Tanabe: ecco perché portare Mario su iPhone è un problema

A cura di wanderlust - 4 Marzo 2014 - 0:00

Nintendo non ha mai reso disponibili i propri prodotti di punta su sistemi Apple o Google, impedendo di fatto che questi venissero giocati sui loro dispositivi. Oggi Kensuke Tanabe, però, ha dato ulteriori delucidazioni riguardo alla decisione di proseguire su questa strada. Il producer ha fatto presente che in giochi come Mario e Donkey Kong i sistemi di controllo sono parte integrante del gioco: una vera e propria “estensione”, impossibile da replicare sugli smartphone, la cui mancanza non suscita in Nintendo nessuna voglia di provare. A chi ha accusato il colosso di Kyoto di star voltando le spalle a del denaro facile, il presidente Satoru Iwata ha inoltre fatto sapere che qualsiasi beneficio economico a breve termine non vale la pena di stravolgere i suoi prodotti e la sua politica ormai assodata. Morale della favola? I prodotti Nintendo restano su macchine Nintendo.




TAG: nintendo software house