The Elder Scrolls Online: Elsweyr – Dragonhold provato

Abbiamo provato Dragonhold, l'attesa espansione finale per The Elder Scrolls Online: Elsweyr!

PROVATO
A cura di Marcello Paolillo - 21 Ottobre 2019 - 16:00

Dopo aver fatto il suo debutto nel 2013, The Elder Scrolls Online ha visto sopraggiungere di volta in volta un numero sempre crescente di contenuti, specie con l’arrivo di Morrowind e Summerset, due espansioni in grado (da sole) di avvicinare al mondo di Tamriel un numero impressionante di giocatori appassionati. Con Elsweyr, concepita come la grandiosa e travolgente Stagione del Drago, abbiamo avuto conferma che Bethesda ha avuto da subito tutte le carte in regola per dare alla community di TES un prodotto che innalzasse ancora di più l’asticella, complice anche il fascino indiscusso delle gigantesche creature sputafuoco innestate all’interno dell’universo condiviso. Con Dragonhold, ventiquattresimo contenuto scaricabile ufficiale per l’avventura targata ZeniMax, l’odissea fantasy è destinata a continuare.

The Elder Scrolls Online: Elsweyr – Dragonhold provato

Una regione in pericolo

Elsweyr ci ha dato modo di godere di un capitolo lungo un intero anno e non sorprende che Bethesda e ZeniMax abbiano deciso di di dare un “gran finale” a quello che verrà ricordato come il più grande contenuto giocabile per il suo MMORPG fantasy più famoso al mondo. Come accennato poche righe più in alto, Dragonhold è infatti il ventiquattresimo DLC per TES Online, il quale porta con sé un buon numero di novità (inclusa una nuova zona da esplorare, varie quest, sfide e molto altro). Ora, grazie a Bethesda, abbiamo avuto modo di provare con mano – per circa un’ora – l’epica conclusione di Esweyr, riuscendo a comprendere in maniera più che concreta cosa ci aspetta da questo nuovo contenuto scaricabile. La storia ci porta nuovamente nel regno dei khajiiti, più precisamente in quello conosciuto come Pellitine. Il Sud di Elsweyr è ora trasformato in una vera e propria “terra di nessuno”, alla mercé di bande di ladri e schiavisti senza scrupoli. A rendere la situazione ancora più problematica per gli abitanti del luogo ci pensano i draghi, liberati dalle Halls of Colossus, i quali – grazie anche alle macchinazioni di una setta chiamata Ordine della Nuova Luna – hanno deciso di portare morte e distruzione nella regione già devastata decenni prima dal “fuoco purificatore”.

Accompagnati nel walkthrough da alcuni membri di Bethesda, il nostro test ha coinvolto le sfide iniziali che andremo ad affrontare nel contenuto completo una volta che sarà reso disponibile per tutti i giocatori. Parliamo di nuove missioni Delve, boss da affrontare mai visti prima ed eventi a tema “Dragon Hunt” (ossia la caccia al drago). La sensazione è quella che l’esplorazione delle zone a sud di Elsweyr sarà davvero ricca di sorprese, garantendo anche e soprattutto un numero considerevole di oggetti collezionabili inediti (sia orpelli, che armi e vestiario). Pellitine, a differenza di quanto visto nelle precedenti espansioni legate alla Stagione del Drago, offre scenari in rovina ma dotati un’estetica fantasy più tradizionale, che si allontana dai temi alla “Mille e una Notte” visti inizialmente in Elsweyr. Riportare in vita la Guardia del drago sembra essere il perno chiave della storia principale di Dragonhold, sebbene al momento i dettagli più approfonditi della trama non ci sono stati svelati. L’unica cosa pressoché certa è che saremo chiamati a collaborare con Sai Sahan, il quale ci aiuterà a mettere in piedi un gruppo di pirati (con tanto di nuova classe giocabile a tema) e avventurieri con il compito di riportare in vita un antico ordine ormai perduto nei meandri della memoria.

Un’ultima avventura

Da ciò che abbiamo potuto intuire, Sahan non sarà di certo l’unica sorpresa di Dragonhold. I cacciatori di draghi saranno chiamati nuovamente ad aiutare i khajiiti di Elsweyr e fronteggiare la minaccia che viene dall’alto, per un’ultima volta. Da ciò che abbiamo potuto vedere, in questo nuovo contenuto scaricabile ci saranno anche tutta una serie di missioni extra incentrate sul drago Kaalgrontiid, personaggio ben noto a chi si è avventurato nella storia principale di Elsweyr. Ovviamente, per poter giocare l’epilogo della Stagione del Drago di ESO, o giocatori dovranno aver portato a termine le missioni della storia principale di Elsweyr. Dal punto di vista tecnico, invece, non abbiamo riscontrato enormi passi avanti rispetto alla precedente espansione (né ce li aspettavamo, a dire il vero): il motore ci è parso in ogni caso piuttosto stabile e preciso, tanto che nel corso di tutta la durata del test non abbiamo mai sofferto cali di frame rate o crash improvvisi (augurandoci che tutto ciò possa essere dimostrabile anche una volta che il DLC sarà rilasciato ufficialmente).

The Elder Scrolls Online: Elsweyr – Dragonhold provato

Ultimo ma non meno importante: con Dragonhold verrà rilasciata anche un’importante patch per The Elder Scrolls Online: Elsweyr, la quale porterà svariate migliorie alle prestazioni del gioco, sia per quanto riguarda i combattimenti che semplici bug fix più o meno importanti. Infine, è confermata anche l’introduzione di Twitch Drop per i giocatori in possesso di una copia del gioco in versione PlayStation 4 o Xbox One, con la possibilità di guadagnare Twitch Drops per loro account personale guardando streaming di ESO (abilitati per i Drop).

+ Una notevole mole di contenuti
+ Estetica fantasy più sobria
- Nessuna vera novità strutturale

La Stagione del Drago di The Elder Scrolls Online: Elsweyr sta per chiudersi nel migliore dei modi: Dragonhold, il nuovo contenuto scaricabile in uscita entro la fine dell’anno, promette di essere l’epilogo perfetto per la ricchissima espansione messa in piedi da Bethesda e ZeniMax, complice una mole di contenuti realmente sorprendente e uno stile “classico” che riporterà i fan di ESO alle origini del MMORPG divenuto col tempo un vero e proprio atto d’amore verso la saga fantasy in questione. Senza contare che con il nuovo DLC vedrà la luce anche un’importante patch atta a bilanciare ulteriormente il gioco completo (ed è cosa buona e giusta). Cavalieri, guerrieri e pirati: preparatevi ad affrontare i draghi, per un’ultima volta.




TAG: Dragonhold, elsweyr, the elder scrolls online