Heroes of the Storm: La luce di Yrel - SpazioGames

Heroes of the Storm: La luce di Yrel

By |giugno 21st, 2018|Categorie: SPECIALI|Tags: |

Ad anticipare quello che sarà il grande evento dell’estate di Blizzard, ovvero l’uscita di Battle for Azeroth per World of Warcraft il 15 agosto prossimo, il nuovo evento di Heroes of the Storm è proprio dedicato all’eterno scontro tra Orda e Alleanza. In Passo d’Alterac saremo chiamati ancora una volta, dopo l’evento ispirato alla lucha libre, a scegliere uno schieramento, del quale otterremo ricompense a tema partita dopo partita. Ma non solo, l’evento porta con sé anche una nuova eroina: Yrel.
Dopo aver raggiunto una versione alternativa di Draenor, le forze di Azeroth salvarono l’accolita Yrel dall’Orda di Ferro. Con il loro aiuto, raggiunse il grado di Esarca e respinse l’invasione demoniaca del suo mondo. Ora, si trova in un luogo in cui il tempo, lo spazio e le dimensioni convergono: il Nexus.

Luce della Speranza

Yrel è un guerriero, precisamente un tank che funge da baluardo per gli alleati, e da punto focale dell’attacco nemico. Yrel è un tank offensivo, che ha bisogno di ingaggiare i nemici a breve distanza per essere efficace, ma tuttavia funge da scudo per gli eroi alleati in difficoltà.
Il suo Tratto Distintivo è Intento Divino (D). All’attivazione, Yrel carica l’abilità base successiva rimuovendone il costo in Mana. L’effetto passivo rende le abilità di Yrel più veloci da ricaricare e più efficaci, al costo della velocità di movimento ridotta del 25%.
La prima abilità è Rivendicazione (Q). Yrel sprigiona energia sacra intorno a sé, infliggendo danni ai nemici vicini e curandosi contemporaneamente. Caricando l’abilità al massimo il danno e le cure aumentano notevolmente.
Martello Virtuoso (W) è invece la seconda abilità. Con il suo ingombrante martello, Yrel può infliggere danni ai nemici in un arco di fronte a sé, respingendoli lontano e stordendoli. Anche in questo caso, caricare l’abilità fino al suo massimo permette di aumentare i danni e la distanza a cui i nemici vengono respinti.

L’ultima abilità base è Ira Vendicatrice (E). All’attivazione Yrel balza verso il punto selezionato, infliggendo danni e rallentando i nemici nell’area dell’impatto per pochi secondi, dove la portata del salto è tanto elevata quanto la carica che viene data all’abilità.

Le due abilità eroiche di Yrel sono parecchio diverse l’una dall’altra, ma mai come in questo caso una è preferibile nettamente all’altra.
Terreno Sacro (R) crea un’area intorno ad Yrel, all’interno della quale ottiene resistenza finché non la abbandona.
La seconda, nonché decisamente più consigliabile, è Fervida Protettrice (R). All’attivazione Yrel crea una barriera intorno a sé, che converte i danni subiti in Salute per il 50%. Per un tank del genere è molto più importante riuscire a resistere, attirare i danni, ma soprattutto essere autosufficiente. Considerando la quantità di danni in pochi secondi che certe composizioni possono creare, Fervida Protettrice è un’abilità eroica di gran lunga preferibile e coerente con il gameplay di Yrel.

Conclusioni
Yrel è un tank non eccessivamente interessante. Ha una grande capacità di autosostenersi, merce rara per la categoria, e permette al guaritore del gruppo di concentrarsi per primo su altri eroi. Però, alla prova sul campo di battaglia, l’idea è che a questo nuovo tank rimangano sempre e comunque preferibili gli intramontabili E.T.C. ed Artanis, ad esempio.
Questa nuova eroina è comunque molto divertente da giocare. In coppia con un guerriero più difensivo, Yrel potrebbe essere il classico offensive tank in grado di sbloccare la situazione, perché le sue abilità di controllo (che divengono ancora più importanti ed efficaci con i talenti) aiutano molto alla conclusione delle uccisioni, così come lo svolgimento dei teamfight in generale.






Non originalissima per quanto riguarda le sue skill (difficile esserlo a questo punto, nonostante Heroes of the Storm sperimenti parecchio con i suoi eroi), Yrel rimane comunque un guerriero molto divertente da giocare. Imparando a padroneggiarla a dovere potreste farla entrare nella vostra routine abituale, ma tendenzialmente rimane un paio di spanne sotto ad altri che, attualmente, non possono che dominare il metagioco del MOBA di Blizzard.

ATTENZIONE
Abbiamo cambiato il sistema per la gestione dei commenti.
Adesso è necessario registrarsi a Disqus tramite QUESTO LINK disponibile anche alla voce “iscriviti” presente nella sezione qui sotto dei commenti.
L’area privata è momentaneamente in manutenzione.