Il toccante discorso di Reggie Fils-Aime che premia i creativi dei videogiochi

L'ex presidente di Nintendo of America è salito sul palco dei TGA con un discorso che vuole motivare gli autori di videogiochi a credere nei loro progetti

NEWS
A cura di Stefania Tahva Sperandio - 13 Dicembre 2019 - 20:33

Uno dei momenti più apprezzati dei The Game Awards della scorsa mattina è stato l’intervento di Reggie Fils-Aime, ex presidente di Nintendo of America, salita sul palco per presentare i vincitori della categoria Fresh Indie Game – che premiava gli sviluppatori indie esordienti e portata a casa da Disco Elysium.

L’ex presidente ha approfittato dell’occasione per regalare al pubblico e agli addetti ai lavori un discorso ispiratore sul videogioco e sulla natura delle opere indipendenti, spingendo i creativi a continuare a creare e credere nei loro progetti, per raggiungere i risultati a cui sono giunti mostri sacri come Shigeru Miyamoto e Satoru Iwata.

Abbiamo deciso di tradurre e trascrivere integralmente il discorso di Fils-Aime, per consentire anche ai nostri lettori che non hanno dimestichezza con l’inglese – e, perché no, ai giovani sviluppatori in erba che ci seguono – di poter apprezzare quanto dichiarato dal buon Reggie.

Il toccante discorso di Reggie Fils-Aime che premia i creativi dei videogiochi

Le parole di Reggie Fils-Aime ai The Game Awards

“È stato appena sedici anni fa che mi sono unito a questa industria come dirigente. Se devo essere sincero, però, ero già un fan e un giocatore da parecchio tempo prima. Proprio come voi, sono stato testimone della crescita della nostra forma preferita di intrattenimento, con i videogiochi che, oggi, sono più grandi dell’intera industria del cinema, di quella musicale, di quella televisiva. La cosa più importante, però, è che i videogiochi continuano a innovare: non solo nell’intrattenimento, ma anche in aree molto più profonde. Esperienze che hanno le loro fondamenta nelle tecnologie videoludiche stanno venendo utilizzate per pratiche chirurgiche, altre consentono a studenti universitari di simulare situazioni di business e sviluppare così delle abilità utili per il mondo reale. Non sarò più un dirigente di quest’industria, ma sarò per sempre un ambasciatore per i videogiochi in quanto forza per il bene, in quanto forza per il divertimento.

In questa categoria, Fresh Indie Game, potete vedere come i videogiochi continuino a evolvere come forma di intrattenimento. Credo che sia questo, il premio più importante di questa notte: credo che gli sviluppatori indie siano i creatori più importanti di quest’industria. Perché? Perché ogni nominato di quest’anno, e anche in tutti gli anni precedenti, un tempo è stato uno sviluppatore indie. Quello stesso modo in cui si faceva lo sketch di un supereroe durante una lezione, di quando si stava stesi a letto di notte a pensare a mondi e sfide a cui nessuno aveva mai pensato prima: per il mio amico, Shigeru Miyamoto, quelle idee nacquero nei boschi nei pressi della sua casa a Kyoto. E per il mio caro amico scomparso, Satoru Iwata, quelle primordiali idee furono quelle che lo portarono a inventare un primo videogioco su una calcolatrice portatile, quando frequentava ancora le superiori. Sono entrambi diventati dei punti di riferimento della storia dei videogiochi, ma prima sono stati sognatori, hanno cominciato con la loro immaginazione – quindi, come tutti gli altri, agli inizi erano davvero degli sviluppatori indie.

Ogni evento di premiazione è, per definizione, un guardarsi indietro: chi ha fatto qualcosa di grandioso nell’anno passato? In questa categoria, invece, si può guardare avanti: se volete vedere l’incubatrice dentro la quale la grandezza dei futuri videogiochi sta evolvendo, si trova proprio qui. In questa categoria che premia i nuovi studi che hanno visto la pubblicazione del loro primo gioco, quest’anno.”

Il commento post-TGA

Visti i tanti commenti di apprezzamento ricevuti, Reggie Fils-Aime ha voluto ringraziare sui social, spiegando che «grazie a tutti voi per i commenti positivi sul mio discorso. I videogiochi sono una forza per il bene e per il divertimento. Sarò sempre l’ambasciatore di un’industria che amo.»

Non possiamo che augurare a tutti i piccoli sviluppatori che ci leggono di riuscire, presto, a vedere il loro gioco nelle mani di tanti appassionati!




TAG: reggie fils-aime, the game awards 2019