Recensione 3 min

Formula 1 2001

La formula uno la conoscete bene o male tutti, quindi non mi sembra necessario perdere troppo tempo e sprecare troppe parole in preamboli inutili; perciò passiamo subito al sodo e vediamo come si presenta questo Formula One 2001!
Appena inserito il DVD, del gioco, nel carrellino della vostra fida Ps2, potrete assistere ad una buona presentazione realizzata in maniera più che decorosa e che vi permetterà, non essendo particolarmente lunga e articolata, di accedere, in men che non si dica, ai menu di gioco i quali differiscono per stile grafico e per opzioni di gioco rispetto alla versione per la sorellina maggiore.
L’unica cosa che accomuna le due versioni è il modello di guida, alquanto ostico, che vi renderà la vita piuttosto dura e che necessiterà di una buona dose di pratica per essere padroneggiato al meglio.
In questa release per il 128 bit Sony si nota subito la presenza di una buona quantità di poligoni sullo schermo ed un altrettanto buona fluidità la quale ha consentito di ricreare un ottimo senso di velocità; però, non posso far a meno di notare che si poteva fare ancora meglio: i particolari che contornano i tracciati, secondo me, avrebbero necessitato di maggior attenzione e non avrebbe nemmeno guastato più spettacolarità grafica, nel senso che se vi aspettate texture allucinanti ed effetti di luce simili a quelli presenti in GT3, bhè, potete scordarveli anche se c’è da notare che gli agenti atmosferici, come la pioggia sono resi molto bene.
In FOne2001 tutto è essenzialmente “buono”; i programmatori hanno preferito adottare uno stile grafico completo ma non esaltate, puntando sul realismo di guida e sulla ricreazione, quasi maniacale, del comportamento delle monoposto, le quali presentano una fisica impeccabile.
I contatti con le auto avversarie sono riprodotti in maniera soddisfacente ed andranno ad incidere sulle vetture in dose differente a seconda della modalità prescelta: se state correndo in modalità arcade, tutto sarà più semplice, i contatti vi faranno perdere sì tempo ma non saranno determinanti per il risultato finale, nel senso che la monoposto non andrà in mille pezzi; anche il comportamento, su strada, delle vetture sarà in, questa modalità, meno realistico e frustrante. Optando, invece, per l’aspetto simulativo offerto da F1 2001 tutto si complica dannatamente e dovrete stare ben attenti a non uscire di traiettoria, pena testa coda assicurati, e a non urtare le altre monoposto. Incominciamo col precisare che a differenza della versione 2000, in questa, sono presenti tutti i piloti e le monoposto ufficiali che ci gustiamo ogni qual volta guardiamo un GP alla TV, perciò il problema della licenza è stato risolto: potrete vedere le livree rosso fuoco e argento di Ferrari e McLaren, i nomi dei piloti stampati, in bella vista, sulle carrozzerie e sui caschi (anch’essi riprodotti fedelmente).
L’intelligenza artificiale degli avversari è stata programmata in maniera “intelligente” nel senso che nella versione arcade, com’è giusto che sia, i piloti sono più beoti mentre intraprendendo una stagione “simulativa” le cose non saranno semplici, dovrete affrontare diverse sessioni di gioco prima di potervi dichiarare dei novelli Michael Shumacher, in questo caso anche la strategia di gara (pit stop, cambio gomme, ecc..) assume un aspetto di prim’ordine.
Questo prodotto Sony, devo dire, da delle soddisfazioni accontentando sia coloro che prediligono i racing game privi di fronzoli sia coloro ai quali piace settare l’auto ed occupasi di parametri e strategia fin nei minimi particolari.
Il sonoro si assesta su buoni livelli, come del resto tutto il gioco, offrendoci un commento, curato da De Adamich e Claudia Peroni, accettabile ma in alcuni tratti con frasi fuori luogo; i rombi dei motori sono differenti l’uno dall’altro e le musiche d’accompagnamento sono decisamente carine.

Piattaforma:
PS2
Genere:
guida-arcade
Data di uscita:
Sviluppatore:
Studio 33
Distributore:
SCEI

La Storia del Mondiale 2000
All’interno della confezione potrete trovare un simpatico omaggio, cioè, un DVD che va a riassumere le fasi salienti dello scorso campionato vinto dalla mitica Rossa di Maranello.
L’opzione interessante, che caratterizza questo DVD, è la possibilità di scegliere autonomamente diverse inquadrature da quella della Pit-Lane, ai Camera Car fino ad arrivare alla classica inquadratura della regia internazionale; tutto ciò sarà, ovviamente, visionabile anche come una normale videocassetta senza intervenire sulle visuali proposteci.
Unico neo di questo prodotto, aggiuntivo, è la telecronaca realizzata interamente in lingua anglosassone…peccato!

Dettaglio grafico di tutto rispetto e buon livello di simulazione

La console non è stata sfruttata al massimo delle sue potenzialità

7.8

Un titolo da prendere sicuramente in considerazione anche se la alternative non mancano…..
Alla prossima.