News 1 min

FPS vogliono nuovo setting

Il direttore generale di DICE Karl Magnus Troedsson ritiene che gli sparatutto in soggettiva abbiano raggiunto una situazione di stallo per quanto riguarda il setting. Vi è una certa ciclicità in questa tipologia di giochi, e le ambientazioni tendono a cambiare con una certa frequenza, seguendo delle particolari mode dettate dai giocatori.Prima di Battlefield 3 il tipo di scenario che andava per la maggiore era quello della seconda guerra mondiale. Adesso pare che la predilizione vada per un futurismo molto prossimo, come del resto i recenti Call of Duty hanno dimostrato.Secondo Troedsson anche questo trend sta ormai per cambiare, e da sviluppatore sostiene di non poter creare troppi giochi ambientati nello stesso setting storico/ambientale, o la creatività e il desiderio di sperimentalismo ne verrebbero inevitabilmente soffocati.