NVIDIA misura la relazione tra GPU e il rapporto uccisioni/morti nei giochi Battle Royale

NVIDIA aiuta i gamer ad ottenere prestazioni migliori nei titoli Battle Royale

By |08/03/2019|Categories: News, Tech|Tags: , |

Oggi NVIDIA ha pubblicato informazioni sulle prestazioni dei gamer nei giochi Battle Royale e su come la tecnologia può aiutare i giocatori a ottenere prestazioni migliori.

Ecco la dichiarazione dell’azienda:

In NVIDIA collaboriamo da anni con i professionisti di esport per sviluppare l’hardware più competitivo. Le nostre schede grafiche sono ottimizzate per un gameplay con frame rate elevato, che aiuta a migliorare la latenza e il tempo di reazione complessivo.

Mentre è ben chiaro quanto le GPU e frame rate più elevati possano migliorare il tempo di reazione dei giocatori, eravamo interessati a scoprire come questo potesse tradursi in una maggiore competitività nei giochi battle royale per il giocatore medio. Abbiamo esaminato la media di uccisioni/morti del giocatore medio nei migliori giochi battle royale relativi alla loro GPU e stiamo condividendo i nostri risultati con la community.

Questa analisi non voleva essere un esperimento controllato, ma un’osservazione reale dei dati dei giocatori.

I dati supportano i trend che ci si aspetterebbe – ciò che il 99% dei giocatori professionisti sa – e cioè che i frame rate più elevati aiutano i tempi di reazione e le prestazioni competitive.

I dati indicano che i giocatori che giocano con GPU di fascia più alta con monitor ad alta frequenza di aggiornamento hanno un rapporto U/M significativamente più alto rispetto ai giocatori che giocano con GPU di fascia bassa con monitor a 60 Hz. Per i Battle Royale, 60 FPS e Hz non bastano più. Se si vuole essere competitivi in ​​questi giochi, si deve ottimizzare il sistema 144+ FPS e associarlo a un monitor ad alta frequenza di aggiornamento.

Scopri di più consultando il nostro articolo su GeForce.com.

Nvidia