Google Stadia avrà bisogno di esclusive a tempo e acquisizioni, per un analista

Google avrà bisogno di rimpolpare la propria lineup con offerte esclusive, secondo un analista

News
A cura di Paolo Sirio - 15 Aprile 2019 - 20:00

Uno degli elementi di novità di Google Stadia è rappresentato dal fatto che al suo servizio ci sarà un team interno capitanato dalla veterana dell’industry Jade Raymond.

Tuttavia, questo potrebbe non essere abbastanza da garantire l’innesto di contenuti esclusivi allettanti per i nuovi utenti, stando all’analista Piers Harding-Rolls.

“Un nuovo studio first-party è un passo nella direzione giusta per Google, per costruire i suoi contenuti esclusivi, ma avrà comunque bisogno di negoziare esclusive a tempo con third-party per iniziare a competere più significativamente con quanti abbiano portfolio importanti”, ha spiegato l’analista di IHS Markit.

“Se Google fa sul serio riguardo alla competizione, la probabilità che la compagnia acquisisca studi o persino un publisher deve essere considerata elevata”.

Una critica in tal senso era stata mossa da Microsoft, che si era detta poco impensierita dall’idea di un ingresso in campo di Google Stadia visto che dalla sua, pur avendo un’ottima infrastruttura, non ci saranno i contenuti che può vantare Xbox.

Google si starà muovendo dietro le quinte per cambiare la situazione?

google stadia

Fonte: WCCFTech




TAG: Google Stadia