Recensione 5 min

Super Mario Bros. 35 – Quando Mario diventa battle royale | Recensione

Battle royale a suon di Goomba

Tetris 99 è stato un’idea geniale: prendere un gioco classico ed unirlo alla competitività propria dei moderni battle royale ha dato vita ad una rivisitazione fedele ma al contempo fresca dell’intramontabile formula di Tetris. Proprio per questo, dunque, era solo questione di tempo prima che qualcuno decidesse di riproporre il formato, applicandolo ad un altro classico videoludico.

Super Mario Bros. 35

Piattaforma:
SWITCH
Genere:
piattaforme
Data di uscita:
1 Ottobre 2020
Sviluppatore:
Nintendo
Distributore:
Nintendo

Sinceramente, però, non ci saremmo mai aspettati che sarebbe stata proprio Nintendo a proporre un gioco simile, affidando nuovamente il lavoro ad Arika, il team già autore del succitato titolo. Men che meno ci saremmo aspettati che il titolo scelto sarebbe stato l’intramontabile Super Mario Bros. Eppure, proprio per festeggiare il 35° anniversario della serie, Nintendo ha deciso di pubblicare Super Mario Bros. 35 su Nintendo Switch, un mix di platform e battle royale che vede (ovviamente) 35 giocatori competere online nei livelli dello storico titolo.

Il gioco, come ormai saprete, è disponibile gratuitamente per tutti gli abbonati a Nintendo Switch Online. Attenzione, però, perché sarà disponibile soltanto fino a marzo 2021, dunque se siete curiosi di provarlo sappiate che il tempo a disposizione per farlo sarà limitato. Detto questo, passiamo alla nostra recensione.

35 Mario sullo stesso schermo

Abbiamo tracciato, in apertura, un paragone con Tetris 99, di cui certamente Super Mario Bros. 35 è, in un certo senso, un seguito spirituale. C’è però una solida differenza tra i due casi. Tetris, infatti, seppure in modi diversi, aveva già sperimentato diverse volte delle forme di modalità multigiocatore competitive, dunque l’idea di avere 99 giocatori in competizione era sì folle, ma appariva comunque abbastanza semplice da immaginare.

Diverso è il caso di Super Mario Bros. Il gioco ha avuto delle modalità multiplayer, ad esempio nella sua riedizione per Game Boy Color (dal titolo Super Mario Bros. Deluxe), dove era stata inclusa una modalità Versus che permetteva di gareggiare con un secondo giocatore nel tentativo di raggiungere per primi la fine del livello.

È chiaro però che questa modalità sarebbe stata difficilmente replicabile nel contesto di un battle royale. Qual è stata allora la strada scelta da Nintendo? Avviando la modalità principale, “Sfida a 35”, veniamo immediatamente catapultati all’interno di un livello, selezionabile tra tutti i 32 presenti nel gioco originale (a patto di averli sbloccati a suon di partite).

Chiaramente, dunque, durante la prima partita sarà possibile scegliere soltanto il livello 1-1. Sullo schermo potremo visualizzare, in versione miniaturizzata, le schermate degli altri giocatori che stanno partecipando al gioco insieme a noi. Inizialmente sembreranno completamente innocui, perché proseguendo nel livello tutto sembra uguale a come lo ricordavamo. I mattoncini sono allo stesso posto, così come i vari Goomba e Koopa. All’improvviso, però, cominciamo ad accorgerci che qualcosa non va: cominciano a comparire nemici ed ostacoli laddove non dovrebbero esserci, caratterizzati da un inedito colore grigio.

Ecco, questi nuovi nemici sono stati inviati dagli altri giocatori. I nemici che sconfiggiamo, infatti, non scompaiono semplicemente, ma vengono inviati agli altri, nel tentativo di metterli KO prima che la stessa sorte tocchi a noi. È possibile selezionare, proprio come in Tetris 99, a chi andremo a mettere i bastoni tra le ruote, attraverso un ventaglio di quattro possibilità selezionabili con l’analogico destro: contrattacco, più monete, tempo minore e random.

Ecco quindi come funziona il multiplayer: ognuno, in realtà, gioca per conto suo, come in Tetris 99, ma le azioni di ogni giocatore possono influire su quello che accade sullo schermo di un altro. Ci sono però delle piccole ma importanti differenze rispetto al titolo originale.

La sfida attraversa tutti i livelli dell'originale Super Mario Bros., a partire dall'intramontabile livello 1-1

Ogni secondo è prezioso

Come vedete, abbiamo parlato di monete e tempo. Perché sono importanti? Per capirlo, partiamo dallo scopo del gioco, che ovviamente è quello di essere gli ultimi a sopravvivere, continuando a giocare i livelli di Super Mario Bros. uno dopo l’altro.

Stare fermi o giocare ad un ritmo rilassato, però, non è un’opzione: in alto a destra, un timer scorre velocemente, e raggiunto lo zero ci porterà alla schermata di game over. Il tempo può essere recuperato sconfiggendo nemici o terminando un livello, per cui dovremo tenerci quasi sempre in movimento al fine di guadagnare secondi preziosi. Il nostro alleato principale nella sfida saranno le nostre abilità e la nostra memoria muscolare, acquisita in anni ed anni di gioco su Super Mario Bros.: conoscere a menadito i livelli e la loro struttura è fondamentale, per quanto la comparsa di nuovi ostacoli lanciati dagli altri giocatori possa mettere in difficoltà anche il giocatore più esperto.

Spendendo 20 monete, potremo usufruire di un power-up selezionato casualmente dal gioco, in grado di salvarci da situazioni estreme.

Un ulteriore elemento di strategia, ma anche di aiuto per i novizi, viene fornito dalle monete. Se nel titolo originale queste erano un collezionabile volto al solo scopo di aumentare il punteggio finale, qui permettono di acquistare dei potenziamenti casuali. Una volta acquisite 20 monete, ci basterà premere X per richiedere un aiuto, che verrà selezionato casualmente tra i classici power-up e tra altri oggetti, come ad esempio il blocco POW, che garantisce l’eliminazione della maggior parte dei nemici su schermo.

Utilizzare questa roulette al momento giusto può davvero salvarvi la vita, dandovi la possibilità di uscire da una situazione intricata. Questi elementi possono apparire secondari a prima vista, ma vanno ad impattare profondamente sul modo di giocare, rendendo Super Mario Bros. 35 un approccio completamente inedito ad un classico intramontabile. La formula di gioco risulta divertente anche per chi conosce a menadito i livelli del gioco originale – e il brivido della competizione dà inevitabilmente i suoi frutti. Il problema viene però sulla durata di questo divertimento.

La carenza di modalità è sicuramente il maggiore punto debole del gioco.

Oltre la sfida principale

Se c’è qualcosa in cui Super Mario Bros. 35 pecca è sicuramente il quantitativo di contenuti – in modo estremamente simile a Tetris 99, ancora una volta. Oltre alla modalità principale, infatti, il titolo ha ben poco da offrire.

Ci sono delle sfide speciali a cadenza settimanale, e c’è una modalità allenamento che sostanzialmente ci permette di giocare i 32 livelli dell’originale Super Mario Bros. a nostro piacimento, ma al di là di questo non c’è davvero nient’altro. Manca anche un qualsiasi incentivo per continuare a giocare: l’unica cosa che si ottiene vincendo è salire di livello, e l’unico bonus collegato a questo è la possibilità di sbloccare nuove icone da utilizzare. Nient’altro.

Certo, nell’ottica di un titolo gratuito, pensato per celebrare i 35 anni del gioco originale, questa mancanza di contenuti può essere ampiamente giustificata; rimane però un po’ di rammarico, perché l’idea di fondo funziona davvero bene, e non possiamo evitare di pensare a come le cose sarebbero potute andare se Nintendo avesse pensato di rendere questo esperimento un vero e proprio titolo completo.

Si sarebbero potuti certamente includere giochi successivi, come Super Mario Bros. 3 o Super Mario World, e si sarebbe potuto anche pensare a delle modalità alternative, magari con la presenza di più giocatori sullo stesso schermo. Vista la limitata disponibilità del titolo, dubitiamo fortemente che Nintendo abbia in serbo altri contenuti, ma ovviamente spereremo fino all’ultimo di essere felicemente smentiti dai ragazzi di Arika.

Per come stanno le cose al momento, Super Mario Bros. 35 risulta un esperimento divertente, che consigliamo di provare a tutti coloro che hanno un abbonamento a Nintendo Switch Online. Il rischio concreto, però, è quello di abbandonare il gioco già dopo poche partite, vista la mancanza di incentivi per tornare più volte a cimentarsi nell’unica sfida disponibile.

Se volete festeggiare degnamente il 35° anniversario di Super Mario, vi consigliamo di acquistare Super Mario 3D All-Stars al miglior prezzo a questo indirizzo.

7,8

Super Mario Bros. 35

Piattaforme: switch
Super Mario Bros. 35 rappresenta da una parte l'erede spirituale del buon Tetris 99, dall'altra una fresca e divertente interpretazione dell'intramontabile Super Mario Bros. Vista la disponibilità gratuita – e, lo ricordiamo, limitata nel tempo – consigliamo il download a tutti i possessori di Nintendo Switch Online che apprezzano i platform. Il divertimento è assicurato, anche se purtroppo la mancanza di alternative all'unica modalità principale presente si fa ben presto sentire.

Pro

  • Incredibilmente divertente
  • Un modo inedito per giocare un classico

Contro

  • Carenza di contenuti
  • Mancanza di incentivi per continuare a giocare nel lungo periodo
7,8