LEGO Super Mario: quando mattoncini e videogiochi si incontrano – Speciale

Giocare a Super Mario nella realtà: scopriamo i dettagli dell'idea di LEGO e Nintendo

Speciale
A cura di Valentino Cinefra - 9 Aprile 2020 - 10:55

Quando durante il Mar10 Day siamo venuti a conoscenza dell’esistenza di LEGO Super Mario ci aspettavamo il classico set con cui l’azienda danese omaggia di solito i grandi franchise. Potevamo immaginarci il Castello di Peach riproposto come Hogwarts, un Fosso di Helm, una Morte Nera, ma anche la Torre degli Avengers o una miriade di altre opere di ingegno dedicate a film, videogiochi, fumetti e quant’altro.

Invece, LEGO ci ha stupito con quello che sembra essere un vero e proprio giocattolo dedicato a Super Mario. Non il classico set che gli adulti tengono in esposizione sotto una teca lontano dalle mani imprudenti e pericolose dei bambini, ma una vera e propria esperienza Mariolike costruita con la sapienza dell’azienda dei mattoncini più famosi del mondo.

Abbiamo voluto raccogliere un po’ di informazioni in seguito all’annuncio ufficiale, per capire come funziona esattamente LEGO Super Mario e cosa possiamo aspettarci dal prossimo agosto, quando il set arriverà sul mercato (ma potete già preordinarlo!).

lego super mario

LEGO e Nintendo: creatività al massimo

Apprendiamo che le due aziende sono a lavoro da quattro anni sul progetto LEGO Super Mario. È stata proprio LEGO a contattare Nintendo, proponendo una collaborazione e, nell’eventualità, cosa e come poter riproporre il franchise videoludico a mattoncini. La risposta della casa di Kyoto ha così iniziato una collaborazione stretta in un dream team con LEGO per cominciare a sviluppare il set che abbiamo conosciuto ora.

L’idea del team era quella di creare qualcosa di nuovo, di sperimentare e continuare quel processo che da sempre LEGO intraprende con i suoi prodotti, e nel caso specifico l’introduzione di elementi digitali in un hobby prettamente analogico, ma che sembrava naturale per rappresentare un franchise videoludico così importante.

Tra i primi prototipi, tra cui un Mario molto rozzo ma che il team ha dichiarato di amare fin da subito, dopo un anno e mezzo di lavoro è nato il primo set, che rappresenta proprio la base su cui poi espandere. LEGO Super Mario è infatti prima di tutto uno Starter Pack, che poi può essere ampliato con le due espansioni annunciate contestualmente.

lego super marioLEGO Super Mario: come funziona?

Come detto, LEGO Super Mario non è il classico set, ma è molto più giocoso, se vogliamo. È indicativo infatti il modo in cui vengono illustrate le classiche spiegazioni per il montaggio. Lo starter pack non viene illustrato per intero, ma viene spiegato solo come illustrare i singoli pezzi. Questo perché, nell’idea dei designer, saranno gli stessi ragazzi a costruire il loro livello personalizzato di Super Mario, dando sfogo alla creatività senza che qualcuno possa imporre, o suggerire, come farlo.

Lo stesso Mario non è la classica minifigure LEGO. L’idraulico ha dei piccoli schermi LED su occhi, bocca e pancia, ed uno speaker con cui comunica tramite voci e suoni. Sotto ai piedi, invece, ha un sensore che gli permette di capire su quale terreno sta camminando che sia sabbia, erba, acqua oppure fuoco. Gli occhi e la bocca si muovono autonomamente quando sta fermo – Mario si guarda intorno e sbatte le palpebre, ad esempio. Gli altri elementi entrano in gioco quando si inizia una partita.

Partendo dal classico tubo, si può muovere Mario proprio come fosse in un classico livello, e lo scopo è ottenere più monete possibili. Se ne ottengono calpestando i Goomba, così come volando sulla nuvola, ma anche calpestando i Blocchi ?, mentre camminando sul fuoco il nostro idaluico ne perderà alcune. Tutte queste informazioni, dalle monete al tempo limite per la partita, sono visualizzate sullo schermo nel torace. Al momento, Mario è l’unico personaggio interattivo pensato per tutti i set. È nell’aria che LEGO abbia in cantiere altri personaggi (Luigi? Peach? Toad?), ma nessuno si sbilancia chiaramente, per ora.

Altri dati interessanti: Mario è portato in vita da tre batterie AAA che durano 20 ore, e può interfacciarsi via Bluetooth con una companion app che verrà approfondita in seguito. Per ora sappiamo che l’app conterrà le istruzioni di montaggio, nonché farà aggiornare Mario per consentirgli di essere compatibile con i nuovi set che comprerete. Tramite la stessa app ci sarà una sorta di community in cui condividere foto, video ed i propri punteggi, così come LEGO pubblicherà video ed altri format per ispirare la creatività dei giocatori.

Come detto, LEGO Super Mario arriverà ufficialmente il 1 agosto 2020. I pre-ordini sono già aperti sul sito ufficiale di LEGO, con lo Starter Pack venduto a 59,99€ di listino. Le espansioni costano invece 29,99 euro nel caso di Scivolo della Pianta Piranha, mentre per Battaglia finale al castello di Bowser il prezzo sarà di 104,99 euro.

LEGO Super Mario è stato un annuncio a sorpresa prima di tutto per l’inaspettata partnership, e poi per come il nuovo set LEGO è stato realizzato. Un esperimento, qualcosa di particolare ed incredibilmente creativo, a tema con due aziende che, della creatività, hanno fatto il loro punto di forza. Non vediamo l’ora di ammirare questi (splendidi) set dal 1 agosto, quando saranno finalmente disponibili.




TAG: LEGO, LEGO Super Mario, nintendo