News 2 min

The Last of Us Parte II leak: Schreier smentisce il rumor del ‘dipendente furioso’

Un caso spinoso.

Alcuni giorni fa The Last of Us Parte II è stato al centro di un gravissimo leak di contenuti, con Sony che si è attivata per rimuoverli in breve tempo (nonostante in molti fossero caduti in spoiler accidentali e non).

Naughty Dog, team di sviluppo del videogioco, ha diffuso una nota ufficiale nella quale si diceva dispiaciuta dall’accaduto. Nonostante ciò, nelle ore successive al fatto ha iniziato a circolare la notizia che i video rubati fossero stati messi diffusi da un ex dipendente dell’azienda, furioso per il trattamento riservatogli durante e dopo la sua permanenza nel team.

La notizia, che non ha trovato conferma in alcun modo (né dal diretto interessato, né tanto meno dai canali ufficiali di Naughty Dog), è stata ora parzialmente smentita anche da Jason Schreier, il quale ha bollato la cosa come un’indiscrezione senza alcun fondamento.

Poco sotto, il tweet del giornalista:

Questo post Reddit sta diventando virale, ma è completamente falso. (‘Centinaia di dipendenti licenziati’?) In effetti, le persone con cui ho parlato a Naughty Dog credono che il leaker non fosse in realtà un loro dipendente, anche se non ho ancora visto alcuna prova certa al riguardo. Indagherò ancora…

Insomma, il caso non può dirsi ancora chiuso, nonostante il danno sia stato in ogni caso piuttosto significativo. Da parte nostra vi consigliamo nuovamente di fare molta attenzione ai vari canali che possono contenere spoiler, incluso ovviamente YouTube (specie i commenti).

Ricordiamo che The Last of Us Parte II sarà lanciato ufficialmente il 19 giugno per PS4, nonostante sia da poco possibile portarsi avanti con l’acquisto della versione digitale.

Fonte: Twitter