Creative Sound BlasterX H6 Recensione

Recensione Tech
A cura di Paolo Russo - 13 Dicembre 2018 - 10:23

Creative Labs è conosciuta per costruire cuffie di qualità a un prezzo contenuto e questa volta non è da meno, con le SBX H6. Abbiamo testato un headset da gaming compatibile con PC, MAC, Xbox One, Nintendo Switch e PS4. Le cuffie sono molto bilanciate, adatte sia all’ ascolto di musica che al gaming competitivo. Quest’ anno ci sono diverse innovazioni rispetto alle H5 già viste in passato: la possibilità di ascoltare i rumori circostanti senza doverle rimuovere è una di queste e Creative la chiama Ambient Monitoring.

Creative Blaster X H6 Recensione

Design Minimal per le SBX H6

Packaging e costruzione

All’ interno della confezione troviamo l’headset con microfono, un cavo USB per collegarlo a PC, MAC e PS4 e il cavo con jack da 3.5mm placcato in oro. Al livello di packaging ci siamo, in quanto Creative fornisce tutto il necessario per un’esperienza gaming a 360°. Le cuffie, nonostante siano semplici e per nulla pacchiane offrono la possibilità di essere personalizzate tramite il software dedicato Sound Blaster Connect, in cui si può modificare l’equalizzazione, il preset di gioco e il colore delle fasce RGB sui padiglioni. Sono ben costruite, e anche se interamente in plastica, non danno quella sensazione cheap di parecchi headset collocati sulla stessa fascia di prezzo. I padiglioni sono in una maglia traspirante e si adattano alla forma della testa del giocatore. Si distingue facilmente la sinistra e la destra grazie alle scritte “L” e “R” poste all’ interno degli stessi. L’ arco è in similpelle e offre un feeling solido e stabile. Ovviamente le cuffie sono regolabili, fino a un massimo di 10 scatti. I comandi dell’headset sono posti sul padiglione sinistro, tra cui il tasto per attivare l’Ambient Monitoring, il bilanciere per il volume e i bottoni di disattivazione di microfono e equalizzatore. Sempre sullo stesso sono presenti gli ingressi USB e jack, e l’ingresso per il microfono.

Impressioni d’ uso

Nonostante il prodotto della casa di Singapore sia dedicato alla fascia media, le Sound BlasterX H6 sembrano stare su un gradino più in alto, strizzando l’occhio a headset ben più costosi. Appena collegate al PC tramite il cavo USB in dotazione, si accendono gli anelli RGB diun rosso acceso. Purtroppo collegandole con il cavo jack 3.5 gli anelli restano spenti, essendo un’entrata analogica. Una piccola nota dolente di queste SBX H6 è la pesantezza: in sessioni di lunga durata si fa sentire. A volte la scelta dei materiali confortevoli ma non particolarmente traspiranti scalda un po’ le orecchie.

Il software è molto intuitivo, le cuffie vengono riconosciute anche senza di esso ma non le si sfrutteranno a pieno. Oltre al programma, vengono installati anche dei driver che migliorano notevolmente la qualità del suono. I preset disponibili sono numerosissimi e calibrati sui titoli più noti sul mercato come Battlefield, Call of Duty, Counter Strike, DOTA 2, Overwatch ecc. L’ Ambient Monitoring è risultato utile in diverse situazioni, ad esempio quando una persona prova a parlarci e siamo in una sessione di gioco, non avremo problemi ad ascoltarla dopo aver cliccato il tasto dedicato.

Recensione

Creative Sound BlasterX H6: il software

Specifiche Tecniche

  • Processore audio: BlasterX Acoustic Engine
  • Driver audio: Driver FullSpectrum da 50mm
  • Risposta in frequenza: 20Hz ~ 20 KHz
  • Tecnologie Audio: Scout Mode, Ambient Monitoring
  • Interfaccia: USB, Ingresso stereo 3.5mm

Come suonano?

Il principale obiettivo di queste cuffie è quello di offrire un eccellente rapporto qualità prezzo nell’ambito gaming, pertanto le abbiamo testate in primis con alcuni tra i titoli più competitivi per verificarne le funzionalità dichiarate sulla carta. In Rainbow Six: Siege abbiamo attivato il preset dedicato agli shooter e la Scout Mode, una funzionalità utile per riconoscere i rumori ambientali nel minimo dettaglio. Siamo rimasti colpiti dall’ accuratezza e dalla fedeltà riproduttiva dei rumori circostanti, distinguendo con precisione la provenienza di ogni singolo passo, sparo o esplosione. Stessa cosa di può dire di Counter Strike Global Offensive, in cui l’audio gioca un ruolo cruciale per giocare in maniera congrua. Nonostante siano dedicate al gaming queste cuffie sanno farsi sentire anche in ambito domestico.

Le abbiamo provate su Spotify con una playlist dedicata al test delle cuffie professionali, rimanendo sorpresi dall’ accuratezza nella riproduzione di bassi medi e alti. Abbiamo testato anche il microfono registrando una traccia su Audacity e l’audio è risultato chiaro e pulito. Non possiamo che elogiare Creative Labs per il loro gran lavoro nella realizzazione di un headset da gaming che, per la fascia di prezzo, non ha praticamente rivali.

Creative Blaster X H6 Recensione 2

Le SBX H6 con microfono collegato

Prezzo: 79,99 euro

+ Audio eccellente sia in gaming che per l’ascolto di musica
+ Prezzo più che congruo alla qualità offerta
+ Microfono di buona qualità
+ Ben costruite...
- ... anche se in materiali plastici
- A lungo andare pesanti

9.0

Creative come di consueto lancia sul mercato prodotti di qualità e a un prezzo tutto fuorché iraggiungibile. Peccato solo per la pesantezza a fronte di lunghe sessioni di gioco. Queste Sound BlasterX H6 sono, infatti, un headset bilanciato, dal suono cristallino e pulito sia in ambito gaming che in quello domestico. Tutto ciò si unisce alla possibilità di personalizzarle in ogni singolo aspetto, dalla retroilluminazione all’equalizzazione alla scelta dei preset di gioco. Consigliatissime.




TAG: creative, creative sound blaster h6