sulla morte del padre causata da un mercenario di nome Blisk, che altro non è che la principale nemesi dello sparatutto appena citato.

Al di là dell’incipit narrativo sul quale far luce solo giocando durante la Stagione 9 – precisamente recuperando alcuni tesori dai bottini nascosti casualmente sulle mappe come nelle precedenti stagioni – le prime impressioni pad alla mano di Valkyrie sono estremamente positive. L’armatura da titan della nuova leggenda comprende un jetpack da sfruttare come abilità per brevi sessioni di volo: strategia comoda per raggiungere velocemente posizioni sopraelevate e organizzare qualche imboscata a danno dei team avversari. Ovviamente durante queste sessioni non si potrà liberamente imbracciare un’arma da fuoco e nell’ottica del bilanciamento del gunplay è sembrata la scelta migliore, essendo catalogata come leggenda di classe ricognizione, al pari di Bloodhound e Crypto.

La nuova Leggenda in tutto il suo splendore.

La skill attiva di Valkyrie permette invece di lanciare una breve raffica di missili utile per danneggiare armature o creare scompiglio nelle zone più presidiate; considerando la poca precisione man mano che aumenta la distanza del bersaglio selezionato è stata stroncato sul nascere quasi ogni dubbio sull’eccessiva letalità di questo attacco, al netto della rapidità con il quale può essere utilizzato durante lo stesso round.

Come ultimate invece, un po’ a sorpresa, la possibilità di creare una vera e propria via di fuga per il proprio team grazie alla possibilità di agganciarsi con i compagni nelle vicinanze e sfruttare i propulsori dell’armatura per un forte sbalzo verso l’alto, con conseguente possibilità di planare come a inizio round verso qualsiasi altra zona della mappa.

 

Parliamo di una meccanica interessante e che abbiamo più riprese utilizzato per allontanarci da zone che, ad esempio, con il fuoco incrociato di più team avrebbero portato a un prematuro game over. Probabilmente uscita la Stagione 9 sarà comunque necessario qualche piccolo accorgimento sull’eventuale versatilità del jetpack se la risposta della community lo renderà necessario, ma già in questa fase abbiamo riscontrato un buon equilibrio e la nuova leggenda ben si incastona nel variopinto mosaico di personaggi da scegliere durante le partite.

Andare oltre la sopravvivenza

Abbiamo già anticipato come, dal punto di vista dei contenuti, la Stagione 9 sia ricca di novità e – come se non bastasse una leggenda così sfaccettata sia per il gameplay sia per le potenzialità della narrazione – il team di sviluppo ha realizzato per l’occasione una vera e propria modalità che in parallelo andrà a svilupparsi alle sfide della tradizionale battle royale. Si tratta di una modalità Arena che mette al centro gli scontri in PvP tra due squadre da tre giocatori ciascuna, attraverso round in rapida successione che enfatizzano le sparatorie a corto raggio e la frenesia senza possibilità di fuga.

La modalità Arena è la vera sorpresa del nuovo aggiornamento.

Parliamo di una new entry che solo in parte conferma i rumor dei recenti mesi – legati all’introduzione di un deathmatch più classico – e non ci aspettavamo ne potesse uscire fuori una modalità così divertente e dall’approccio mordi e fuggi valido anche per brevi sessioni di gioco. Il gunplay rimane lo stesso che contraddistingue le partite battle royale e il team ha rassicurato sugli sforzi profusi per realizzare qualcosa di diverso, ma senza allontanarsi dalla personalità che identifica il gioco base; paradossalmente come risultato finale il gameplay rispecchia ancor di più il multiplayer di Titanfall, aggiungendo un po’ di tattica grazie a una fase  pre-match che permette a ogni inizio round di decidere come spendere una determinata manciata di risorse per il rispettivo equipaggiamento.

Ecco: in questa specifica meccanica la novità principale e sorprendente della Stagione 9, ovvero una modalità Arena che con una leggera infarinatura da FPS tattico cerca di ritagliarsi uno spazio anche nel settore occupato di recente da un progetto come Valorant, con le dovute differenze per la natura del materiale di base. Prima di ogni round, infatti, avremo a disposizione una manciata di secondi per decidere se utilizzare le risorse a disposizione per un’arma più potente (e magari relativo upgrade con accessori migliori) o portarci dietro un kit medico/armatura di scorta aggiuntivo, senza dimenticare che anche le abilità sono limitate e per poterne utilizzare di più con le rispettive ricariche bisogna sempre pagare una somma specifica.

Toccherà a noi scoprire la verità sull'infestazione aliena di Olympus.

Dave Osei e Robert West, rispettivamente lead level designer e arena designer di Respawn, si sono alternati nel chiarire come la nuova modalità sia da considerare un’alternativa utile a portare una ventata d’aria fresca su Apex Legends senza tradire la propria natura. Ovviamente bisognerà vedere come sarà accolta e quanto sarà giocata perché il team ha promesso un supporto costante e l’eventuale arrivo anche di partite classifiche separate dalle ranked della modalità tradizionale, incentrata sulla sopravvivenza. Abbiamo avuto la possibilità di provare tre arene al momento, ovvero Artillery, Phase Runner e Party Crasher, e risultano ben differenziate: riprendono in parte o totalmente gli asset di costruzioni e ripari utilizzati nelle mappe ampie, quanto basta per enfatizzare scontri dalla breve distanza ad alto tasso di adrenalina.

Come se non bastasse, alcune novità della Stagione 9 riguardano ovviamente anche la modalità battle royale e precisamente la mappa Olympus infestata da una letale e misteriosa vegetazione che cambia totalmente l’aspetto di alcune aree a sud nei pressi della nave Icarus, con una storia da seguire in parallelo sull’origine di questo parassita e che presumibilmente si intreccia con l’arrivo di Valkyrie agli Apex Games.

L'Arco Bocek è tanto bello nella forma quanto letale nella sostanza.

Ultima, ma non per importanza, la nuova arma introdotta con l’upgrade denominata Arco Bocek, letale con pochi colpi nel corto e medio raggio. Un vero e proprio arco da caccia all’avanguardia con tre slot da personalizzare tra mirini olografici e upgrade per un maggior rateo o una maggior gittata; un’arma che in queste prime prove è sembrata divertente e abbastanza bilanciata, anche se necessita di un certo allenamento per essere utilizzata in modo efficiente durante i rapidi scontri di Apex Legends.

Se sei un appassionato di Apex Legends, non farti scappare la collezione di Funko Pop disponibile a questo link su Amazon al miglior prezzo.

Piattaforme: mobile, pc, ps4, ps5, switch, xone, xsx
La Stagione 9 di Apex Legends ha le carte in regola per sorprendere e tenere incollata allo schermo la community di riferimento grazie a numerosi contenuti soddisfacenti sia sul fronte qualitativo sia quantitativo. Le prime impressioni non possono che essere positive nei confronti di un team che ha conquistato la fiducia dei videogiocatori tramite aggiornamenti puntuali e meticolosi: la modalità Arena rappresenta una scommessa potenzialmente interessante, con l’obiettivo prefissato di attirare un pubblico differente senza voltare le spalle alla solida community già salda.Non vediamo l’ora di scoprire fino a dove potrà spingersi ancora Respawn con questo brand nel prossimo futuro.

Pro

  • Valkyrie è una gradita aggiunta per il roster di Apex Legends
  • La modalità Arena è una ventata d’aria fresca…
  • Un nuovo focus sulla narrazione che aspettavamo da tempo
  • Mappa Olympus rinnovata con nuove aree e segreti

Contro

  • … ma rimane qualche dubbio sulla percezione della community oltre il breve periodo
  • Aspettiamo ancora novità per il cross save tra le varie piattaforme