News 2 min

Ken Levine (BioShock) sotto accusa, Schreier: “ha fatto del male a molte persone”

Ken Levine, creatore di BioShock, viene raccontato da Jason Schreier in un report che non fa sconti al designer, e getta ombre sul futuro.

Jason Schreier colpisce ancora con uno dei suoi report scioccanti, e stavolta è sotto accusa Ken Levine, storico creatore di BioShock.

Dopo il successo della sua serie, Levine si era allontanato per creare un suo studio di sviluppo molti anni fa.

Di un nuovo BioShock, nel frattempo, non sappiamo granché se non che esiste, anche se le informazioni sono veramente pochissime.

Per quanto riguarda Ken Levine, invece, sono tantissimi anni che è al lavoro su un nuovo immersive sim, un progetto di cui ancora non si è visto niente.

Il motivo di tanta riservatezza, per così dire, lo scopriamo oggi grazie a Jason Schreier che, attraverso Bloomberg, pubblica un altro dei suoi racconti ficcanti dell’industria del videogioco.

Il giornalista del portale finanziario ha cercato numerose informazioni, e contattato ex-sviluppatori che hanno lavorato con Ken Levine, con l’obiettivo di capire cosa sta succedendo all’interno di Ghost Story, il suo studio.

Il racconto è molto dettagliato e vi invitiamo a leggerlo per intero a questo indirizzo, ma il riassunto è che, come riporta Schreier nel suo tweet, i comportamenti e lo stile manageriale di Ken Levine hanno fatto del male a molte persone.

Dopo otto anni non si sa nulla del lavoro di Levine, e l’autore di BioShock sembra esserne il principale responsabile. Ken Levine viene descritto come un dirigente problematico, dall’ego smisurato e perfezionista oltre ogni limite accettabile.

Al punto che, viene raccontato nel report, più volte ha imposto di ricominciare i lavori da capo, senza riunioni o avvertimenti preliminari, solo perché ossessionato dalla perfezione.

Gli sviluppatori raccontano che Levine vorrebbe una produzione ai livelli di BioShock, ma con i fondi e i mezzi di un titolo budget indipendente.

Una situazione non affrontabile che ha portato tantissimi dipendenti in crisi, al burnout, e un turnover ferocissimo fatto di fughe e licenziamenti.

Il risultato è che, del progetto che doveva uscire addirittura nel 2017 secondi i piani originali, non esiste nulla. Forse ci dobbiamo davvero accontentare dei leak di BioShock 4.

Oppure degli omaggi fatti all’interno di altri videogiochi, con la conspevolezza che forse il creatore originale di BioShock è arrivato la capolinea della sua carriera.

Potere recuperare l’intera saga di BioShock ad un prezzo top su Amazon!