News 2 min

God of War Ragnarok su PlayStation 2 è splendidamente «vecchio»

Il bravissimo Speclizer ha dato vita a una versione di God of War Ragnarok come fosse uscito su PS2.

God of War Ragnarok, l’ultima ed epica avventura di Kratos e Atreus, è un gioco tecnicamente e artisticamente bellissimo, sebbene qualcuno ha deciso di dare vita a un demake in stile PS2.

Il sequel del titolo uscito nel 2018 (e che trovate anche su Amazon a prezzo davvero basso) è disponibile su PS4 e PS5 dal 9 novembre scorso, ma i fan non riescono a non guardare al passato.

Del resto, God of War Ragnarok era già stato trasformato in tempi non sospetti in un gioco per la prima PlayStation a 32-bit, con tanto di pixel in bella vista a farla da padrone.

Ora, come riportato anche su ResetEra, qualcuno ha deciso di trasformare il capolavoro di Santa Monica in un piccolo gioiello dell’era PlayStation 2 a 128-bit.

Attenzione: di seguito troverete spoiler relativi alla trama di God of War Ragnarok.

Se non avete ancora terminato l’avventura, vi sconsigliamo di proseguire con la lettura.

Il bravissimo e ormai celebre Speclizer ha infatti dato vita a una versione di God of War Ragnarok decisamente speciale, come fosse uscita sulla celebre console Sony dei primi anni 2000.

Il video mostra infatti alcune parti del gioco originale, ma con dei modelli poligonali decisamente poveri di dettagli che sembrano proprio quelli di alcuni giochi usciti all’inizio della generazione PS2.

Il filmato, visionabile nel player dedicato poco sotto, è sicuramente degno di nota ed è apprezzabile anzitutto da chi ha vissuto i gloriosi anni di PlayStation 2.

Restando in tema demake, avete visto che un fan ha da poco trasformato anche l’amato od odiato Resident Evil 6 in un gioco della prima PlayStation?

Ma non solo: nella nostra recensione di Ragnarok, che trovate a questo indirizzo, vi abbiamo reso noto in maniera molto approfondita che si tratta della «prorompente evoluzione del capitolo precedente, in grado di migliorare a tutto tondo ogni caratteristica di gioco fino a potenziarla in maniera grandiosa e inappuntabile».