News 1 min

Super Data: Fortnite ai minimi dal 2017, Epic risponde: dati sbagliati

Secondo gli analisti il battle royale sta vivendo un momento di flessione, ma Epic Games risponde che i dati su cui fanno affidamento non sono corretti. Chi avrà ragione?

Nei giorni scorsi, gli esperti di SuperData hanno pubblicato dei dati relativi al mercato dei giochi digitali, rilevando che, secondo i dati in loro possesso, Fortnite sarebbe in una fase in cui «continua il suo graduale declino, raggiungendo il livello più basso da novembre 2017». Dati che trovano però del tutto in disaccordo Epic Games, gigante autore del gioco, che con una nota ufficiale concessa ai colleghi di GamesIndustry hanno puntato il dito contro SuperData, affermando che i dati in loro possesso non sono corretti.

«SuperData non ha e non ha mai avuto accesso ai dati sulle entrate di Fortnite per Epic Games, motivo per cui i report di SuperData non riflettono accuratamente le performance di Fortnite. Siamo delusi dal fatto che SuperData abbia ripetutamente pubblicato dei report non accurati in merito a Fortnite, basati su quella che riteniamo sia una metodologia discutibile. Anche se non abbiamo dati da condividere pubblicamente sulle entrate di Fortnite, possiamo dire che i report di SuperData non corrispondono a realtà» sono state le parole di un portavoce.

Portavoce a cui ha fatto seguito una contro-risposta da parte di SuperData, che afferma di «disporre di una provata metodologia e di un processo di convalida», ai quali sottopone le sue informazioni, prima di pubblicare i dati.

Difficile, quindi, comprendere chi abbia ragione tra le due parti chiamate in causa.

Fortnite è disponibile su PC, PS4, Xbox One, Nintendo Switch e piattaforme mobile. Per ogni altro dettaglio sul battle royale, fate riferimento alla nostra scheda dedicata.

Fonte: GamesIndustry