News 1 min

Taipei Game Show rinviato all’estate a causa del coronavirus

L'organizzazione del Taipei Game Show ha annunciato di aver rinviato l'edizione 2020 prevista in origine tra il 6 e il 9 febbraio

Con una nota inviata alla stampa, l’organizzazione del Taipei Game Show ha annunciato di aver rinviato l’edizione 2020 prevista in origine tra il 6 e il 9 febbraio.

La decisione è dovuta ai rischi legati allo scoppio dell’epidemia di coronavirus sul territorio asiatico, riconosciuta nelle ultime ore dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come rischio globale.

Una nuova data sarà comunicata a breve ma è già stato reso noto che la sua programmazione è fissata nella finestra estiva, nella medesima location del Taipei Nangang Exhibition Center, Hall 1.

“Chiediamo sinceramente la comprensione degli espositori per una decisione così importante”, si legge nella comunicazione ufficiale. “I dettagli sull’esecuzione del rinvio saranno discussi attentamente, e saranno annunciati nei prossimi giorni”.

Il coronavirus ha causato almeno 213 morti e oltre 9.709 casi di contagio nella Cina continentale, come riporta la CNN alle ore 16:00 del 31 gennaio.

In Italia si sono verificati nella giornata di ieri i primi due casi di contagio, identificati nella città di Roma, con altri dodici ricoverati di conseguenza.

Si tratta del primo serio impatto dell’epidemia sul mondo del gaming, dopo uno, di certo di tono più leggero, legato al successo commerciale di Plague Inc. dovuto alla psicosi per il virus.

Il Taipei Game Show avrebbe ospitato, tra le altre cose, una serie di panel a marchio PlayStation in cui sarebbe spiccata la partecipazione di Yoshinori Kitase di Square Enix per rivelare particolari inediti su Final Fantasy VII Remake.