Ikoria: Terra dei Behemoth, la nuova espansione di Magic tra Commander e Godzilla – Speciale

A tu per tu con le novità di Ikoria

Speciale
A cura di Valentino Cinefra - 16 Aprile 2020 - 17:00

Esce oggi Ikoria: Terra dei Behemoth, nuova espansione di Magic the Gathering che ha deciso di non regolarsi per nulla e proporre mostri grossi, a tratti grossissimi. Il tema dell’espansione sono infatti le creature più leggendarie del multiverso di Magic. L’espansione è disponibile in queste ore su MTG Arena, mentre lo sarà dal 15 maggio in formato cartaceo con tutte le classiche proposte di Wizards of the Coast al lancio di una nuova espansione.

Come sempre, una nuova espansione di Magic significa nuove carte, ma anche nuove meccaniche e/o il ritorno di vecchie dinamiche di gioco da precedenti set. Quindi, mentre iniziamo a prendere mano con Ikoria ed i suoi mostri grossi, ecco tutto quello che dovete sapere sulla nuova espansione.

Ikoria Magic info

Creature di menare

Partiamo un po’ da quello che è il concetto generale dell’espansione. Come detto il tema sono i mostri, intesi proprio come creature colossali. Talmente tanto che tra le carte promozionali ci sono delle versioni alternative di creature in versione Godzilla e, in generale, i kaiju della cultura del cinema di genere, nato da una collaborazione con Toho Studios, i creatori del mostro nipponico più famoso di sempre.

Inoltre, da Ikoria in poi l’intenzione di Wizards of the Coast è quella di supportare sempre più il formato Commander, tra i più apprezzati della scena “analogica”, che in MTG Arena viene trasposto nel Brawl. Molte carte presenti in Ikoria, infatti, sono chiaramente pensate per questo tipo di formato e potrebbero risultare quasi ingiocabili o poco utili in Standard. Talmente tanto che, ancora prima della release, c’è stato addirittura un primo ban per Commander e Brawl.

Lutri magic

È Lutri, il Rincorrimagie, che per la sua ovvia potenza Wizards ha deciso di bandire ancora prima che Ikoria esca. Effettivamente una svista abbastanza clamorosa per il team di sviluppo, che è già diventato un meme nella community dei giocatori.

Prima di passare alle nuove meccaniche di gioco, un po’ di numeri per i più appassionati ed i collezionisti: Ikoria ha 274 carte, di cui 15 rare mitiche, 53 rare, 80 non comuni, 101 comuni, 10 terre non base e 15 terre base.

Ikoria: Terra dei Behemoth, le meccaniche di gioco

Dunque, andiamo al sodo con le nuove meccaniche e strategie introdotte da Ikoria, così come i ritorni illustri in termini di soluzioni di gioco.

Yidaro Magic

La meccanica che ritorna stavolta è Ciclo. Spendendo un costo di mana diverso da quello di lancio, le carte con Ciclo possono essere scartate per poterne ripescare una.

Ovviamente intorno al ciclare una carta ci sono meccaniche, effetti aggiuntivi alle volte, nonché una ovvia sinergia con Fuga introdotta da Theros: Oltre la Morte, da sperimentare nelle prossime settimane.

drakkis magic

La prima, nuova, meccanica di gioco è Mutazione. Una meccanica semplice nell’idea quanto complicata da assimilare al meglio. Le carte con Mutazione, che sono solamente creature, possono essere lanciate con un costo di mana alternativo per farle mutare. Nel farlo si può scegliere di mettere la suddetta carta sopra o sotto ad una propria creatura non Umano in gioco. Così, la creatura muta nella creatura sopra, ma con anche le abilità di quelle sotto.

Due note interessanti su Mutazione: si può far mutare più volte una stessa creatura (e infatti molte carte hanno un effetto che recita “Ogni volta che questa creatura muta ecc.”), e nel caso la creatura venga fatta tornare in mano anche tutte le altre appiccicate ad essa tornano separatamente. Questo genera possibilità di combo notevoli, nonché una flessibilità totale delle creature che, a seconda della situazione di gioco, possono fungere da base per una nuova creatura o aggiunta a seconda di cosa è più comodo in quel momento.

Kaheera magic

L’ultima abilità è Compagno, una keyword che agisce in fase di deckbuilding. Compagno, in buona sostanza, vi costringe a costruire il vostro mazzo con delle condizioni precise (v. Lutri, ad esempio). Questo è ovviamente sinergico con i formati Commander e Brawl, visto che tendenzialmente le carte con abilità Compagno sono abbastanza centrali per quanto riguarda la strategia di gioco. Sarà interessante vedere se, e come, le creature con Compagno potranno influire nello Standard dove invece il deckbuiling è nella stragrande maggioranza dei casi sinergico rispetto a tutte le carte della lista, invece che ad una soltanto.

pteron magic

L’ultima novità di Ikoria – la più curiosa, probabilmente – sono i segnalini abilità. In breve, le carte di Ikoria forniscono le classiche parole chiave di Magic sotto forma di segnalini. Questo significa che ci sono altrettante carte che li rimuovono, li spostano, li duplicano, e così via. Precisamente, le parole chiave che sono influenzate dai segnalini sono: Volare, Travolgere, Tocco Letale, Cautela, Legame Vitale, Minacciare, Anti-Malocchio, Attacco Improvviso, Raggiungere, +1/+1. Dinamica interessante, da approfondire senz’altro, che potrebbe generare combo realmente potenti ed eclettiche.

Mentre ci apprestiamo a spremere le nostre meningi con le nuove possibilità offerte da Ikoria: Terra dei Behemoth, ecco tutte le novità che dovete conoscere sulla nuova espansione mostruosa di Magic the Gathering. Ovviamente continueremo a seguirla, giocare, proporre le nostre idee e strategie nelle prossime settimane, così come arriverà la recensione non appena il metagioco si sarà assestato e si potrà iniziare a capire quanto Ikoria lo avrà influenzato.




TAG: Ikoria, magic the gathering arena