Nvidia presenta le nuove GPU GeForce RTX Super

Abbiamo provato Control e altri giochi sulle nuove Nvidia RTX Super, potendo vedere gli effetti del Ray Tracing su questi alcuni titoli in arrivo.

Speciale
A cura di Silvio Mazzitelli - 15 Luglio 2019 - 11:45

Si è tenuta a Milano, presso la Copernico Blend Tower, la presentazione dedicata alla nuova serie di GPU GeForce RTX Super, l’ultima generazione di schede grafiche di Nvidia.

Durante l’evento sono state mostrate le qualità dei modelli RTX 2060/2070/2080 Super, con un particolare focus sui modelli appena usciti, 2060 e 2070. La 2080 sarà invece disponibile dal 23 luglio. Questa nuova serie andrà a sostituire la versione di “base” delle schede equivalenti, ossia quelle senza la dicitura Super, che pian piano verranno ritirate dal mercato, e si porrà al di sotto soltanto della RTX 2080 Ti, che resta il mostro inarrivabile.

A livello di prestazioni le nuove RTX Super garantiranno una potenza superiore del 25% rispetto ai modelli base, con il miglioramento di molti tool tecnologici già apparsi in precedenza. Tutto ciò sarà possibile grazie all’architettura Turing, un nuovo sistema rivoluzionario, di cui sono dotate le schede RTX, che permette calcoli ancora più veloci che in passato, riuscendo a gestire HDR, 4K a 60 FPS, Ray Tracing in tempo reale, DLSS e con una maggiore potenza di elaborazione IA, così da restituire immagini ancora più chiare e dettagliate.

La potenza delle nuove schede non è dedicata solo ai gamer, ma anche a chi lavora in diversi ambiti grafici, tra modellazione 3D, videomaking e fotografia. Grazie alla partnership con i programmi Adobe, come ad esempio Premiere, la velocità di calcolo delle nuove schede permette l’esportazione di enormi progetti, che normalmente potrebbero impiegare anche una decina di ore per essere completata, in un tempo nettamente minore, migliorando la qualità della vita lavorativa dei content creator.

Presenti all’evento diverse postazioni atte a mostrare le capacità delle nuove schede, messe alla prova con alcuni dei giochi più famosi del momento, tra cui Fortnite, Apex Legends, Battlefield V e molti altri; quello che però ha catturato la nostra attenzione è stato Control, il nuovo titolo di Remedy, in arrivo il 27 agosto.

Le applicazioni del Ray Tracing con Nvidia RTX Super

La demo presente in esclusiva era la stessa presentata di recente all’E3 di Los Angeles, mostrata su un laptop dotato di RTX 2070 Super, con la possibilità di attivare e disattivare il Ray Tracing in tempo reale con la sola pressione di un tasto.

Abbiamo potuto provare Control per una ventina di minuti, ammirando i poteri telecinetici della protagonista Jesse Faden a 60 FPS granitici. Il cuore della nostra prova è stata la possibilità di osservare l’effetto Ray Tracing sul mondo di gioco, alternando la sua presenza o meno per notare le differenze. Inutile dire che l’aspetto degli ambienti migliorava nettamente con questa funzione attiva, dando prova delle incredibili modifiche che questa nuova tecnologia riesce ad apportare calcolando il percorso delle varie fonti di luce. Il paesaggio, com’è visibile dagli screenshot presenti, in alcuni casi cambiava totalmente, divenendo molto più realistico. Vedere i pavimenti diventare talmente lucidi da sembrare quasi degli specchi, premendo solo un tasto e senza nessun rallentamento all’interno del gioco, fa un certo effetto e possiamo solo immaginare quanto queste nuove tecnologie miglioreranno con la crescita generale della qualità grafica nei giochi stessi, una volta che la next gen avrà preso piede.

Control e anche l’imminente Wolfenstein: Youngblood (in uscita il 26 luglio), saranno dati in omaggio a chiunque acquisterà una RTX 2060 o 2070 Super e la promozione è stata estesa anche alle normali schede RTX.

Tra i titoli presenti c’era anche un grande classico, rifatto appositamente per sfruttare le qualità delle nuove RTX: stiamo parlando dello storico Quake 2, titolo di ormai una ventina d’anni fa che le nuove tecnologie, tra cui l’applicazione del Ray Tracing, riescono a svecchiare enormemente, nonostante gli evidenti spigoli dovuti all’età.

Una versione più che godibile che dimostra come queste nuove tecnologie possano in futuro offrire un’esperienza grafica inedita anche per gli appassionati di retrogaming.

Nvidia riconferma la qualità delle sue schede grafiche con queste nuove incarnazioni dei modelli RTX. La serie Super, grazie alla tecnologia dell’architettura Turing, migliora ancora di più la già grande potenza di calcolo delle RTX base, riuscendo a implementare ancor di più le novità grafiche che questa tipologia di schede ha inserito nel mercato con successo. Siamo sicuri che quanto visto è solo un assaggio di quello che ci aspetterà con la nuova generazione di videogiochi in arrivo nel 2020.




TAG: geforce, Nvidia RTX super