News 2 min

Ready At Dawn (The Order: 1886) acquisiti da Facebook

Gli sviluppatori di The Order: 1886 ora al soldo di Zuckerberg.

Altro colpo grosso per l’azienda Facebook, la quale ha annunciato stasera di aver acquisito un team di sviluppo piuttosto conosciuto dai giocatori di tutto il mondo: Ready At Dawn.

Il colosso di Mark Zuckerberg, già proprietario di Oculus Studios, ha ora ottenuto l’esclusiva di tutti i prossimi titoli Ready At Dawn, che – lo ricordiamo – ha già creato alcuni titoli per visori Oculus VR (Lone Echo, Echo Arena e Echo Combat).

Lone Echo II, attualmente in lavorazione presso lo studio, sarà il prossimo progetto a cui il team si dedicherà a tempo pieno. Si tratta quindi di un’ottima occasione di crescita per il gruppo di lavoro capitanato da Andrea Pessino, specie per le novità legate alla realtà virtuale di Oculus (incluso il supporto al sistema di movimento chiamato Zero-g e il Full-body IK)

L’unico rammarico è che la notizia dell’acquisizione mette definitivamente una pietra sopra circa la possibilità di vedere un sequel (magari proprio su PS5 e sviluppato da Ready At Dawn, nonostante la IP non sia la loro ma di Sony) di The Order: 1886, lo sparatutto steampunk ambientato a Londra uscito su PS4 nel 2015.

Insomma, dopo aver appreso la chiusura di Mixer e del conseguente arrivo della sua community su Facebook Gaming, l’azienda di Zuckerberg ha portato a casa un’altra vittoria realmente sorprendente: staremo a vedere quindi cosa riuscirà a tirare fuori dal cilindro il team di sviluppo statunitense, ora al soldo di Zuckerberg.

Ricordiamo per chi non lo sapesse che Ready At Dawn è stata fondata nel 2003 da Didier Malenfant, Andrea Pessino e Ru Weerasuriya, ex-dipendenti di Blizzard Entertainment e Naughty Dog, con sede ad Irvine in California. Dopo aver sviluppato con successo alcuni titoli PSP (tra cui Daxter, spin-off della serie Jak and Daxter) nel 2009 annunciano di stare lavorando ad un nuovo engine per console PlayStation 3 e PSP.

Il loro unico progetto in esclusiva PlayStation 4, The Order: 1886, vide la luce solo nei primi mesi del 2015, ottenendo però tiepide recensioni da parte della stampa specializzata.

Via: Polygon