Nintendo: dobbiamo creare prodotti che suscitino l’effetto wow nei giocatori

Le idee che funzionano fanno esclamare "wow!" ai videogiocatori: è su queste che vuole basarsi Nintendo

By |13/03/2019|Categories: News|Tags: , |

Riuscire a stupire è uno dei grandi comandamenti di casa Nintendo. Lo assicurano Shinya Takahashi e Hisashi Nogami, che nel corso di un’intervista concessa a The Guardian hanno parlato delle insidie e delle soddisfazioni dei momenti in cui si presentano delle nuove idee — come fu, ad esempio, quella di Nintendo Wii.

A volte non ci crede nemmeno Nintendo stessa

Come raccontando da Takahasahi, ad esempio, ai tempi di Nintendo Wii ci furono dei dirigenti di Nintendo stessa che erano rimasti increduli davanti all’idea, domandandosi se potesse funzionare o meno.

Lo sviluppatore ha spiegato:

Perfino tra i nostri sviluppatori stessi ci sono spesso molti dubbi. Quando presentammo per la prima volta il concept del controller Wii remote, le reazioni furono: cos’è quella cosa? Siete seri? Funzionerà davvero? Però, dopo che tutti lo hanno provato, siamo rimasti sorpresi e felici, ci ha fatto realizzare che sì, avrebbe funzionato.

Proprio riuscire a stupire, anche fino al limite dell’incredulità, è una delle pietre angolari su cui Nintendo vuole puntare con i suoi prodotti. Non è riuscita a scatenare lo stesso effetto con Nintendo Wii U, ma la transizione senza pause di Nintendo Switch dalla modalità TV a quella portatile ha invece sortito le reazioni sperate: wow, funziona davvero?

Come dichiarato:

In merito a Nintendo Switch, conoscevamo tutti il concept, ma quando abbiamo preso in mano per la prima volta il prototipo e abbiamo visto Mario Kart che girava perfettamente sullo schermo piccolo, siamo rimasti esterrefatti. Persino le persone che conoscevano bene l’idea e il design della console non sanno mai dire con certezza, prima, se e quanto una determinata cosa potrà funzionare.

nintendo switch

Nintendo e l’importanza del momento wow

Nogami ha voluto aggiungere che potremmo riassumere tutto nel fatto che è necessario rendere manifesta un’idea, anziché limitarsi a spiegarla. Dal suo punto di vista:

Non basta semplicemente trovare le parole per esprimere la tua idea, devi dare alle persone un esempio concreto, devi mostrargli come funziona. La responsabilità di consentire ai giocatori di provare quel momento wow è tutta nostra.

Voi ricordate dei grandi “momenti wow” nella vostra storia videoludica? Quali sono le idee che vi hanno sorpreso maggiormente, quando le avete viste in funzione?

Fonte: The Guardian