News 2 min

Zelda Breath of the Wild, YouTuber offre 10.000$ per il multiplayer (ed è polemica)

Uno YouTuber ha offerto 10.000$ per realizzare una mod multiplayer per Breath of the Wild, ma gli sviluppatori polemizzano.

The Legend of Zelda Breath of the Wild è sicuramente uno dei videogiochi Nintendo più amati di sempre: gli utenti si sono fatti catturare da un bellissimo e ricco mondo aperto, con pochissimi eguali sul mercato.

Il titolo è stato però pensato per essere usufruito in giocatore singolo e non include alcuna componente multigiocatore: uno YouTuber ha deciso di voler cambiare le cose, offrendo una sostanziosa taglia a chiunque si dimostrasse in grado di aggiungere questa feature su Breath of the Wild con una mod.

Gli utenti in questi anni hanno trovato diversi modi per mettersi alla prova, scoprendo perfino il metodo per ottenere il Seme Korok impossibile.

C’è anche chi ha deciso di affrontare una boss battle degna di Sekiro: alcuni di questi fan potrebbero però decidere di affrontare una sfida ancora più importante, o almeno questo è l’augurio di un content creator.

Come riportato da TechRaptor (via TheGamer), lo YouTuber PointCrow ha deciso di offrire una taglia di 10.000$ ai modder che dovessero riuscire a implementare una vera e propria modalità multiplayer su Breath of the Wild.

La sfida dovrà però seguire dei precisi requisiti per poter accedere al premio: si dovrà essere in grado di poter supportare fino a 4 giocatori, gli inventari dovranno essere separati e gli utenti potranno trovarsi dovunque vorranno sulla mappa.

Il tutto dovrà essere portato a termine due mesi prima che il sequel di Zelda Breath of the Wild sia ufficialmente disponibile, ma non sono mancate le polemiche.

Uno dei contrari è infatti Sam Sharma, il Director of Product di Bungie e Destiny 2, che ha criticato pubblicamente i requisiti imposti dallo YouTuber, sottolineando che alcuni non hanno idea di ciò che comporti sviluppare una feature di questo tipo, o un videogioco vero e proprio:

«Nessuno sa quanto costi sviluppare giochi, come si sviluppano e come funziona il game design».

In riferimento proprio alla taglia offerta dallo YouTuber, in un tweet successivo Sam Sharma ha inoltre sottolineato che 10.000 dollari vengono spesi solo per una concept art in grado di descrivere come funzioni esattamente il multiplayer.

Insomma, per un lavoro di questa portata la taglia offerta dal content creator non sarebbe affatto sufficiente per un progetto di tale portata, decisamente molto ambizioso rispetto a una «normale» mod multiplayer.

In ogni caso, i giocatori non hanno ancora finito di scoprire tutti gli easter egg del titolo: proprio pochi giorni fa è stato notato un tenerissimo segreto legato alle fiamme blu.

Se siete appassionati di Breath of The Wild, potete approfittare dell’offerta di Amazon su Hyrule Warriors L’era della Calamità con custodia per Switch.