Anteprima 3 min

Pokemon Heart Gold/Soul Silver

Ci sono saghe che nascono e periscono nel giro di un episodio, altre invece crescono in fretta ma poi si bruciano per strada, ed altre ancora immortali destinate a restare fisse nella coscienza dei videogiocatori. Probabilmente la storia dei Pokémon si avvicina a quest’ultima accezione, trascendendola però in termini di impatto mediatico e forza commerciale. Chi non li conosce? Da ben undici anni in Italia (dai tempi degli episodi Rosso e Blu) questo brand non solo ha catalizzato la forza di milioni di utenti ma ha addirittura creato una sorta di cultura intorno alla sua aurea, stuzzicando l’attenzione dei “media che contano” come Tv e Cinema. Le conseguenze sono state quasi istantanee. Si accendeva un Gameboy e li si ritrovava, si andava in fumetteria ed ecco sbucare le carte, si entrava in una giocattoleria e si incappava in morbidi peluche con le loro fattezze. La serie videoludica, poi, ha collezionato numeri da capogiro, con oltre 160 milioni di unità vendute dalla prima apparizione ad oggi.

Piattaforma:
NDS
Genere:
gioco-di-ruolo
Data di uscita:
Sviluppatore:
Nintendo
Distributore:
Nintendo

Catturali tutti!
Il titolo, un Gdr di stampo nipponico, fa della cattura delle note bestioline il suo punto di forza e sarà compito dell’utente allenare/accudire/adornare/evolvere (ecc…) e far combattere, mettendo sotto sforzo la nostra pazienza a destreggiarci tra numerosi compiti, tra cui quello (principale?) di catturarli tutti. Di recente inoltre è emersa la tendenza a rispolverare i vecchi classici per riproporli alla nuova generazione di giocatori, ed è recente la notizia della volontà da parte degli sviluppatori di puntare tutto sui “restyling” di Pokémon Oro ed Argento. Un’ operazione estremamente delicata, in quanto i capitoli succitati non sono solo quelli più apprezzati ma, forse, quelli meglio riusciti di sempre. Svariate le novità presenti in questo remake, prima di tutte una rivisitazione grafica di ottima fattura. Tutto appare molto più curato e colorato, raggiungendo addirittura un gradino successivo rispetto a quanto ammirato in Platino. Inoltre, se restiamo in ambito “colpo d’occhio”, ammiriamo il ritorno di una simpatica caratteristica apprezzata in Pokémon Giallo, cioè la creatura scelta come starter che ci segue fisicamente, con la possibilità di poterci accertare del suo umore e morale. Voci strettamente “ufficiose” asseriscono che questa possibilità si allargherà all’intero cast dei mostri catturati, potendo scegliere liberamente chi avrà l’onore di non restare intrappolato nelle Pokèball. Tuttavia questa ipotesi è fortemente messa in discussione dai più “realisti”, che si aggrappano alla evidente difficoltà di riprodurre “in scala” i nostri beniamini.

Facciamo quattro passi?
Ovviamente è restata inalterata l’interconnessione tra i due episodi, con la possibilità di ottenere determinati esemplari a seconda della versione scelta. In Soul Silver, ad esempio, si potrà catturare Groudon, mentre in Heart Gold sarà Kyogre. Inoltre, se riuscite ad averli entrambi si sbloccherà l’incontro con Rayquaza, uno dei “leggendari” più riusciti. Ma la vera novità, capace di dare una svolta tanto al brand quanto all’intero modo di relazionarsi ai giochi, riguarda l’inserimento in ogni confezione (per ora giapponese) di un piccolo strumento chiamato PokeWalker, una specie di contapassi dagli strabilianti risvolti ludici. Cominciate a scaldarvi e a prepararvi a lunghe passeggiate se veramente tenete ai vostri mostri tascabili, in quanto più camminerete più loro saranno gioiosi, aumentando tra l’altro i propri punti esperienza. Qualcuno ipotizza anche un “utilizzo intelligente” del congegno, che permetterebbe di riconvertire i vostri movimenti in quelli di una pozione virtuale di erba, unico modo per catturare determinati esemplari di Pokémon. Cercando di restare con i piedi per terra, non ci resta che incrociare le dita e sperare che questo aggeggio esca anche nel Vecchi(issimo)o Continente.
Infine permetteteci di aggiungere un’ ultima postilla per i fan più accaniti: oltre alla regione di Johto, sarà molto probabilmente presente anche quella di Kanto, mentre è stata ufficializzato il numero degli esemplari da catturare, pari a 493. Cominciate a lucidare le sfere poké.

– Remake dei migliori capitoli della serie
– PokeWalker
– Il nostro primo mostriciattolo ci farà compagnia (e forse non solo lui)




Un brand immortale, che proprio non vuole saperne di andare in pensione, rivolge un tributo affettuoso alla sua opera più riuscita, riproponendocela nell’abito delle grandi occasioni insieme a ricche novità che adorneranno un gameplay ancorato ancora una volta alla tradizione che l’ha resa celebre. Tuttavia se venisse confermata la presenza del PokeWalker state pronti ad una vera svolta almeno nelle meccaniche che, se anche non funzionasse, almeno porterebbe un po’ di giovani nelle strade che potrebbero riscoprire il piacere di una passeggiata con gli amici.