Alien: Covenant

By |30/12/2016|Categories: Cinema, Speciali|Tags: |
A distanza di 4 anni da Prometheus, siamo di nuovo qui a parlare di Alien. Proprio in questi giorni, 20th Century Fox ha diffuso online il primo trailer di Alien: Covenant. Facciamo una prima analisi!


Il trailer
Il trailer si apre con quella che sembra la nascita di un Alien. Curiosamente, la nuova creatura, sembra sbucare dalla schiena dell’ospite, di solito eravamo abituati al chestburster. Partenza col botto.
Si ritorna ad una situazione di quiete, con i titoli di testa. Si passa al primo piano dell’iride dell’androide David (Michael Fassbender) e su quello che sembra ricordare il modulo usato da Meredith Vickers in Prometheus. 
Solita missione volta all’esplorazione di un nuovo pianeta, che sia quello degli Ingegneri come accennato in Prometheus? Intanto l’inquadratura volge su Fassbender e sulla Waterson (la Tina di Animali Fantastici). Questo ci porta a pensare che il ruolo di Fassbender sia sempre quello dell’androide ma NON solo quello interpretato in Prometheus. 
L’astronave atterra, la squadra di esplorazione esce calpestando delle erbacce. Alcune di queste rilasciano delle spore che pare contagino un membro dell’equipaggio. 
Ci si sposta sull’iconica astronave aliena, già vista nel primo Alien e in Prometheus. Che sia l’astronave usata dalla dottoressa Shaw e da David? Stranamente (sono ironico eh) viene trovato un uovo che si schiude e un facehugger si attacca al viso di un membro dell’equipaggio. 
Finalmente il trailer entra nel vivo. L’equipaggio viene decimato, le navi esplodono. Una strana figura incappucciata si avvicina. Ed eccola. La coda di un Alien che fa capolino dalla doccia. L’iconico muso dell’alieno. Titolo di coda. Fine.


L’analisi
Piccola premessa. Non sono tra quelli che ha odiato Prometheus. L’ho trovato un discreto film stilisticamente ineccepibile. L’idea di dare una mitologia e una creazione agli Xenomorfi era davvero ottima, purtroppo la realizzazione non è stata all’altezza delle aspettative. Altrettanto buona l’idea di mandare Elizabeth Shaw a conoscere gli Ingegneri sul loro pianeta natale. Idea, apparentemente, mandata alle ortiche. Non per nulla, Noomi Rapace tornerà ma la sua dovrebbe essere una storia di contorno, un corollario al film.
Ma passiamo alla vera analisi del trailer. 
Non sono del tutto convinto. Da quanto visto finora, questo Alien Covenant potrebbe essere la fiera del già visto. Il facehugger, la genesi di un Alien che decima un equipaggio a caso. L’ennesima donna forte, protagonista, che rimane l’unica a dare del filo da torcere allo xenomorfo. Dopo l’interpretazione in Animali Fantastici, mi aspetto tanto dalla Daniels interpretata da Katherine Waterson. 
Questo trailer ricorda tantissimo il primo Alien con una spruzzatina di Prometheus.
Come in ogni film di Alien, l’androide potrebbe essere la vera scheggia impazzita, l’ago della bilancia. Il David di Fassbender era un ottimo personaggio. Freddo, calcolatore. Un vero essere artificiale. Questa nuova incarnazione potrebbe essere altrettanto spietata.  A quanto pare, inoltre, Fassbender dovrebbe interpretare due ruoli, David e Walter, quest’ultimo androide di bordo della Covenant.






Curiosità per la storia di Elizabeth Shaw e degli Ingegneri. Spero davvero che venga spiegato perché gli Ingegneri volessero uccidere gli umani e come abbiano creato le armi batteriologiche che hanno originato gli Alien.
Giudizio sospeso per ora. L’hype non è al massimo ma staremo a vedere.