Speciali 4 min

Popcap, Chillingo e mobile gaming

Londra – I videogiochi mobile e per tablet sono praticamente la nuova certezza economica dell’industria videoludica. Si tratta di titoli venduti a poco, dai costi di produzione estremamente limitati, e in grado di piazzare facilmente milioni di copie, vuoi per il prezzo limitatissimo, vuoi per l’enorme bacino di utenza sviluppatosi negli ultimi anni. Durante lo Showcase tenutosi a Londra dunque non potevano mancare Chillingo e Popcap, case per la cui acquisizione EA ha speso molto, e il cui lavoro potrebbe facilmente ripagare l’investimento fatto. Tra le varie prove noi abbiamo fatto una capatina negli stand dedicati a loro. Ecco cosa abbiamo visto.

Popcap e la sua drog… ahem, i suoi prodotti
I ragazzi di Popcap si sono presentati all’evento con uno stand piccino, ma sono riusciti comunque a catturare l’attenzione di gran parte dei presenti. Solo un nuovo giochino per Facebook di nome Solitaire Blitz è stato presentato, tuttavia il motivo di tanto successo non era lui, bensì una postazione da sala giochi dedicata a Bejeweled Blitz. Il curioso macchinario era a forma di gemma, e permetteva di giocare al famosissimo titolo di Popcap su quattro touchscreen contemporaneamente in multiplayer. Fermatevi un secondo a pensare a quanto Bejeweled è in grado di dare dipendenza, poi immaginatevi il suo effetto su decine e decine di giornalisti videoludici molto competitivi. A un certo punto prendere possesso della postazione è divenuto quasi impossibile, perché ogni due per tre partivano sfide senza esclusione di colpi. Noi un pochino l’abbiamo potuto testare, e possiamo dire con certezza che lo strano cabinato di Popcap diventerà il mangiamonete definitivo.
Non ci siamo però dimenticati del succitato Solitaire Blitz, variante velocizzata di un solitario con limiti di tempo, facile da prendere in mano e facilmente in grado di rubare preziose ore d’ufficio a tutti i lavoratori del mondo con le sue leaderboards. Popcap non si smentisce mai.

Chillingo – Commando Jack
Una volta arrivati allo stand di Chillingo abbiamo potuto osservare vari titoli dedicati a iOS. Il primo è stato Commando Jack, un interessante tower defense sviluppato da Colossal Games (un piccolo studio indipendente, contrariamente da quello che il nome potrebbe far pensare). Il gioco si è rivelato ben programmato e piuttosto divertente. Il gameplay è quello classico del genere, ma rinfresca un po’ le cose inserendo una torretta utilizzabile in prima persona dal prode Jack, per eliminare gli alieni che minacciano la terra. Molte le torrette selezionabili e buona la varietà di nemici, che costringe a scegliere oculatamente cosa utilizzare per sopravvivere alle varie ondate. Le varie missioni ci sono parse facilotte, ma ognuna è affrontabile a vari livelli di difficoltà, cosa che dovrebbe aumentare notevolmente la longevità. Il titolo sarà presto disponibile per iPad e iPhone. Se amate i tower defense dategli un’occhiata.

Chillingo – Air Mail
Altro titolo mostrato durante la nostra gita da Chillingo è stato Air Mail, titolo iOS che vi vedrà pilotare un aereo in missioni di recupero e consegna di vari oggetti. Il sistema di controllo dell’aereo ci è sembrato molto responsivio, e vari schemi di controllo possono venir selezionati a inizio partita (tra cui uno schema “esperto” che permette amnovre complesse e rende tutto più complicato), mentre le missioni ci son parse un po’ ripetitive. Abbiamo però visionato solo le prime missioni, quindi è presto per trarre conclusioni, inoltre il gioco è graficamente notevole.

Chillingo – Shaun The Sheep: Fleece Lightning
Basato sull’amatissima serie “vita da pecora” Shaun The Sheep: Fleece Lightning è un gioco di una semplicità incredibile, ma in grado di divertire. Si tratta a tutti gli effetti di una serie di corse, nelle quali dovrete sconfiggere velocissimi maiali evitando ostacoli. Le piste diventano più ardue di livello in livello, e numero e rapidità dei porci aumenta con la difficoltà. Un altro piccolo brucia ore sicuramente apprezzabile.

Chillingo – The Act
Pensato per iOS, The Act riporta su iPad un genere sparito ormai nel nulla, quello dei laser game. A tutti gli effetti il gioco è un cartone interattivo, nel quale dovrete aiutare il povero Edgar a conquistare la donna dei suoi sogni. Animazione e disegni sono notevoli, al livello di un vero cartone animato, ma il gameplay è estremamente basilare, e richiede solo di scorrere con il dito sul pad a velocità variabili per superare vari eventi. L’attrattiva del gioco sta nella sua inaspettata difficoltà, è molto più impegnativo di quanto possa sembrare. La qualità effettiva del prodotto in questo caso dipenderà esclusivamente dalla comicità delle situazioni in cui il giocatore verrà coinvolto. Un esperimento piuttosto coraggioso, non c’è che dire.

Giochi in trasferta telefonica
Tra un touchscreen e l’altro abbiamo potuto osservare anche qualche altro titolo di EA Mobile. Tutti giochi già visti, che cambieranno a breve piattaforma in modo da diffondersi ancora di più. Il primo è l’indimenticabile Plant vs Zombies, che sta per conquistare anche i Windows Phone. Anche Need For Speed Hot Pursuit, porterà la storica serie sul “terzo polo” degli smartphone. Anche l’immancabile Battleship (Battaglia Navale) sta per arrivare su Windows Phone 7, in una forma infighettata a dovere, con tanto di multiplayer integrato a Xbox Live.
Le altre trasferte che abbiamo potuto scoprire sono state: Real Racing 2, in arrivo per iPad, Flight Control Rocket, a sua volta sulla via del tablet di Cupertino, e Burnout Carsh, rimasterizzato in tutta la sua divertente rozzezza per iOS.




EA sta chiaramente inevstendo molto sul gaming mobile. Investimenti ben fatti, considerando che ha frecce come Popcap e Chillingo al suo arco. L’avanzata del gaming su tablet e smartphone è ormai quasi inarrestabile, e avere software house in grado di cavalcare l’onda è di certo un punto di forza non indifferente per il colosso americano. Vedremo fino a che punto verrà sfruttato in futuro, ma già ora abbiamo visto qualche chicca in grado di conquistare molti fan con la sua intuitività.