News 2 min

Crisis Core Final Fantasy VII Reunion è «molto più di un remaster»

Square ha pubblicato un nuovo trailer di Crisis Core Final Fantasy VII Reunion, il quale dimostra che il gioco non è una semplice remastered.

I fan attendono con trepidazione il ritorno di Crisis Core Final Fantasy VII, versione ampiamente riveduta e corretta del classico titolo uscito in origine su console PSP diversi anni fa.

Ribattezzato Crisis Core Final Fantasy VII Reunion (trovate l’originale su Amazon) il gioco promette di riportare un piccolo cult sotto gli occhi del pubblico.

Alcune settimane fa siamo volati a Londra per provare in anteprima il rifacimento del prequel di Final Fantasy VII, originariamente uscito per PlayStation Portable, rimanendone anche discretamente colpiti.

Ora, dopo aver scoperto i requisiti minimi e raccomandati della versione PC del gioco, è ora il turno di un nuovo trailer che ci mostra quanto il titolo sia molto più di una remaster.

Via comunicato stampa, Square Enix ha pubblicato un nuovo trailer di Crisis Core Final Fantasy VII Reunion, visionabile poco sopra.

Il video dimostra che la versione moderna di questo RPG d’azione nonché prequel di FFVII non è una semplice remastered.

La storia è ambientata sette anni prima degli eventi di FFVII e segue le avventure di Zack Fair, un giovane ma coraggioso SOLDIER.

A mano a mano che la sua avventura prosegue, Zack scoprirà gli oscuri segreti degli esperimenti della Shinra e dei mostri di loro creazione.

Quindici anni dopo l’uscita del gioco originale, Reunion ha una grafica completamente rimasterizzata in HD, una colonna sonora riarrangiata, dei dialoghi completamente doppiati in inglese e in giapponese e un sistema di combattimento aggiornato.

Il gioco uscirà il 13 dicembre 2022 su PlayStation 5, PlayStation 4, Xbox Series X|S, Xbox One, Nintendo Switch e PC.

Restando in tema, quante differenze ci sono tra l’originale del 2007 e il rifacimento in uscita a fine 2022? Alcuni video e foto hanno da poco fugato ogni dubbio.

Ma non solo: ricordiamo anche che l’operazione di remake di FFVII sarà composta anche da una terza parte finale per ora non annunciata, ma attualmente in lavorazione, che male non è.