Star Wars Jedi: Fallen Order, impressioni da EA Play

La forza scorre potente in questo gioco

Speciale
A cura di Valentino Cinefra - 9 Giugno 2019 - 1:51

Non poteva che essere Star Wars Jedi: Fallen Order ad aprire le danze di EA Play. L’evento di Electronic Arts dedicato ai suoi fan sceglie il suo titolo più atteso per deliziare gli spettatori presenti in loco ed a casa (che hanno goduto di uno streaming non molto esaltante in generale, va detto).

Quindici minuti di gameplay in “presa diretta” per così dire, che ci ha mostrato la struttura del titolo di Respawn Entertainment. La prima impressione è che Zampella ed i suoi abbiano abbracciato l’essenza bellica all’arma bianca di Star Wars, e Jedi Fallen Order sembra concentrarsi molto sul duello con la spada.

star wars jedi fallen order

Non si possono non notare, infatti, le influenze di God of War (pre e post-trattamento di Cory Barlog) e Sekiro in primis. Il lancio della spada laser e conseguenti combo provenienti dal suo impatto ricordano non poco la Leviatano di Kratos, così come l’idea del duello risolvibile con dei quick time event che mettono in scena delle conclusioni di combattimenti molto spettacolari. Dalla recente opera di From Software – e un po’ dai soulslike in generale – rivediamo l’idea dello scontro centrato sull’avversario, con la necessità di doverne studiare le mosse, parare ma soprattutto contrattaccare. Se i nemici basilari sono difficili da prevedere, ma facilissimi da sconfiggere, quelli più pericolosi possiedono delle mosse imparabili, “leggibili” grazie ad un alone rosso che li circonda, un po’ il corrispettivo del kanji in Sekiro.

Ci aspettiamo anche la possibilità di poter sbloccare nuove mosse, un po’ per il sistema di acquisizione degli skill point, ed un po’ perché alcune mosse esibite dal protagonista sembrano fin troppo elaborate e “situazionali” per essere disponibili fin da subito. Proprio come il Lupo di From Software, ci aspettiamo che anche il Jedi di Respawn Entertainment possa diventare un guerriero sempre più abile e versatile con il passare del tempo, e l’investire dei punti esperienza. Quest’elemento l’abbiamo intravisto anche nell’evento hands-off (di cui parleremo a breve), in cui ci è stato mostrato il menù di potenziamento del protagonista a cui si accede entrando in meditazione. Non abbiamo avuto modo di capire come è strutturato, ma per certo pur con un’occhiata fugace, confermiamo la presenza di un albero delle abilità abbastanza classico da esplorare.

Se tutto questo può sembrare solo apparentemente derivativo (e solo la prova con mano ce lo potrà dire del tutto), la Forza aggiunge una serie di variabili intriganti allo scontro.

star wars jedi fallen order 3

Il Lato Chiaro del combo system

Tramite la Forza sarà possibile controllare gli avversari, rallentandoli o addirittura bloccandoli, interagire con l’ambiente per sfruttare gli scenari a nostro vantaggio, manipolare i proiettili energetici dei blaster, e tutto quello che solitamente siamo abituati a vedere nelle scene d’azione di un film di Star Wars. Molto d’impatto la sequenza in cui, nel trailer di gameplay, si è visto come sia possibile creare anche delle combo autonome, slegate dal combo system, frutto della creatività del giocatore, nell’occasione in cui uno stormtrooper viene preso con la… forza e infilzato su un proiettile energetico fermo a mezz’aria.

Per quanto riguarda l’esplorazione, Respawn prende spunto sempre dal God of War di cui sopra, con un pizzico di Uncharted nelle sezioni di arrampicata. La Forza sarà d’aiuto per interagire con l’ambiente, insieme al nuovo drone BD-01 (questo, insieme alle brevi sequenze di wallrun, i due piccoli tuffi al cuore che Respawn concede e si concede ricordando i suoi Titanfall), che potrà aiutare l’esplorazione in sezioni di gameplay dedicate, che siano l’intrufolarsi in spazi stretti o l’interagire con macchinari o dispositivi di vario tipo, con l’ausilio di strumenti e potenziamenti che strizzano l’occhio ai metroidvania e consentono a BD-01 di aprire la strada per nuove sezioni della mappa.

star wars jedi fallen order cap 1

Sappiamo infine che Star Wars Jedi: Fallen Order sarà canonico, incentrato fortemente sul cammino del Lato Chiaro della Forza, e che un po’ come in Mass Effect avremo la possibilità di esplorare molti pianeti per combattere le forze dell’Impero, dettagli rivelati durante il live stream che vi abbiamo riportato con le nostre notizie, ed in particolare in quest’ultimo caso confermato anche dalla prova hands-off nei booth di EA Play. Una volta radunata l’intera ciurma sarà possibile navigare per la galassia, esplorando e compiendo varie missioni, proprio come nel titolo Bioware.

Durante lo stesso hands-off abbiamo potuto assistere ad una sequenza ulteriore, ambientata esattamente prima dell’inizio della demo. Il nostro eroe jedi si ritrova alle prese con un AT-AT, che scala fino alla cima in un mix tra Uncharted e Shadow of the Colossus. Una volta preso il comando lo utilizza per fare piazza pulita di tutti i nemici della zona, in una sequenza che ricorda i momenti più scriptati degli shooter di qualche anno fa. Un momento senz’altro spettacolare, che sacrifica sull’altare del “bel vedere” la libertà di gioco. Una volta liberata la zona si ritrova ad incontrare Saw, il quale gli propone un’alleanza per liberare i wookie presenti nella base, e da lì inizia la sequenza che anche voi conoscete.

+ Una commistione di Forza ed elementi apprezzati da altri titoli action-adventure
+ A tratti davvero spettacolare
+ Graficamente sorprendente
+ Traspare una certa attenzione alla narrativa
- Forse un po' troppo derivativo
- Bisogna capire quanto lo scripting influenzerà l'esperienza di gioco

Star Wars Jedi: Fallen Order si mostra finalmente in azione durante EA Play. Respawn Entertainment dimostra di aver preso nota di ciò che ha funzionato per i miglior action dell’ultimo decennio, creando un gameplay la cui unica novità è costituita dalla Forza e dalle sue applicazioni durante il duello all’arma bianca. Il che è un bene perché sappiamo di poter contare su delle potenziali solide basi, ma allo stesso tempo non fa gridare al miracolo perché per molte cose sembra già visto. Per ora il titolo si è presentato bene, con l’unica riserva nel voler capire quanto il combo system possa essere malleabile ed eclettico, così come l’esplorazione della galassia possa risultare ripetitiva e/o poco stimolante. I fan di Star Wars possono tirare un primo sospiro di sollievo, perché Respawn Entertainment sembra aver imboccato la strada giusta, ma aspettiamo di capire dove andrà a parare definitivamente Star Wars Jedi: Fallen Order.




E3 2019 con Spaziogames.it

TAG: #e3 2019 top, e3 2019, electronic arts, respawn entertainment, star wars jedi fallen order