Recensione 3 min

Fist of the North Star

Sulla Terra, dopo una guerra nucleare, i mari erano scomparsi, il deserto avanzò fino ai margini delle città e le fonti d’acqua si prosciugarono. Molte specie di animali si estinsero. Tuttavia la razza umana era sopravvissuta. Bande di briganti si armarono e saccheggiarono le scarse scorte di cibo rimaste nei villaggi a costo di torturare e uccidere chiunque si fosse azzardato a fermarli. In questo caos alcuni uomini fuori dal comune cercarono di dominare su quelle orde prive di una meta e di avere pieno controllo di quello che rimaneva del mondo.
Un solo uomo era in grado di riportare la pace dove c’era la guerra e la luce dove regnava l’oscurità. Questo uomo è Kenshiro, l’ultimo successore designato della Divina scuola di Hokuto.

Piattaforma:
SATURN
Genere:
avventura-grafica
Data di uscita:
Sviluppatore:
Banpresto
Distributore:

UATTAAA’!!!
Fist of the North Star è un Interactive Digital Comics unito ad un picchiaduro decisionale che, a parte il complicato nome, ha realtà la struttura è abbastanza semplice e intuitiva: vediamo come funziona.
Alla schermata principale possiamo selezionare lo Story Mode, il Battle Mode e le Opzioni.
Lo Story Mode: è il gioco vero e proprio dove dobbiamo solamente assistere alle varie scene senza muovere un dito, fino a quando non si incontra un nemico. A questo punto ci troviamo di fronte ad un duello composto da sequenze animate, proprio come nella serie tv, con la differenza che dobbiamo scegliere noi le mosse migliori da adottare e se conviene attaccare o difendersi. Tutto questo deve essere deciso molto velocemente, bloccando il cursore scorrevole sulla barra multicolore, nella quale ogni colore corrisponde ad un gruppetto di mosse; se bloccheremo il cursore sui colori più scuri potremo effettuare delle mosse più potenti mentre sui colori più chiari otterremo mosse più deboli. Fatto ciò dovremo premere più velocemente possibile e a ripetizione il tasto A per incrementare la barra della potenza così che si possa avere la meglio sull’avversario e riuscire ad attaccare per primi. Man mano che Ken sconfigge i nemici più forti acquisisce nuove tecniche di lotta.
Il Battle Mode: è la sezione dove si può giocare anche in due o contro il computer, senza assistere a tutte le scene dello Story Mode, però questa modalità necessità della Password finale che ci darà il gioco una volta sconfitto Zengo (il boss finale) nello Story Mode. Ovviamente oltre a Kenshiro sono selezionabili tutti i boss precedentemente sconfitti compreso quello finale.
Opzioni: qui potremo selezionare il livello di difficoltà o ascoltare il sound test.

Un’altra storia
Graficamente il gioco si presenta molto fedele alla serie animata, con uno stile pulito e
colorato, belli i vari ritratti dei personaggi ed il contorno.
Pur non essendoci filmati in FMV non se ne sente minimamente la mancanza, grazie ad una realizzazione grafica degna di lode. La trama è un po’ diversa da quella che conosciamo, inoltre sono stati aggiunti dei nuovi personaggi.
Le musiche non si accostano minimamente a quelle originali ma rimangono lo stesso ben fatte anche se non stupiscono; cosa che non è accaduta per gli effetti sonori, fedelissimi invece agli originali così come il parlato per appagare la gioia di tutti gli appassionati del cartone animato. Il doppiaggio è qualcosa di speciale che incolla l’utente davanti allo schermo.
Passando alla giocabilità bisogna ammettere che alle prime partite non si capisce bene cosa si deve fare, perché le varie mosse da selezionare sono scritte tutte in giapponese, ma una volta capito il meccanismo ci si diverte un sacco anche grazie al fatto che delle suddette mosse ne sono presenti un discreto numero e ciò rende anche il gioco molto vario. A causa della vastità della storia è stato inserito un sistema di password cosicché potremo riprendere il gioco da dove lo avevamo lasciato: è un po’ più scomodo che salvare ma di certo è un’opzione utilissima.

– Storia avvincente
– Abbastanza vasto

– Musiche mediocri

6.5

Fist of The North Star è un ottimo titolo che renderà felici tutti gli amanti della serie animata. Oltre ad un sistema di gioco immediato e intuitivo la storia narrata è po’ diversa da quella della serie tv: saremo così spronati a portare a termine il gioco ad ogni costo per poterci godere il finale.