Mytheon

Anteprima
A cura di FireZdragon - 24 Maggio 2010 - 0:00

Il gameplay degli hack’n’slash su PC sta seguendo gli stessi binari da ormai troppo tempo: uccidi il nemico di turno, raccogli il suo tesoro e sali di livello fino a che le tue abilità e la tua forza non saranno sufficienti a sconfiggere il mostro finale. La casa Californiana True Games, già nota per aver creato Warrior Epic, ha deciso di mantenere lo stampo classico degli action RPG alla Diablo ma al contempo di provare ad inserire interessanti novità che potrebbero far differire Mytheon dal resto della massa di titoli tutti simili fra loro appartenenti a questo genere.

Grande Giove…
Mytheon è ambientato nella Grecia classica dove gli dei dell’Olimpo ancora governano tenendo soggiogata la razza umana; qui vi ergerete voi decisi a combattere i soprusi e riportare il potere in mano ai mortali. Allo stato attuale del titolo il giocatore ha a disposizione tre differenti personaggi tra cui scegliere: l’Elementalista è il classico ranged dps con buone capacità offensive e attacchi ad area ma con scarsa resistenza ai colpi; il Warcaster è il tank della situazione, capace di sopportare un buon numero di colpi ma limitato nell’utilizzo della magia; l’Eidolon, in fine, svolgerà il ruolo del curatore e sarà specializzato nell’evocazione di strutture fisse come torri d’assedio o catapulte e di debuff per i nemici. Tutte le classi tuttavia nulla potranno contro le ondate di mostri che ci si pareranno di fronte senza l’aiuto delle pietre di evocazione, chiamate Power Stones, rappresentanti la vera novità del titolo. Ogni classe ne avrà a disposizione un massimo di sessanta che consentiranno l’evocazione in battaglia di alleati ispirati alla mitologia ellenica o ci permetteranno di scagliare potenti incantesimi. Prima di iniziare uno scenario avremo quindi la possibilità di scegliere un numero prestabilito di quaranta Power Stones da portarci appresso e sarà nostra cura selezionare strategicamente quelle più adatte al compito da svolgere. Durante gli scontri, nella parte inferiore dello schermo, verranno generate a caso cinque pietre tra tutte quelle da noi scelte che verranno sostituite dalle successive solo una volta utilizzate. Ogni evocazione, sia essa una magia o un possente alleato, resterà sul campo ad aiutarci solo per un periodo limitato di tempo o fino alla sua morte, dopodiché la sua pietra corrispettiva verrà sostituita da una nuova, sempre e comunque scelta a caso tra quelle selezionate prima della battaglia. Il nostro eroe in questo modo non sarà più il classico personaggio capace di fare tutto da solo ma dovrà sempre fare affidamento sugli alleati evocati rendendo gli scontri molto più simili a strategici combattimenti di gruppo rispetto alle folli corse al maggior numero di colpi scagliati per decretare il vincitore a cui siamo ormai abituati. Ogni evocazione inoltre è stata dotata di un elemento e di una tipologia rendendo gli scontri una sorta di gioco sasso-forbice-carta. Gli Attacker causeranno così più danno ai Ranged che a loro volta causeranno danni maggiori ai Defender, i quali uccideranno con facilità gli Attacker. Tutto ciò comporta una scelta oculata delle magie da portare in battaglia in modo da avere sempre una risposta a tutto nonostante la casualità. Anche se così il sistema di combattimento possa apparire complicato in realtà l’apprendimento in gioco risulta molto più semplice grazie anche alle comode note di riferimento poste nel diario del giocatore e alle immediate icone di riconoscimento presenti sull’avatar di ogni singola creatura.

Fama e gloria, ma anche oro e gioielli!
Con l’uccisione dei nemici il nostro eroe guadagnerà come nel più classico degli hack’n’slash esperienza ed equipaggiamento necessari per aumentare la propria forza anche se al momento la gestione di livellamento del personaggio non è ancora stato implementato. L’incremento del livello non comporterà quindi di dover assegnare punti nelle statistiche o scegliere abilità ma permetterà semplicemente la possibilità di indossare equipaggiamenti più potenti. Il drop dei mostri quindi non richiederà caratteristiche adeguate per essere utilizzato ma solamente di avere la classe ed il livello adeguato. Potremo comandare il nostro eroe sulla mappa tramite un semplice sistema punta e clicca e sarà possibile inoltre assegnare in automatico i comandi alle nostre evocazioni in modo che attacchino il nostro stesso bersaglio o reagiscano solo nel caso in cui subiscano dei colpi. Sarà inoltre possibile prenderne personalmente il controllo, spostarle dove più ci aggrada e creare così formazioni specifiche in modo da tenere gli arcieri lontani dalla mischia e i mostri più imponenti in prima linea.

Scontri tra eroi
La capitale Argos è il centro vitale del gioco, qui si trovano la casa d’aste, i vari negozi necessari per vendere l’equipaggiamento in eccesso, l’arena per gli scontri PvP e la forgia dove sarà possibile fondere le pietre accumulate durante le nostre avventure per crearne di più potenti. Mytheon permette duelli uno contro uno e scenari PvP per gruppi organizzati di giocatori. Le mappe disponibili saranno però limitate al livello raggiunto ed in caso di gruppi non omogenei verrà preso in considerazione il livello medio dei partecipanti per la scelta del luogo in cui combattere. Gli scontri risultano dinamici ed in evoluzione continua visto che per bilanciare le evocazioni dell’avversario sarà necessario cercare di avere alleati in campo dell’elemento opposto ai suoi, obbligando di conseguenza l’avversario a rivedere nuovamente la propria tattica. Oltre che solo di forza bruta lo scontro diventa quindi basato sull’utilizzo del mana, sulla strategia di evocazione e sulle pozioni, limitate nell’utilizzo per ovviarne l’abuso ad un massimo di una ogni minuto. Il titolo, inizialmente previsto come hack’n’slash singleplayer, dopo la collaborazione con Petrolglyph ha allargato i suoi orizzonti e si è spinto verso il più vasto campo dei MMORPG, mantenendo comunque tutte le caratteristiche del gioco originale. Mytheon verrà distribuito in maniera del tutto gratuita seguendo il consueto sistema delle micro transazioni, le quali si concentreranno principalmente, a detta degli sviluppatori, sulle Power Stones, sugli oggetti per le modifiche estetiche al personaggio e sulla capacità del nostro zaino. Per verificare l’influenza delle micro transazioni e l’implemento di nuove classi ed evocazioni dovremo aspettare però ancora qualche mese, dato che l’uscita di Mytheon è prevista per il terzo quarto del 2010.


– Sistema di evocazioni interessante
– Semplice gestione del personaggio
– Gameplay coinvolgente
– Gratuito






Mytheon potrebbe portare finalmente una ventata d’aria fresca nel mondo degli hack’n’slash. Il sistema di combattimento, anche se ancora bisognoso di aggiustamenti, fa ben sperare per il futuro aggiungendo una buona dose di strategia al consueto punta e clicca grazie all’innovazione garantita dalle pietre di evocazione. Le soli tre classi attualmente presenti in beta non fanno sentire il bisogno di ulteriori aggiunte rappresentando tutti gli stereotipi classici a cui siamo abituati nonostante un’ambientazione, quella dell’antica Grecia, che lascia campo aperto per future aggiunte visto l’altissimo numero di fonti di ispirazione dal quale si può attingere. Siamo convinti che con un oculata gestione delle micro transazioni il titolo potrebbe attirare più di qualche semplice appassionato, nell’attesa dell’arrivo sugli scaffali di Diablo III.




TAG: mytheon