Recensione 6 min

Playwize Poker & Casino

So give me Poker & Casino peacefully…
Prendiamo spunto dalle note dei Blur per introdurre Playwize, opera simulativa pensata per portare sulle vostre piattaforme casalinghe il buon vecchio e sano gioco d’azzardo. Il titolo riesce subito a colpirci grazie a delle azzeccatissime musiche d’accompagnamento e assesta un ulteriore colpo quando iniziamo a giocare. Appena comincerete una nuova partita vi farà creare un personaggio con 1000 dollari nelle tasche e oltretutto dovrete cimentarvi nella personalizzazione estetica del vostro alter-ego videoludico. Come da manuale potrete scegliere qualsivoglia tratto somatico, il colore della pelle, la forma e il colore dei capelli, il fisico ecc. Dato che il titolo è pensato per divertire, i vostri personaggi avranno la possibilità di indossare gadget come ad esempio strani cappelli, occhiali inverosimili o quant’altro riesca a non farvi prendere troppo sul serio. I programmatori sono stati furbi, quindi non hanno reso disponibili tutte le opzioni di personalizzazione, ma su questo aspetto torneremo più tardi. Una terminata questa fase potrete da subito entrare nel vivo del gioco.

Piattaforma:
PS2
Genere:
simulazione
Data di uscita:
Sviluppatore:
Bits Studio
Distributore:
Halifax

Biscazzieri videoludici unitevi!!
Adesso che siete provvisti di una rappresentazione videoludica potete avventurarvi nello sfavillante mondo del gioco d’azzardo. Playwize vi offre la possibilità di sbancare ben 5 casinò i quali non saranno accessibili fin da subito, per accedervi dovrete farvi un nome e l’unico modo per farlo consiste nel buttarsi nella mischia e cominciare a giocare. Il primo della serie è l’Egyptian Kings ed è qui che inizierete a farvi le ossa e a prendere padronanza dei meccanismi di gioco. Una volta entrati potrete muovervi al suo interno usando il vostro personaggio e non sarete soli visto che sarà popolato da altri accaniti giocatori e belle ragazze. Il casino sarà diviso in due sale, una principale e una secondaria riservata al Poker. La sala principale comprende tutti i giochi d’azzardo tipici di un casino: Black Jack, RedDog, i Dadi, la Roulette ecc; mentre la sala del poker, come avrete intuito, è una stanza privata entro le cui mura è situato il tavolo verde attorno al quale vi sederete per sfidare i giocatori più accaniti ad una delle modalità di gioco: Texas Hold ‘Em, Omaha, Five Card Stud, Seven Card Stud ecc. Come anticipato in precedenza partirete con un margine di 1000 dollari che dovrete utilizzare per la vostre prime puntate; ogni volta che vi unirete ad un tavolo o che vi sederete alle macchinette sarà come trovarvi in un vero casino, qui si nota come i programmatori non abbiano lasciato nulla al caso, riproducendo alla perfezione i tavoli verdi e i meccanismi di ogni gioco. A video oltre al tavolo compariranno, in basso a dx, i 4 tasti del pad Ps2 e il comando a cui corrispondono: alza puntata, abbassa puntata, chiedi carta e così via dicendo, questa scelta è stata presa in quanto cambiando gioco cambiano le regole e anche le modalità di interazione. La parte migliore è comunque quella dedicata al poker, oltre a poter scegliere diversi stili di questo sarete in grado di selezionare la soglia d’entrata, il numero di giocatori al tavolo, il livello massimo delle puntate e tutto ciò su cui ci si accorda prima di una vera partita in alternativa potete usare l’accesso rapido con regole casuali. Una volta seduti attorno al tavolo verde avrete la possibilità di selezionare diverse visuali: potrete stare fissi sul vostro personaggio o vedere in faccia i giocatori uno per uno durante il gioco tenendo così sotto controllo le loro mosse. Dato che non volevano farsi mancare niente rispetto all’esperienza reale, c’è la possibilità di innervosire gli avversari giocando con le fish o sfottendoli eseguendo vari gesti come il segno di looser(perdente) o battendo sul polso, come ad indicare l’orologio per mettergli fretta e deconcentrarlo. Questi sfotto saranno facilmente selezionabili usando i tasti L e R, altrettanto quando vorrete divertirvi a fare qualche trick con le fish, che però dovrete seguire voi con i tasti direzionali. Ad esempio se vorrete lanciarne in aria una con il pollice dovrete usare le direzioni per scagliarla in alto e poi raccoglierla, vi assicuro che alcune mosse non sono così banali o facili come sembrano in apparenza. Abbiamo anticipato prima che il vostro scopo sarà quello di sbancare tutti i casino e per riuscirci, dovrete raccogliere delle stelle. Nel menù di pausa troverete un elenco con obiettivi da raggiungere per ogni gioco e se riuscirete a soddisfarli verrete premiati con una o più stelle a seconda della difficoltà di successo. Queste finalità consisteranno nel riuscire a vincere una mano al Poker con una doppia coppia o di vincere alla roulette con una sola puntata. Ogni casino ha una sua soglia minima di stelle per potervi accedere e per ognuno di essi avremo obiettivi differenti da raggiungere. Se vorrete però completare al 100% il titolo sappiate che il numero di stelle totali è 200 che non raggiungerete di certo limitandovi a esaudire gli obiettivi minimi. Questo non sarà l’unico vostro scopo, i soldi che vincerete serviranno a d acquistare nuove parti del vestiario al quale potrete accedere direttamente dall’interno del casino in qualsiasi momento. Proseguendo nel vostro folle cammino tra le luci delle slot machine e dei neon, avrete modo di vedere nuove macchine infernali mangiasoldi, scenari differenti e giocatori più scaltri. Parlando di un gioco come Playwize non possiamo soffermarci troppo sull’IA dato che la maggior parte del gioco è basato sul caso e sulla fortuna, l’unica parte in cui potremo incontrarla sarà quando giocheremo a Poker e anche in questo caso il fato fa la sua parte e l’IA che gestisce gli avversari è abbastanza ben sviluppata da mettere quantomeno alla prova qualsiasi giocatore. L’unica considerazione prima di ogni giocata la potrete fare attorno al tavolo verde dove, se siete dei bravi statisti, sarete in grado di calcolare le vostre probabilità di successo, dato che c’è la possibilità di consultare le quote di ogni scommessa. Un altro piccolo barlume d’intelligenza la presenta il nostro personaggio che di tanto in tanto si volterà a guardare le ragazze sculettanti che passeranno davanti ai suoi occhi e invece camminerà con aria afflitta quando si ritroverà al verde.

Arrivano i guai e non arrivano mai soli
Il titolo è ben sviluppato se ci limitiamo a parlare di carisma, simpatia e buona realizzazione di un’esperienza simulativa, a onor del vero esiste un piccolo difetto. Playwize non prevede il classico game over, ovvero le nostre tasche anche se al verde possono sempre contare sulla presenza della cassa che, senza chiedere nulla in cambio, ci riempirà il salvadanaio con i 1000 dollari di partenza. Il gioco si presenta in una veste grafica arretrata adatta forse alla PSP, priva di ogni cura e decisamente grezza. Non solo risulta inguardabile durante i nostri spostamenti all’interno del casino, ma anche attorno al tavolo verde. Durante queste fasi ci aspettavamo una maggiore cura dei dettagli grafici che non richiede di certo un grosso sforzo, invece anche in questi momenti la risoluzione e il livello di dettaglio si ferma ad uno standard alquanto basso, quasi inferiore a quello dei giochi in flash per Windows. Parlando del comparto audio gli sviluppatori sono riusciti solo in parte a limitare i danni grazie all’inserimento di musiche molto azzeccate, come già esposto in testa. Il parlato è invece un qualcosa di orribile, talvolta i commenti del croupier la tavolo da poker arrivano in evidente differita rispetto alle azioni e capita anche di sentire intere frasi pronunciate in lingua originale e non sono di certo inerenti ai termini del gioco. Gli sviluppatori hanno inserito la possibilità di scegliere i giochi nei quali cimentarsi tramite una lista accessibile dal menù opzioni che comparirà alla pressione del tasto start, questo darà la possibilità di cominciare subito a giocare, il problema che il tempo di caricamento è abbastanza lungo da superare quello che impiega il personaggio ad arrivare al tavolo normalmente. Infine abbiamo notato che sul sito ufficiale di Playwize viene annunciato e specificato che al suo interno vi sono presenti due tutorial interattivi: uno che prevede la presenza di Helen Chamberlain’s, la quale dovrebbe insegnarci come muoverci nel gioco; il secondo invece dovrebbe metterci di fronte a Matt Broughton, esperto di poker capace di farci apprendere tutti i trucchi del mestiere. Qual’è il problema?Beh semplicemente che non è affatto vero. I due strabilianti tutorial sono sostituiti da una sezione del menù entro la quale vi sono spiegate le regole e i meccanismi di ogni gioco. Anche se ben implementata, questa sezione risulta comunque un punto dolente in quanto mina la credibilità e la serietà del titolo.

– Buona simulazione di gioco d’azzardo
– Spiritoso
– Buona personalizzazione dei personaggi
– Costa relativamente poco (circa 29.99 euro)

– Audio orrendo
– Grafica arretrata
– Qualche errore di valutazione
– Non è presente il tutorial pubblicizzato

6.0

Playwize Poker & Casino risulta, in fin dei conti, una buona simulazione di gioco d’azzardo, oltretutto riesce ad essere spiritoso e permette al giocatore un opera di personalizzazione del personaggio con possibilità quasi infinite. Non c’è nessun problema nella gestione della IA dato che per il funzionamento dei giochi basta affidarsi al calcolo statistico e quindi alla matematica, niente di impossibile da realizzare, anche quando si sfidano avversari videoludici attorno al tavolo del poker. L’unico problema di questo titolo riguarda forse la superficialità con cui tutti gli altri aspetti tecnici siano stati trattati che contribuiscono a trascinarlo verso un risultato finale più basso. Nonostante questa lotta fra buoni e cattivi aspetti il risultato finale rimane nella sufficienza dato che è in grado di divertire un appassionato al gioco delle carte e magari qualche nuova leva, ma il vero appiglio che lo salva rimane il prezzo, abbastanza basso da poter dire che: si ha ciò per cui si paga.