The Last of Us Part II, le novità mostrate allo State of Play

Ellie è più vendicativa che mai!

NEWS
A cura di Marcello Paolillo - 27 Maggio 2020 - 22:41

Pochi minuti fa, come da programma, Sony e Naughty Dog hanno mostrato il nuovo State of Play dedicato interamente a The Last of Us Part II, previsto il 19 giugno su console PS4.

Subito dopo aver rivisto il full trailer rilasciato alcune settimane fa, il director Neil Druckmann ha iniziato la diretta ringraziando i fan e sottolineando il difficile periodo che tutti noi stiamo vivendo, a causa dell’emergenza sanitaria.

Si parte con un video che mostra il finale del primo capitolo, a cui il nuovo gioco si collegherà direttamente: viene mostrata la città di Jackson, all’interno della quale i sopravvissuti cercano di vivere una vita normale, riparati da delle mura.

The Last of Us Part II, le novità mostrate allo State of Play

La pace, ovviamente, non durerà: Druckmann ci prepara a una storia di vendetta, con Ellie costretta ad andare via dalla città per compiere la sua missione personale. Ciò la spingerà sino ai confini del nord ovest pacifico, passando per la città di Seattle.

Lì ci aspetta il cuore pulsante dell’avventura, con meccaniche di esplorazione più fluide e maggiormente connesse tra loro (Ellie sembra infatti avere la capacità di oscillare sopra vari ostacoli, oltre a poter esplorare ambienti più vasti). Confermata la presenza del cavallo per le lunghe traversate, inclusa una barca a motore per attraversare gli specchi d’acqua.

Ellie, però, non sarà sola: a tentare di fermarla ci penserà il Washington Liberation Front (o WLF), una milizia di resistenza armata presente a Seattle, oltre ai cosiddetti Serafiti (o Iene), appartenenti a una sorta di culto misterioso, in grado di muoversi piuttosto furtivamente.

The Last of Us Part II, le novità mostrate allo State of Play

Non sembrano mancare neanche gli infetti, inclusi i Runner (più numerosi e aggressivi), i Clicker e alcune mostruosità mai viste prima decisamente più coriacee e difficili da abbattere (il cui aspetto non è al momento stato rivelato al pubblico).

Gli umani saranno accompagnati da veri e propri cani da guardia, i quali saranno in grado di seguire la scia olfattiva (visibile da Ellie grazie alla modalità ascolto). Potremo in ogni caso eliminare i quadrupedi o distrarli grazie all’ausilio di oggetti. L’erba alta sarà utile per nasconderci, ma si tratterà di una sorta di ‘stealth contestuale’ che non ci permetterà di occultarci al 100% agli occhi del nemico.

Tornerà anche il sistema di combattimento corpo a corpo (molto più fluido e versatile), inclusa la presenza di armi da fuoco e la possibilità di usare nemici come scudo. Potremo anche fare affidamento sull’aiuto – temporaneo – di alcuni alleati che troveremo sul nostro cammino.

Ultima ma non meno importante, la possibilità di fare evolvere la protagonista, grazie a vari manuali da recuperare sul terreno di gioco in grado di sbloccare talenti e abilità. Il tutto, a braccetto con le possibilità di personalizzazione delle armi e il crafting (già visti nel primo capitolo).

Lo State of Play si è poi concluso con una breve ma intensa sezione di gioco mai vista prima (della durata di poco meno di 10 minuti), che ci ha permesso di ammirare una vera e propria mattanza messa in atto da una Ellie più agguerrita che mai.

Poco sotto, trovate il video completo (sottotitolato in italiano) dell’evento trasmesso pochi minuti fa.




TAG: State of Play, the last of us part ii