News 2 min

Twitch taglierà i guadagni degli streamer più ricchi: ecco i dettagli

I guadagni degli streamer più grandi di Twitch saranno rivisti al ribasso, con una modifica che è stata annunciata di recente dall'azienda.

Twitch è inevitabilmente parte del mondo della comunicazione di oggi, anche e soprattutto per quanto riguarda l’industria videoludica.

Ci sono videogiochi il cui successo o fallimento è decretato quasi unicamente dalla visibilità sulla piattaforma di streaming, come è successo ad Among Us che è tornato dall’oblio arrivando a diventare un fenomeno di costume (con tanto di gadget su Amazon).

Ce ne sono altri che continuano a segnare record nelle maniere più insolite, come è successo con Call of Duty di recente per via di un ritorno a sorpresa.

Ed è talmente importante anche dal punto di vista economico, se consideriamo che anche gli streamer russi sono entrati all’interno delle sanzioni internazionali per via del conflitto in Ucraina.

Twitch è anche una fonte di reddito per gli streamer, pure considerevole per chi riesce ad avere successo sulla piattaforma.

Durante la pandemia i canali si sono moltiplicati come funghi, e molte persone si sono reinventate intraprendendo la carriera dello streamer di successo.

Ma l’azienda che è all’interno dell’ecosistema di Amazon ha deciso di modificare quelle che sono le condizioni di pagamento, di fatto andando a ridurre i guadagni degli streamer più ricchi.

Lo ha reso noto direttamente Twitch tramite il suo blog, in un lungo comunicato che illustra i dettagli delle modifiche che verrano apportate.

Prima di adesso, la piattaforma utilizzava uno standard di riferimento relativo alla quota dei ricavi pari a 50/50 sui ricavi netti derivanti da tali guadagni.

La stragrande maggioranza degli streamer Twitch ha queste condizioni nel proprio accordo, ma alcuni streamer più di successo hanno potuto accedere ad una offerta premium, in cui i ricavi sono divisi 70/30 a differenza degli utenti “normali”.

Proprio questa percentuale è al centro della modifica più importante:

«Per questi streamer che continuano a usufruire di queste offerte premium, stiamo adeguando l’offerta in modo che mantengano la suddivisione della loro quota dei ricavi di 70/30 per i primi 100.000 USD guadagnati tramite i ricavi dagli abbonamenti. I ricavi superiori a 100.000 USD saranno suddivisi in base alla quota dei ricavi standard di 50/50. Annunciamo ora questa modifica, ma entrerà in vigore solo dopo il 1° giugno 2023.»

In buona sostanza, gli streamer con un reddito molto alto vedranno ridotte le loro entrate.

Il motivo di questo cambiamento, svela Twitch, è per dare tentare di mettere tutti gli streamer nelle stesse condizioni di lavoro, ma senza penalizzare troppo quelli più famosi che, sostanzialmente, fanno la fortuna della piattaforma stessa.

Una novità che farà senz’altro discutere, anche e soprattutto rispetto alle reazioni che gli utenti hanno alle dichiarazioni dei guadagni degli streamer più importanti.

Nella speranza che possa davvero mettere tutti i content creator allo stesso livello, perché non vogliamo smettere di vedere imprese come la giocatrice di Elden Ring che vuole finirlo con il tablet.